Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-ros
1 5

Cosa vuoi fare da grande? I sogni dei bambini

I genitori lo chiedono spesso: cosa vuoi fare da grande?

adsense-foglia-300
Da piccola volevo fare il veterinario per salvare la vita degli animali.
Poi sono cresciuta e ho pensato di voler fare l'avvocato. Infine, alle superiori, ho incontrato un professore che mi ha spinto a coltivare la mia vera passione, quella per la scrittura. Di certo sono fortunata perchè posso fare un lavoro che mi piace e di questi tempi non è poco.

Oggi quando chiedo a mio figlio di quattro anni cosa vuole diventare da grande dice "il pilota di aerei militari". In camera ha una piccola flotta di caccia e MIG e dice sempre che quando avrà fatto la scuola per diventare pilota mi porterà con sè sul suo aereo.


LEGGI ANCHE: I sogni iniziano sin dalla pancia della mamma


Gli adulti chiedono spesso ai figli, ma anche agli amichetti o ai figli degli amici, cosa vogliono fare da grandi. Perchè poniamo questa domanda?
Penso che da un lato, nel nostro profondo, vogliamo invitarli a pensare ai loro sogni e a coltivarli. Il mondo è dei bambini e anche il futuro (LEGGI), che è tutto da costruire e aperto a mille possibilità, è loro.

Chiedere ai bambini cosa vogliono diventare significa educarli all'idea che in fondo tutto è possibile (LEGGI) e se a cinque anni sogni di diventare astronauta hai tutto il diritto di poter esprimere il tuo sogno senza che chi ti ascolta ti risponda con un sorriso di compatimento.


LEGGI ANCHE: Bimbi a lavoro con mamma e papà


La maggior parte dei bambini risponde di voler diventare pompiere, o poliziotto, o dottore. Quando crescono il fascino della divisa comincia a scemare e le risposte virano più su giornalista, scienziato, attore, velina.

Il mondo della televisione e la mediocrità dilagante influenzano moltissimo i bambini nella crescita. E' innegabile che se a tali  dis-valori non si contrappone con vigore l'intervento dei genitori che "raccontano" ai bambini l'esistenza di una possibilità concreta di diventare ciò che si desidera, loro cresceranno con l'unico obiettivo di fare più soldi possibile e "diventare famoso". Poco contano cosa si fa fare, quali siano i propri talenti, la possibilità di diventare utili per gli altri...



Insomma, se da un lato è importante l'esempio (LEGGI) dei genitori, indipendentemente dal lavoro che essi svolgono e da quanto li gratifichi, dall'altro conta forse ancor di più il loro atteggiamento nei confronti del "tema lavoro". Non tarpare le ali ancora prima che vengano spiegate, non piegarli con la nostra disillusione, trasmettere ai bambini (e agli adolescenti) l'idea che se hai una passione vera e sogni di diventare un medico o un pilota di aerei è giusto che questo sogno venga coltivato.
Almeno fino a quando (semmai ciò dovesse accadere) non si infrangerà sul muro della realtà.