Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-ros
1 5

Zecchino D'oro 2011: le canzoni più belle

"Un punto di vista strambo" è il titolo della canzone vincitrice dell'edizione 2011 dello Zecchino D'Oro

adsense-foglia-300
Una coppia di bambini ha vinto la 54sima edizione dello Zecchino d'Oro con la canzone Un punto di vista strambo. Michela Maria Perri, 8 anni, di Montalto Uffugo (Cosenza), ed Enrico Turetto, 10 anni, di Mestrino (Padova), hanno battuto con un solo punto di vantaggio sul secondo classificato Il rap del peperoncino e il terzo classificato Il gatto mascherato.

GUARDA IL VIDEO: La tartaruga di Bruno Lauzi

La finale del concorso musicale più tradizionale d'Italia è andata in onda su Raiuno in diretta dall'Antoniano di Bologna.
A condurre questa edizione sono stati Veronica Maya e Pino Insegno.
Alla finale hanno presenziato, come ospiti d'onore, Vincenzo Spadafora, presidente dell'Unicef, e Irene Grandi, testimonial per Greenpeace, che ha interpretato con il Piccolo Coro diretto da Sabrina Simoni Ciao foresta, un brano scritto dai bambini che hanno aderito a un progetto portato nelle scuole in occasione dell'Anno internazionale delle Foreste.

12 le canzoni in gara (all'inizio erano stati selezionati in tutta Italia più di cinquemila bambini), 4 da Paesi esteri - India, Madagascar, Spagna e Stati Uniti - e una giuria di venti bambini di età compresa tra gli 8 e i 12 anni che hanno votato le loro canzoni preferite.

LEGGI ANCHE: MA CHE BELLO CANTARE CON MAMMA E PAPA'

In occasione della finale dello Zecchino D'Oro è stato presentato anche il progetto il "Fiore della Solidarietà" che combatte la povertà in Italia. Donando due euro con un sms al numero 45505 è possibile finanziare la costruzione di un centro di accoglienza per persone bisognose a Bologna. 
Ecco il video della canzone vincitrice


Vi segnaliamo anche le altre canzoni di questa edizione dello Zecchino D'Oro.
Ecco "Il rap del peperoncino" cantato dal simpaticissimo Giuseppe Mallo, vincitore dello Zecchino Blu.

E il terzo classificato, Filippo Zilio, con "Il gatto mascherato"