Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-bambino
1 5

Che fare se ha la mammite?

Sono molti i bambini che sviluppano un attaccamento esasperante ed esasperato nei confronti della figura materna

adsense-foglia-300

di Isabella Ricci

 

Sono molti i bambini che sviluppano un attaccamento esasperante ed esasperato nei confronti della figura materna. Non si deve dimenticare però il fatto che questo particolare stile comportamentale nasce all’interno di una relazione, che vede coinvolti la mamma e il bambino, ed è quindi una condizione attribuibile alle abitudini che la diade ha instaurato nel corso del primo anno di vita.


LEGGI ANCHE: Ansia da separazione

 

Non ci si può aspettare cioè che un bambino che sia sempre stato tenuto sotto lo stretto controllo della madre, che sia stato allattato al seno (LEGGI) oltre il primo anno di vita, che si sia abituato a prendere sonno (LEGGI) nel letto dei genitori, diventi improvvisamente un bambino autonomo.
Una volta che si sono instaurate determinate abitudini si può anche temere le conseguenze del tornare indietro: se per esempio un bambino è stato allattato oltre il periodo normativo, non tanto per la funzione nutritiva, ma perché per esempio la madre è abituata ad attaccare il bambino al seno per calmare il pianto del figlio, anche in momenti in cui la nutrizione non è necessaria, potrà sviluppare il timore che l’interruzione di questo comportamento possa far sentire il bambino rifiutato.

Lo stesso si può dire in relazione all’abitudine di far addormentare il figlio nel lettone per trasportarlo solo successivamente nel suo letto. Certe indulgenze, che generalmente vengono accordate per lecita preoccupazione di soddisfare nella migliore delle maniere possibili i bisogni del bambino, rivelano la loro natura di arma a doppio taglio nel tempo.

Se nel presente infatti consentono di ottenere rapidamente la tranquillità del bambino e di trasformare il suo stato dall’agitazione alla calma, nell’immediato futuro possono generare dei problemi ancor più difficili da risolvere: disturbi dell’addormentamento, paura del buio, ansia di separazione (LEGGI), e persino alcune forme precoci di disturbi dell’alimentazione sono alcuni tra i quadri sintomatologici che possono derivare da uno stile relazionale iperaccudente, che accorda poca o nessuna autonomia al bambino. 

 

che-fare-se-ha-la-mammite


Il primo anno di vita è invece il periodo più importante per lo sviluppo del piccolo: anche la tradizione psicoanalitica attribuisce intorno a questo momento il compimento del processo di emancipazione psicologica del bambino dalla relazione simbiotica con la madre. E’ il momento in cui si conquistano le prime autonomie: in primo luogo l’alimentazione attraverso il compimento dello svezzamento (LEGGI) passa dal solo latte materno all’alimentazione solida. Il bambino impara gradualmente ad utilizzare le stoviglie e da che è imboccato tenterà di mangiare da solo. E’ importante non ostacolare questi momenti di emancipazione. 

 

LEGGI ANCHE: Il bambino non vuole andare all'asilo, che fare?

 

Inoltre nel primo anno di vita si assiste alla manifestazione di due nuove competenze: la deambulazione autonoma e lo sviluppo del linguaggio (LEGGI). I primi passi e le prime parole fanno la loro comparsa proprio in questo periodo. Parallelamente allo sviluppo della deambulazione si assiste ad un intensificazione del comportamento esplorativo: l’esplorazione dell’ambiente e di tutti gli oggetti che vi si incontrano è tipico di questa fase di sviluppo in cui in maniera sempre più consapevole il bambino incontra il mondo. Anche questi tentativi devono essere incoraggiati, sempre sotto lo sguardo vigile dell’adulto, che dovrebbe porsi nei confronti del piccolo come una “base sicura”, per citare una famosa espressione di Bowlby, a cui fare ritorno in caso di bisogno.
Un altro metodo per incoraggiare il bambino verso una minore dipendenza assoluta dalla figura materna è quello di incoraggiare un care-givering multiplo, ovvero di ricorrere spesso all’affidamento del bambino ad altre figure che fanno parte del nucleo familiare, come il padre, i nonni, i fratelli e le sorelle maggiori. Consentire l’inserimento nella scuola materna o all’asilo, occasioni eccezionali di scambi socio-affettivi con i pari e con altri adulti significativi, vivendo questo momento come un’opportunità di arricchimento per il proprio bambino e non come defraudante sottrazione di tempo da trascorrere con quest’ultimo