gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Come crescere i bambini senza paura

/pictures/20151127/come-crescere-i-bambini-senza-paura-2523001185[3666]x[1529]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Come crescere i bambini senza paure e insegnare loro a governare e gestire le loro emozioni? I consigli della psicologa

Come crescere i bambini senza paure

È difficile poter spiegare ad un bambino cosa succede quando il terrorismo o una calamità naturale sconvolge l’intero pianeta e spaventa gli animi. Ma come fare a non proteggerli? E soprattutto come farli crescere senza paura?

La paura è un’emozione fondamentale come le altre. Ci pone in allerta dinanzi ai rischi imminenti o di fronte a qualcosa che non si conosce e che si avverte come pericolosa. È proprio attraverso l’azione del sistema nervoso autonomo in particolare quello simpatico che la risposta di allerta si manifesta. Dinanzi ad una situazione critica (di stress) il corpo secerne ormoni quali adrenalina, noradrenalina e cortisolo mentre, attraverso l’azione del sistema parasimpatico, l’organismo cerca di riequilibrare la condizione di alterazione ripristinando l’omeostasi. Le emozioni invece risiedono nel sistema limbico e in particolare nell’amigdala dimorano la paura e l’aggressività. Nello specifico tale ghiandola viene attivata in risposta a stimoli ambientali potenzialmente dannosi.

Quante paure hanno i bambini?

È quindi una reazione istintiva e pertanto solo attraverso la razionalità perlopiù si riesce a gestirla. I bambini però non possiedono ancora la capacità di governare la paura se non attraverso un’educazione genitoriale e con punti di riferimento stabili e ben definiti. È giusto lasciar loro la possibilità di sbagliare, di confrontarsi, di cadere per poi rialzarsi restando sempre e comunque al loro fianco. Di fronte a vissuti di paura il richiamo all’adulto è inevitabile e la possibilità di rispondere alle loro domande, di contenere le loro ansie e di rassicurarli è un evidente e logico comportamento.

Ma tutto dipende da quanta apprensione i genitori riversano sui propri figli. Se si manifesta continuamente preoccupazione sul loro stato di salute, sulle loro vicende scolastiche e su come reagiscono di fronte a qualsiasi situazione, è facile che il bambino possa sviluppare fobie, ansie e inquietudini di qualsiasi genere e quindi rispondere impropriamente a eventi di natura terroristica le cui notizie trapelano inevitabilmente dalla tv e dai media. Nonostante la difficoltà, bisognerebbe placare prima la propria paura e poi riuscire a dare spiegazioni accurate ai più piccoli che hanno necessità di comprendere cosa stia accadendo.

Loro, in effetti, osservano come i grandi reagiscono e per questo le risposte sincere sono le più sentite. È giusto non nascondere ciò di cui l’uomo è capace e ciò che sta succedendo in una parte specifica del mondo. Quello che deve emergere è soprattutto un messaggio di speranza: la diversità tra le culture, spesso evidenti anche a scuola, devono e possono essere tollerate condividendo con tutti le stesse emozioni e gli stessi vissuti, poiché come loro anche altri bambini avvertono gli stessi timori e fanno domande ai genitori in qualsiasi parte dell’emisfero terrestre.

Si può aver paura ma bisogna essere coraggiosi dinanzi alle sfide continue della vita e “attivarsi” proponendo possibili azioni che possano aiutare le persone colpite dagli eventi. I bambini fantasticano e danno delle spiegazioni per lo più irrazionali agli avvenimenti per cui è possibile correggere eventuali interpretazioni errate circa il loro vissuto. Gli abbracci e le coccole li fanno sentire al sicuro e con calma e convincimento è indispensabile trasmettere loro fiducia nel prossimo e nel futuro continuando a svolgere le attività di sempre.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0