gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Bambini e cani: dubbi e amicizia

Come gestire un cane e un bambino, piccoli accorgimenti per evitare problemi e fare crescere bene figli e cane

1-martapiodd3ii5Non sono rare le notizie che riguardano bambini feriti o uccisi da cani, spesso anche dal proprio insospettabile amico a quattro zampe. In alcuni casi però è possibile percepire il disagio dell’animale già dal suo comportamento. Da un sondaggio sembra che i bambini abbiano più incidenti con i cani intorno ai 6 anni, l’età in cui comincia il senso dell’avventura.
Tra gli atteggiamenti più comuni troviamo: i baci e gli abbracci del bambino, ma da un cane sono visti come segnali di minaccia, perché i cani per dimostrare la loro superiorità si avvicinano a chi reputano inferiore fino a bloccare la strada.

I bambini sono attratti dal muso, soprattutto dagli occhi e tendono a toccare baffi, palpebre, orecchie. Il cane vede questo come una minaccia: tra cani il muso è l’ultimo ad essere scrutato e toccato.

Se un cane scodinzola e mette le zampe sulle spalle del bambino questo si può spaventare e cominciare a correre. Ma il cucciolo di cane penserà a giocare e lo rincorrerà, perché per un cucciolo rincorrersi è normale.

16036-ballerina-riluttante-postersCome abituare il cane alla presenza di un bambino?
Cominciate già quando siete incinte. Già: il cane non sarà più l’unico “cucciolo” di casa, e per evitare gelosie dovrete abituarlo a ricevere meno coccole, carezze, perché quando nascerà il bambino il tempo rivolto a lui sarà notevolmente meno.
Il bambino va abituato al cane e viceversa: farli giocare insieme senza rischi è la scelta giusta. Ad esempio lanciando la palla o nascondendo un gioco che il cane dovrà trovare.
Insegnare al bambino il rispetto per il cane: niente tirata di pelo, orecchie o coda, niente cavaluccio, niente grida o rumori molesti, nessun disturbo mentre dorme e mangia.

Se vostro figlio vuole accarezzare un cane estraneo è sempre meglio chiedere il permesso al padrone, dite di non avvicinare mai le mani ad un cane dietro un cancello, e di muoversi senza movimenti bruschi.
Esistono razze più adatte? Premesso che i cani andrebbero preferibilmente presi al canile e con molte probabilità meticci, dobbiamo tener presente che un cane abituato già da cucciolo ad avere bambini intorno difficilmente creerà problemi.
Se si decide per un cane di razza occorrerà escludere le razze notoriamente più aggressive, meglio evitare i cani “da guardia”.

In linea di massima sembrerebbero più adatti ai bambini
: il golden retriever, il labrador, il basset hound, il bulldog, il boxer.
Meno adatti: il pastore tedesco, l’akita, il rottweiler, il chow chow, l’alano, il cocker, il fox terrier, il bassotto e neanche il chihuahua, quindi la taglia non conta.
Il cane richiede molto  impegno, quindi se pensate di non avere tanto tempo da dedicargli, soprattutto perché avete dei figli che vi impegnano è meglio aspettare. Anche se i bambini prima o poi ve lo chiederanno: basterà spiegare loro che ci vanno cure, attenzioni, e anche soldi per mantenerlo e curarlo. Il cane non è un giocattolo da mettere solo l’albero e sbarazzarsene in estate, è un essere vivente che ha bisogno di rispetto e cura

Paola Fabris
 

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0