NAVIGA IL SITO

Vacanze: i bambini al mare sono più irrequieti?

Le nostre nonne, così come le nostre mamme dicevano che “il mare stanca” o che “il mare mette appetito”. Ma la stanchezza non sempre fa dormire i piccoli, a volte li rende irrequieti

Bambini al sole in tutta sicurezza

Tutte le foto < 1 >

Vedi foto di: Bambini al sole in tutta sicurezza

    Mettetegli un cappellino
    Redazione PianetaMamma 13 giugno 2012
    A cura della pedagogista dott.ssa Mariaelena La Banca

    Le nostre nonne, così come le nostre mamme dicevano che “il mare stanca” o che “il mare mette appetito”. Ma la stanchezza non sempre fa dormire i piccoli, a volte li rende irrequieti. E l’appetito va stimolato nel modo corretto con i cibi più adatti alla stagione e allo sviluppo del bambino.
    C’è un fondo di verità in questi antichi detti…
    E allora cerchiamo di capire come fare per aiutare i nostri bambini a vivere con serenità le prime vacanze al mare (LEGGI).
    Tutti i pediatri  sono favorevoli alle vacanze addirittura anche per i neonati, con le dovute precauzioni. L'ansia ovviamente è da lasciare a casa. Solitamente i neo genitori si agitano per il bimbo, senza sapere però che tutte le emozioni sono inevitabilmente trasmesse ai nostri figli.


    LEGGI ANCHE: Mare  e piscina, come vestire i bambini?


    Quindi: tranquillità assoluta! Può capitare che il periodo di vacanza prescelto coincida con fasi di crescita molto importanti, come per esempio la comparsa dei primi dentini, oppure l'inizio dello svezzamento (LEGGI) o l'uso del vasino. Si tratta di esperienze molto importanti per un bambino che dovrebbe vivere con la massima serenità e in ogni caso, non sono dei validi motivi per rinunciare al mare.

    Lo iodio contenuto nell'areosol marino attiva il metabolismo e dopo un anno passato al chiuso senza fare attività o quasi per il corpo è uno stress notevole!! Le alte temperature combinate con una forte luminosità stimolano il sonno, soprattutto dopo sforzi fisici anche moderati (camminare sulla sabbia, fare il bagnetto), la cosa migliore è evitare il mare tra le 12 e le 16 perchè l'effetto disorientamento è molto più intenso in quelle ore.

    C'è un periodo esatto, un periodo particolare per portare i bimbi al mare?
    Molti risponderebbero di si, pochi invece sanno che non è proprio così. Sono frasi dette che ormai sembrano regole e spesso ci sentiamo dire che il periodo migliore per portare i bambini al mare è nei mesi di giugno e di settembre.
    E' vero che i primi giorni il bimbo può trovarsi un po' “stranito”, ma questo è dovuto alla novità, al cambiamento di clima, e siamo noi genitori che dobbiamo trasmettergli serenità e tranquillità.
    Non imponete al vostro bimbo degli orari per stare in spiaggia se manifesta il desiderio di andare via, accontentatelo, se al contrario vuole rimanere a giocare, lasciatelo divertire.
    Il sole ha innegabili effetti benefici sulla salute dei bambini:

     

    1. Innanzitutto stimola la produzione di vitamina D, aiutando a irrobustire il sistema scheletrico in fase di sviluppo: la vitamina D, infatti, è indispensabile per l’assorbimento del calcio e, di conseguenza, per la calcificazione delle ossa.
    2. In secondo luogo, i raggi solari contribuiscono a rinforzare il sistema immunitario, rendendo i nostri figli più resistenti alle malattie che di solito si diffondono a scuola durante i mesi freddi.
    3. Il sole, poi, stimola il metabolismo accelerando l’attività cellulare. È questo, infatti, il motivo per cui d’estate si ha più appetito.
    4. Infine, stare al sole migliora l’umore!

    Il contatto con l’acqua di mare è salutare e rilassante per i bambini, e li può anche aiutare a prendere confidenza in modo divertente con l’elemento acquatico. Inoltre, i nostri piccoli potranno approfittare, a loro insaputa, anche dei benefici del cosiddetto "aerosol marino" (LEGGI) il vento e il moto ondoso sottraggono all’acqua salata particelle di sali di iodio, calcio e cloruro di sodio che vengono respirate da chi sta in riva al mare. Un toccasana per le vie respiratorie, che vengono purificate e rese più resistenti alle aggressioni virali (come tosse e raffreddore) che colpiscono i bambini durante l’autunno e l’inverno.


    LEGGI ANCHE: Sole e vacanze, consigli per bambini protetti e mamme serene


    PRECAUZIONI PER IL NEONATO
    Se avete un bimbo che ancora non cammina e non sapete se sia il caso di portarlo al mare, non preoccupatevi: sicuramente in spiaggia è più fresco che in città e se prenderete le giuste precauzioni, vostro figlio trarrà solo giovamento dalla sua prima vacanza in spiaggia.
    1. Tenete il neonato in una zona ventilata e all’ombra, e dategli spesso da bere: i bimbi così piccoli si disidratano facilmente.
    2. Vietata l’esposizione diretta al sole (LEGGI).
    3. Portatelo al mare solo al mattino presto e al tramonto: i raggi solari, infatti, filtrano anche attraverso l’ombrellone e vengono riflessi dalla sabbia, perciò dovrete evitare accuratamente le ore più calde (dalle 12 alle 16).
    4. Portate sempre con voi una scorta d’acqua (che non deve essere né gelata né gasata) per far bere il piccolo o per rinfrescarlo, una culla adatta alla spiaggia (preferibilmente munita di zanzariera) e, magari, anche un telo di cotone leggero per costruire una specie di tenda intorno all’ombrellone.

    Quando si va al mare è consigliabile modificare l’alimentazione dei bambini (anche la nostra in realtà) (LEGGI) per godere al massimo dei benefici del sole e per evitare conseguenze spiacevoli.


    GUARDA IL VIDEO: BIMBI IN ACQUA CHE IMPARANO A NUOTARE CON LA CIAMBELLA


    A. Puntiamo al massimo su frutta e verdura, in particolare su carote e pomodori che contengono grandi quantità di vitamina E e carotene.

    B. Ok anche a pasta e riso poco conditi, oltre che a gelati e yogurt.

    C. Evitiamo cibi fritti o dolci troppo elaborati che, tra l’altro, richiedono anche molto tempo per essere digeriti.

    D. Sempre meglio far bere ai nostri piccoli tanta acqua. Vanno bene anche i succhi di frutta, specie se contengono pochi zuccheri. Da evitare, invece, le bibite gasate e ghiacciate.

    E. Per i bimbi dai tre anni in su, possono essere utili anche degli integratori alimentari, che devono essere consigliati dal pediatra e assunti preferibilmente a partire da due mesi prima delle vacanze al mare


    Caricamento in corso: attendere qualche istante...

    1
    Commenti

    Danilo venerdì, 13 giugno 2014

    Tranquillità o libertà?

    Ho una bambina di un anno e mezzo e devo dire che il piacere di vedere mia figlia giocare con l'acqua - almeno per il momento - compensa tutte le preoccupazioni e limitazioni. Quando si fa una vacanza al mare con i bambini, la salute dei piccoli è la prima fonte di stress, perché devi trovare un difficile compromesso tra la libertà e il divertimento che devi concedere (devono crescere in qualche modo) e la tranquillità dei genitori. Purtroppo non esiste una ricetta, come del resto non esiste nella vita di tutti i giorni. Secondo me pensare al peggio non è sempre la soluzione migliore: conosco genitori che portano con sé un'intera farmacia. Occuparsi dei bimbi, non pre-occuparsi!

    n° 1
    Chiudi
    Aggiungi un commento a Vacanze: i bambini al mare sono più irrequieti?...
    • * Nome:
    • Indirizzo E-Mail:
    • Notifica automatica:
    • Sito personale:
    • * Titolo:
    • * Avatar:
    • * Commento:
    • * Trascrivi questo codice:
    * campi obbligatori