gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Neonati e caldo, come aiutarli

/pictures/20160803/neonati-e-caldo-come-aiutarli-2072712688[2529]x[1054]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Le temperature elevate possono creare molti disturbi al bambino appena nato: ecco i consigli giusti per tutti i genitori su come difendere i neonati dal caldo nei mesi estivi

Come difendere i neonati dal caldo

I neonati sono più sensibili al caldo rispetto agli adulti. Per questo è necessario aiutarli a difendersi dal caldo e dalle temperature eccessive dei mesi estivi. Mentre il bambino più grande sa dire se ha caldo, il neonato può farsi capire solo attraverso il pianto. E' importante quindi cercare di percepire tutti i segnali che il piccolo manda e che ci possono far pensare che abbia caldo, per riuscire ad alleviare il suo fastidio.

Come vestire il neonato in estate

Le alte temperature e l'umidità, infatti, costituiscono un disturbo per il neonato nei primi mesi di vita. Ma i neogenitori possono mettere in pratica alcuni consigli su come difendere i neonati dal caldo, per farli stare meglio. I colpi di calore sono frequenti nei neonati, se non si prendono le giuste precauzioni. Bisogna però fare sempre molta attenzione agli sbalzi di temperatura per evitare raffreddori o altri malanni, soprattutto se in casa o durante gli spostamenti in macchina si utilizza l'aria condizionata.

Neonati e caldo, come aiutarli

Uno dei problemi principali legati al caldo è il rischio di disidratazione. Se il neonato suda molto e non reintegra abbastanza i liquidi persi, potrebbe andare incontro alla disidratazione. In generale i pediatri sostengono che un neonato allattato al seno non ha bisogno di prendere ulteriori liquidi nei primi mesi, anche se fa molto caldo. Questo perché il latte materno ha una diversa consistenza ed all'inizio della poppata è molto liquido, proprio per soddisfare la sete del bebè. Quindi se si fa un allattamento a richiesta, facendo attaccare il neonato ogni volta che lo richiede, il latte della mamma basta. Se invece si utilizza il latte artificiale, se fa molto caldo, tra una poppata e l'altra, può essere utile dare al bambino un po' di acqua, scegliendo sempre le acque più leggere e adatte al delicato stomaco del neonato.

Neonato e caldo estivo

Nelle ore più calde della giornata è meglio evitare di uscire con il neonato. A casa si può cercare di rinfrescare le stanze per abbassare un po' la temperatura. Se utilizzate un ventilatore, questo non deve mai essere puntato direttamente sul bambino. Se avete il condizionatore, impostatelo ad una temperatura di circa 26°, tenendo sempre in considerazione la temperatura esterna (ed evitando che lo sbalzo termico sia troppo elevato). Anche in macchina si può utilizzare l'aria condizionata durante gli spostamenti, ma la differenza con l'esterno non deve essere maggiore di 5/7 gradi.

Proteggere neonati dal sole

Se siete al mare, i neonati si possono portare in spiaggia nelle ore più fresche della giornata: dalle 8.00 alle 10.00 durante la mattina e dopo le 18.00 nel pomeriggio. Anche in questi orari è meglio comunque evitare di esporli troppo alla luce diretta del sole e bisogna sempre utilizzare una crema solare con fattore di protezione 50. Nelle ore centrali della giornata è meglio invece rimanere a casa per evitare colpi di calore. Se siete in montagna, non portate i neonati ad altezze troppo elevate (sopra i 2.000 metri) e ricordatevi di proteggerli dai raggi solari. Quando si esce, si deve vestire il neonato con abiti di cotone o di lino, da prediligere alle fibre sintetiche, ed è meglio scegliere abiti con colori chiari, che non assorbono troppo il calore. Se fa eccessivamente caldo, si può anche lasciare il bambino solo con un body o una magliettina leggera. Se poi si va in un ambiente più fresco o con l'aria condizionata, basterà coprirlo con il lenzuolino della culletta. Anche un cappellino può essere utile contro il rischio di insolazione.

Neonato sudato mentre dorme

La sudorazione è importante perché aiuta il bambino a regolare la temperatura corporea. Spesso le neomamme si preoccupano perché il neonato suda molto mentre dorme oppure ha spesso la testa sudata. In questi casi è sempre bene controllare che il neonato non sia troppo coperto. Bisogna controllare la nuca del neonato, che è il punto più importante da cui si può capire se il neonato ha caldo o freddo. Se infatti la nuca è fredda, allora il neonato potrebbe essere troppo scoperto. Se invece la nuca è calda e sudata, significa che il neonato ha caldo e probabilmente sarà troppo coperto. Sarà quindi necessario scoprirlo un po'. Se è sudato, sempre meglio cambiarlo, per evitare che possa raffreddarsi a causa di un colpo d'aria. Se il bambino suda troppo, potete provare a rinfrescarlo con un panno umido o a fare un bagnetto. Dopo il bagnetto, la pelle del bebè deve essere idratata con una apposita crema per riequilibrare il Ph naturale.

Neonato sudato sulla schiena

Durante gli spostamenti, sia in macchina che a piedi, è meglio mettere un lenzuolino di cotone o lino tra il bambino e l'ovetto/seggiolino o il passeggino. Questo perché, essendo imbottiti, il seggiolino o il passeggino del neonato, possono scaldarsi eccessivamente e far sudare il bambino sulla schiena. E nel momento in cui lo prenderete in braccio, potrebbe avere la maglietta bagnata di sudore e rischiare di raffreddarsi. Portate sempre un cambio di abiti nella borsa, in modo da mettergli un vestitino asciutto se è tanto sudato. Non lasciateli mai nell'auto parcheggiata, nemmeno per pochi minuti, perché la temperatura dei neonati si alza molto più velocemente rispetto a quella degli adulti e bastano appena 20 minuti per rischiare un innalzamento eccessivo. 

Cosa fare se il neonato mangia poco con il caldo

Con il caldo può capitare che il neonato abbia meno appetito. Spesso le mamme si preoccupano perché pensano che il neonato dovrebbe mangiare di più, ma non è detto che sia così. Un po' di inappetenza causata dal caldo è normale, ma bisogna sempre ricordarsi che a volte noi genitori pensiamo che abbiano mangiato troppo poco, in realtà quel "poco" al neonato basta. Nei primi mesi il neonato viene controllato periodicamente dal pediatra, per valutare la crescita. Se continua a crescere regolarmente e non perde peso, significa che sta prendendo abbastanza latte e non dobbiamo preoccuparci. Tra un controllo e l'altro dal pediatra, fate anche attenzione al numero di pannolini che cambiate ogni giorno: se il neonato ne bagna almeno 6/7 al giorno e fa regolarmente la cacca, significa che il latte che prende gli basta.

Caldo e sonno dei neonati

Il caldo estivo può creare disturbi nel sonno del neonato, rendendoli più nervosi e facendoli svegliare più volte durante la notte. Per questo bisogna cercare di creare un ambiente adatto alla nanna. Durante il giorno fate areare la camera da letto. Se utilizzate il condizionatore, mantenete la temperatura tra i 20 ed i 26 gradi, con un tasso di umidità massimo del 60%. L'importante è non dirigere l'aria direttamente sulla culla del neonato. Se non avete un condizionatore, potete utilizzare un umidificatore per bambini. Non coprite il neonato con pigiamini troppo pesanti o con coperte. Se avete il condizionatore basta mettergli il body ed un pigiamino estivo, mentre senza condizionatore potete lasciarli soltanto con il body.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0