gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Ecco come l'inquinamento mette a rischio la salute dei bambini

I pediatri della SIPPS lanciano l'allarme: sono in aumento malattie strettamente connesse all'inquinamento e al degrado ambientale

“Il problema dell’inquinamento ambientale viene sottovalutato o quasi del tutto ignorato dalle famiglie, oltre che da molti pediatri e dalle Istituzioni. I genitori di oggi, sempre più anziani e con figli unici, si mostrano premurosi e preoccupati, spesso in modo eccessivo e immotivato, per problemi ‘temporanei’, come un’influenza o un raffreddore stagionali- Al contrario, sembrano passivi davanti al degrado ambientale che si pone quotidianamente davanti ai loro occhi e che risulta estremamente dannoso per la salute dei loro figli. Per questo motivo, la SIPPS vuole impegnarsi per aumentare la consapevolezza verso il problema, offrendo uno specifico contributo alle Istituzioni competenti per le politiche a favore dell’infanzia, proponendo azioni mirate a tale scopo e partecipando attivamente alle iniziative sul Territorio Nazionale per salvaguardare, per quanto possibile, lo stato di salute dei cittadini e in particolare della popolazione più fragile che è quella pediatrica.”


LEGGI ANCHE: Neoplasie infantili in aumento a causa dell'inquinamento


Sono le parole di Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) che annuncia di aver lanciato, in Campania come regione pilota, il progetto dei "pediatri-sentinella": una rete di medici che si occuperà di monitorare l'incidenza delle malattie legate all'inquinamento (LEGGI) e anche di sensibilizzare i genitori su questo rischio.

Secondo la SIPPS è in atto una vera e propria emergenza ambientale e a causa della capillare presenza, sul territorio nazionale, di terreni contaminati, aria e acqua inquinate, smaltimento illegale di rifiuti tossi, sono in aumento patologie come patologie respiratorie, endocrine, tumori e malformazioni in età pediatrica.


LEGGI ANCHE: Allergie, i bambini milanesi più a rischio


Ma quale sarà il compito dei pediatri sentinella?
A loro l'incarico di monitorare la situazione inquinamento nel proprio territorio - compito non facile visto che i dati sono spesso lacunosi e incompleti - e di collaborare con i medici per l'Ambiente per studiare l'incidenza delle malattie collegate all'inquinamento ambientale, con particolare attenzione ai tumori (LEGGI).
Ma questi pediatri dovranno anche sensibilizzare direttamente i genitori e le istituzioni e interagire con gli Enti preposti per la valutazione dello stato di inquinamento ambientale a livello territoriale.

Ci riusciranno?
Lorenzo Mariniello, Pediatra di Famiglia e Componente Direttivo Nazionale SIPPS, nonchè coordinatore dei pediatri sentinella promette di impegnarsi al massimo per avere una corretta valutazione "epidemiologica dell’impatto dell’inquinamento sullo stato di salute dei cittadini e in particolare dei bambini" in Campania.

 
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0