gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

La ricchezza rende più intelligenti?

/pictures/20150403/la-ricchezza-rende-piu-intelligenti-1011815187[2664]x[1109]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Uno studio scopre che esistono differenze nelle dimensioni del cervello nei bambini legate alle diverse estrazioni socio-economiche

Bambini ricchi più intelligenti

Uno studio pubblicato su Nature Neuroscience suggerisce l’esistenza di un collegamento tra povertà economica e lo sviluppo del cervello dei bambini.

La ricerca confermerebbe quanto già emerso in altri studi: che i bambini cresciuti in contesti familiari benestanti hanno maggiori chance di avere buoni risultati accademici. Lo studio condotto da neuroscienziati statunitensi però ha indagato più a fondo e ha scoperto che il cervello dei bambini benestanti sarebbe più grande.

Partendo dai risultati emersi dai precedenti studi i ricercatori, guidati dalla dottoressa  Elizabeth Sowell dell’Ospedale pediatrico di Los Angeles, hanno portato avanti il più grande studio mai condotto sul legame tra dimensioni del cervello e reddito familiare.

Hanno arruolato quasi 1100 persone di età compresa tra 3 e 20 anni e hanno raccolto i dati relativi alla situazione socio-economica familiare. Hanno anche sottoposto tutti i volontari ad una risonanza magnetica e a test cognitivi.

gpt native-middle-foglia-bambino

Risultato: è emersa una forte correlazione tra reddito familiare e le dimensioni del cervello. In particolare un alto reddito familiare era associato a dimensioni più ampie di una zona del cervello collegata all’apprendimento e al successo scolastico. Il cervello dei bambini provenienti da famiglie con un reddito inferiore a 25mila dollari era del 6% più piccolo rispetto ai bambini appartenenti a famiglie il cui reddito era di 150mila dollari. E un maggiore reddito familiare era collegato anche ad una maggiore superficie cerebrale.

Ma perché questa differenza?

L’ipotesi è che i bambini provenienti da famiglie benestanti abbiano in qualche modo ereditato fattori genetici positivi. Ma probabilmente giocano un ruolo anche altri elementi, come un’alimentazione migliore, assistenza sanitaria adeguata, scuole, aree gioco, qualità dell’aria e altri fattori ambientali noti per svolgere un ruolo nello sviluppo del cervello.

L’influenza dell’ambiente è fondamentale per migliorare lo sviluppo cognitivo e magari colmare questo gap biologico.
Le esperienze e gli stimoli ambientali, come il doposcuola, le attività extrascolastiche, alimentazione sana etc.. possono avere un effetto positivo duraturo sullo sviluppo del cervello del bambino.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0