gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Campagna dell'Unicef contro la violenza sui minori

L’Unicef lancia una nuova campagna #Endviolence against children perchè tutti riconoscano la violenza contro i bambini, e prendano parte ad azioni globali, nazionali o locali per porvi fine e per dare vita insieme a nuove idee per raggiungere questo obiettivo

L’Unicef lancia una nuova campagna #Endviolence against children perchè tutti riconoscano la violenza contro i bambini, e prendano parte ad azioni globali, nazionali o locali per porvi fine e per dare vita insieme a nuove idee per raggiungere questo obiettivo.


LEGGI ANCHE: Vota per i bambini, la campagna dell'Unicef per sostenere i diritti dei piccoli



Il direttore generale dell’Unicef Anthony Lake ha dichiarato: "Ogni volta che un bambino subisce un atto di violenza, ovunque esso si trovi, dobbiamo farci sentire e manifestare la nostra indignazione e la nostra rabbia. Dobbiamo rendere visibile quello che è invisibile". Secondo i dati diffusi oggi dall’Unicef, sono 223 milioni i minori vittime di abusi nel mondo. Circa 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni hanno sperimentato violenza e sfruttamento sessuale (dati Oms) e si stima che 1,2 milioni di bambini ogni anno siano vittime di traffico (dati Ilo). La violenza non solo infligge ferite fisiche ma lascia cicatrici psichiche sui bambini, ricorda l’Unicef: colpisce la loro salute mentale e fisica, compromette le loro capacità di apprendere e socializzare e mina il loro sviluppo. 


LEGGI ANCHE: I diritti dei bambini


Testimonial della nuova campagna #ENDviolence against children è Grace Akallo, fondatrice della United African for Women and Children Rights. Grace è una ragazza trentenne, ugandese, che è riuscita a scappare al suo tragico destino. Rapita a 15 anni per far parte dell'Esercito di Resistenza del Signore, guidato dal guerrigliere ugandese Joseph Kony. Grace, finisce in Sud Sudan, dove viene costretta a imbracciare un fucile, uccidere e combattere per poter ricevere quel poco cibo necessario alla sua sopravvivenza. Fortunatamente, Grace riesce a scappare, torna a scuola, vince una borsa di studio per una prestigiosa università americana, ed ora ha deciso di rendere costruttiva la sua esperienza e combattere di nuovo, ma per una giusta causa: la violenza che subiscono i bambini ogni giorno in tante parti del mondo.

campagna-unicef-contro-violenza-minori


Insieme alla viva testimonianza dell’ugandese Grace Akallo c’è anche l’impegno dell’attore premio Oscar Liam Neeson, ambasciatore di buona volontà dell’Unicef, pronto a fare luce su quegli “orrori invisibili” vissuti da centinaia di milioni di bambini in tutto il mondo. Uno speciale micro sito e una campagna sui social media spiegano come i bambini, i genitori e le comunità possono agire, dare il loro contributo contro la violenza, come farsi coinvolgere, essere informati, organizzare eventi e dibattiti pubblici, sostenere i bambini e lavorare con i partner dell’Unicef, globali e locali

SCOPRI COME DARE IL TUO CONTRIBUTO. QUI LA CAMPAGNA DELL'UNICEF
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0