gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

La prima ora di vita di un neonato

/pictures/20141031/la-prima-ora-di-vita-di-un-neonato-1681851971[2662]x[1110]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Una ricerca francese ha individuato quelli che sono i primi gesti della nascita, cosa fa un bambino appena nato nella sua prima ora di vita

PRIMA ORA DI VITA DEL NEONATO - La gravidanza è quasi al termine e si inizia a immaginare come sarà il momento in cui finalmente potremo abbracciare il nostro bambino. Le emozioni che aspettano una mamma dopo il parto sono tante e molto intense.

Ogni gravidanza è diversa dalle altre e ogni nascita porta alla donna una emozione nuova anche se ha già provato quella esperienza. Cosa proverà invece il bambino? Com’è vedere il mondo per la prima volta? In molti film abbiamo avuto l’illusione di poter vedere con gli occhi di un bambino appena nato. Chi non ricorda la scena di “Senti chi parla?” in cui il bambino riconosce la madre dalla voce e si lamenta del cibo piccante che mangiava?

Una ricerca francese ha individuato quelli che sono i primi gesti della nascita, cosa fa un bambino appena nato nella sua prima ora di vita. Secondo i ricercatori i primi momenti di vita del neonato dopo il parto hanno delle caratteristiche comuni, pur prevedendo la situazione di ogni bambino possa variare per fattori diversi. Nelle prime due ore di vita dopo il parto il neonato è in uno stato di quiete, in cui per la prima volta sperimenta le funzioni vitali fuori dalla pancia della madre e le percezioni sensoriali.

Minuto zero. La nascita

Appena uscito dalla pancia della mamma, la prima scoperta per il neonato è la respirazione spontanea. Sicuramente si tratta di una sensazione forte sentire i polmoni che si espandono, tanto che la prima reazione del bambino è spesso un pianto con cui prende aria. Il pianto consuma energie ed è stancante per il bambino che subito dopo si calma per recuperare le forze.

La prima volta che apre gli occhi

Secondo la ricerca francese tra il secondo e il quinto minuto di vita, il bambino apre gli occhi per la prima volta e sperimenta la vista. Non è ancora in grado di focalizzare tutto ciò che lo circonda e la sua capacità di vedere si limita a oggetti o persone non più lontani di 25 cm.

Il primo languorino

I ricercatori sostengono che il senso della fame si presenta nel bambino dopo l’ottavo minuto di vita. La precisione potrà far sorridere le future mamme, ma la capacità dei neonati di richiedere il latte come se avessero un cronometro incorporato sarà tra le prime sorprese che le aspetta. Il neonato comunica la sua fame con piccoli pianti. Istintivamente inizia a cercare il seno della madre.

La prima volta che cerca la mamma

Tra il 18° e il 36° minuto di vita, il neonato attraversa una seconda fase di quiete in cui recupera le forze del suo pianto per il cibo. Secondo la ricerca un neonato si riposa fino a poco dopo la sua prima mezz’ora di vita prima di provare nuovamente a cercare il seno della madre. La prima suzione stimola gli ormoni materni per la produzione di latte.

Gli accessori che ogni neonato dovrebbe avere in dotazione

Il primo sapore

Il latte materno non è la prima sostanza nutritiva prodotta dal seno della madre: è preceduto dal colostro. Secondo la ricerca le prime gocce di colostro arrivano solo verso la prima ora di vita del bambino, per l’esattezza al minuto 62°, quindi poco quasi mezz’ora di suzione. Lo stress a cui è psicologicamente sottoposta una donna che ha appena partorito è tale che ci si augura che l’ansia di vedere arrivare il latte non sia accompagnata da un controllo con il cronometro.

Il primo pisolino

Al settantesimo minuto, dopo tanta fatica per succhiare il colostro, il neonato è così stanco che si addormenta e fa il primo vero pisolino della sua vita.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0