gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Il dentino da latte dondola: cosa fare?

Intorno ai 5 anni i dentini da latte possono cominciare a dondolare per dare il cambio ai denti definitivi. Cosa è meglio fare?

Intorno ai cinque/sei anni il bambino può cominciare a cambiare i dentini. Il primo dentino da latte comincia a dondolare e poi improvvisamente cade.

Le leggende intorno alla caduta dei denti da latte sono tante. La più celebre ed  amata è quella della Fatina del Dentino (LEGGI): il dente caduto va nascosto sotto al cuscino o in un posto segreto della casa. Nottetempo la Fatina arriverà a prenderlo per inserirlo nella sua collezione di dentini dei bambini e in cambio lascerà una monetina o un piccolo regalino.


LEGGI ANCHE: Speciale dentini, da quelli da latte al dentista


Generalmente il bambino si accorge che un dentino (solitamente si inizia con gli incisivi superiori e poi con quelli inferiori) dondola e lo dice alla mamma. Il dentino potrà dondolare anche per due o tre settimane prima di cadere.
Nello spazio lasciato dal dentino spunterà poi il dente definitivo.

Un tempo le nonne usavano attaccare il dentino che dondolava ad un filo che veniva poi legato alla maniglia di una porta che veniva chiusa con forza: in questo modo il dente pendulo veniva via in un secondo.

Oggi difficilmente si usano metodi del genere, anche perchè si usa ormai aspettare che il dentino cada da solo, magari sollecitandolo solo un po'.
 

GUARDA IL VIDEO: Fammi crescere i denti davanti


Come procedere, dunque?
Se il dente comincia a dondolare si può consigliare al bambino di stuzzicare dolcemente il dente con la punta della lingua oppure di toccarlo con il dito. Ma senza forzare la caduta, perchè il dondolio è solo l'inizio del processo di caduta ed è bene non forzare mai il naturale corso degli eventi. In estate può essere utile utilizzare alcuni "trucchetti" per facilitare il distacco del dente pendulo, ad esempio offrendo al bambino un bel ghiacciolo, oppure una mela da gustare a morsi o una carota cruda.
Se il bambino dovesse ingerire inconsapevolmente il dentino da latte non ci sono rischi, l'unico problema sarà dover trovare una buona storia da raccontare alla Fatina dei Denti!



Può capitare che sia necessario "dare una mano" al dentino per farlo cadere definitivamente. Spesso resta attaccato solo per una piccola parte. A quel punto si può tentare un'estrazione casalinga con un fazzoletto pulito. Se il dente è ormai staccato potrebbe non uscire nemmeno un po' di sangue. Se dovesse presentarsi una piccola emorragia si può fare pressione sulla gengiva sanguinante con una garzina pulita finchè il sangue non si ferma.

Se i tempi si allungano vistosamente e il dentino pendulo non ne vuole proprio sapere di venir via ci si può rivolgere al dentista. Si occuperà lui dell'estrazione, usando un po' di analgesico per non far sentire dolore al bambino.

E' comunque importante pianificare una visita odontoiatrica (LEGGI) intorno ai 5/6 anni anche se la situazione dei denti sembra essere regolare: lo specialista valuterà caso per caso ed eventualmente procederà ad estrarre il dente che dondola.

Insomma, meglio aspettare che il dentino che dondola cada da solo - magari aiutandolo un po' - ma se il dente permanente sta spuntando vistosamente e il rischio è che possa crescere storto o accavallarsi al dente da latte (LEGGI) , allora meglio estrarre il dentino da latte per lasciare spazio al nuovo.



gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0