NAVIGA IL SITO

Svezzamento: quando iniziare e come

Lo svezzamento rappresenta il passaggio dal latte ai cibi solidi. Viene iniziato a 5-6 mesi circa: a questa età il bambino necessita di sostanze nutritive non presenti nel latte

svezzamento89.jpgLo svezzamento rappresenta il passaggio dal latte ai cibi solidi. Viene iniziato nella maggior parte dei casi tra i 4 mesi compiuti e i 6 mesi: a questa età il bambino necessita di sostanze nutritive non presenti nel latte. Prima di quest'epoca il bambino non è in grado di mantenere la posizione seduta senza essere sorretto e l'apparato digerente non è ancora in grado di assimilare molti alimenti.

Non bisogna avere fretta di proporre nuovi alimentati, soprattutto ai bambini allattati al seno, che possono iniziare tranquillamente a variare la loro 'dieta' intorno a 6 mesi. Lasciatevi guidare dal bimbo nel decidere qual'è il momento più adatto ad iniziare: saranno pronti quando sembreranno ancora affamati dopo un pasto di latte o quando la vista o l'odore di cibi diversi dal latte sembreranno scatenare il loro entusiasmo. Non forzate mai il bambino a mangiare controvoglia e non aspettatevi che le prime pappe vengano consumate interamente. Le prime volte il bimbo mangerà (e sputerà ovunque) pochissimi cucchiaini sia perchè deve apprendere sapori nuovi, sia perchè deve apprendere un nuovo metodo per alimentarsi passando dal succhiare al cucchiaio.



Quando il pediatra vi dirà che è il momento giusto per provare a svezzare vostro figlio, sicuramente dovrete cimentarvi nella preparazione del famoso brodo vegetale, base delle primissime pappe.
Il brodo vegetale si prepara con verdure fresche di stagione o se preferite con verdure di coltivazioni biologiche: patate, carote, fagiolini, piselli, spinaci, sedano, carciofi, coste, bietole, zucchine, zucca e tutte le varietà di insalate.
Inizialmente potrete utilizzare solo alcuni tipi, generalmente patata, carota e zucchina, poi progressivamente aggiungere una verdura nuova tutte le settimane. Così facendo si abitua pian piano il bambino a nuovi sapori e si valuta se le novità sono ben tollerate (reazioni allergiche, variazioni nelle scariche intestinali, ecc.).
Evitate cavoli, cavolfiori, verze, cipolle che hanno sapori e odori forti, e il pomodoro, uno degli alimenti più allergizzanti.

Queste verdure vanno lavate e bollite per un'ora circa in un litro di acqua non salata. Il brodo così preparato può essere conservato in frigorifero, ben tappato, per 1-2 giorni.
Per le prime pappe si utilizza solo il brodo filtrato, scartando le verdure bollite. Nelle settimane successive le verdure utilizzate si passano (o si frullano) e se ne aggiungono 1-2 cucchiai al brodo. Non aggiungere sale, né dado.

Ovviamente la pappa non è fatta solo di brodo, ecco come la preparerete:
150 - 180 grammi di BRODO VEGETALE preparato come descritto sopra:
3-4 cucchiai da cucina rasi di CREMA di RISO o MAIS-TAPIOCA o SOIA o MULTICEREALI o SEMOLINO;
1 cucchiaino da caffè di PARMIGIANO ben stagionato;
1 cucchiaino da caffè di OLIO D'OLIVA extra-vergine.

In caso di stitichezza e popò molto dura, non utilizzare la crema di riso e aumentare la quantità di zucchina; in caso di diarrea, utilizzare la crema di riso e aumentare la quantità di patata e carota.
Dopo la prima settimana di solo brodo con cereali e una seconda di brodo + cereali + qualche cucchiaio di verdure lesse passate si può aggiungere 5 grammi (1/2 vasetto) di LIOFILIZZATO di CARNE BIANCA (agnello, coniglio, tacchino, pollo) o mezzo vasetto di omogeneizzato a discrezione del vostro pediatra;

Una volta introdotta la pappa ecco come potete organizzare lo schema dei pasti del vostro bambino fino al sesto mese:
4-5 pasti nella giornata dei quali 3-4 pasti di latte (materno o di proseguimento);
1 pasto (di solito al mezzogiorno, ma senza che ciò costituisca un obbligo) con pappa

>> SCAMBIA RICETTE ED ESPERIENZE SU SVEZZAMENTO E PAPPE CON LE ALTRE MAMME NEL FORUM DEDICATO ALLE RICETTE PER IL TUO BAMBINO

Hai trovato interessante questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

9
Commenti

Pagina 1 di 2:
1 2 > »
Mariangela lunedì, 11 novembre 2013

primo svezzamento

Comunque sono d'accordo con paola. Le parole chiave dello svezzamento è la pazienza e la cautela, senza di loro si rischia di fare del peggio. Non bisogna andare di fretta e in fondo non costa nulla aspettare fino a 6 mesi per esserne sicuri, chi il vostro figlio è veramente pronto per lo svezzamento. Vi consiglio di leggere degli articoli sullo svezzamento, che personalmente a me sono piaciuti tanto - http://come-bambini.it/salute/35-svezzamento-dei-bambini-quando-inizia re.html. Penso saranno d'aiuto a quelle mamme, che stanno per incominciare la strada dell'alimentazione complementare.

n° 9
Chiara giovedì, 26 giugno 2008

OMS o non OMS? questo è il dilemma!

IO capisco che l'OMS dica di aspettare fino al 6 mese, ma secondo me bisogna valutare caso e caso, ci sono bambini che con il solo latte crescono benissimo e altri che invece necessitano di un qualcosina in più.
Mia figlia, quasi 5 mesi, fa già 1 pasto a base di crema di riso e si mangia un omogeneizzato di frutta tutti i giorni, oltre quello mangia al seno almeno 6 volte al giorno. Io ho dovuto iniziare lo svezzamento prima perchè alla mia piccola mancava un qualcosina per saziarsi perchè ora il mio latte nn è più tantissimo e lei nn vuole quello artificiale.

n° 8
Vincenzo lunedì, 16 giugno 2008

Svezzamento ed Alimentazione

Salve a tutte le mamme, io sono un papà (forse una mosca bianca) che si comporta come una mammina preoccupatissima tanto da controllare e verificare quello che mia moglie cucina per il nostro Adriano di 7 mesi (compiuti il 14 scorso). Noi come coppia non abbiamo ne letto ne consultato chissà quale specialista fatto sta che quando Adriano a cominciato a chiedere di più il pediatra stesso ci ha detto che era ora dello svezzamento ovvero alla fine del 4° mese. Cerchiamo sempre di variare ma non essendo a casa nessuno dei due Adriano sta con i nonni e la sera con noi, magari ad avere tanto tempo per preparare il brodo vegetale etc.. Noi ci affidiamo a quello che normalmente si dà a bambini di questa età e lui mangia di tutto grazie al cielo (siamo fortunelli). Emily non alla tta più come prima ma solamente la mattina alle 06:30 circa a pranzo quando ha tempo e la sera prima di dormire e lui non ne soffre. Io credo che quando un bambino ti guarda mentre mangi e riesce a farti sentire in colpa per quello che mangi è ora di fargli assaggiare di tutto un pò, senza esagerare e senza dargli alimenti pesanti o a rischio allergie.Alla fine sono loro a decidere con un pochino di buona volontà da parte nostra a non demordere alla prima pastina sparata in faccia!! :-)
Saluti a tutte le Mamme.

n° 7
zaira venerdì, 30 maggio 2008

allattamento

cara paola in parte la penso come te, ma su una cosa non sono daccordo: sul fatto che il latte materno sia sempre al 100% nutriente. io ho allattato la mia bimba fino a 13mesi e purtroppo ho avuto nn pochi problemi con lo svezzamento e qnd è stato qsi esclusivo fino ad allora. la conseguenza è stata che fino a 6 mesi era un vitellino da 6mesi in poi è sempre leggermente sottopeso, con qst voglio dire che l'oms raccomanda l'allattamnto al seno esclusivo fino ai 6mesi ma poi bisogna introdurre nuovi alimenti perchè il latte materno nn è più così completo oppure era il mio che nn lo era più. adesso sn di nuovo in attesa e sinceram sto già pensando al momento dello svezzamento con un pò d timore spero d avere un pizzico d fortuna in più

n° 6
roberta giovedì, 29 maggio 2008

w luisa!

Ragazze non entro in merito alla discussione, ma il primo commento che mi è venuto in mente è : luisa sei troppo simpatica! ( sarà che i romanacci mi fanno impazzire???) Ciao a tutte!!

n° 5
Chiudi
Aggiungi un commento a Svezzamento: quando iniziare e come...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Pagina 1 di 2:
1 2 > »