gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

The Lion Guard: arriva il sequel tv de Il Re Leone

/pictures/20160303/the-lion-guard-arriva-il-sequel-tv-de-il-re-leone-2867694551[1173]x[488]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Arriverà l’11 marzo su Disney Junior "The Lion Guard", la serie tv che prende le mosse dal grande classico Il Re Leone e ci riporta nella savana con nuovi protagonisti e vecchie conoscenze. Noi l’abbiamo vista in anteprima!

The Lion Guard

Alcune di noi erano teenager o poco più quando, nel 1994, al cinema arrivò Il Re Leone, con la sua storia epica, i suoi personaggi memorabili e le sue grandiosi musiche. Ora che siamo diventate mamme Disney ci riporta, insieme ai nostri figli, nella savana, che fu teatro dell’avventurosa storia di Mufasa e Simba, con la serie tv The Lion Guard: Il Ritorno del Ruggito.

Dopo Musafa e Simba è il turno di Kion 

Un sequel ideale del film (che di seguiti ne conta già diversi) in cui il protagonista è il piccolo Kion, secondogenito di Simba e Nala, nonché nipotino del compianto Mufasa. Vecchi personaggi, come i simpatici Pumba e Timon, incontrano nuovi protagonisti, più moderni e giovani anche anagraficamente, per strizzare l’occhio ai genitori e catturare al tempo stesso le nuove generazioni. L’episodio speciale da 45 minuti (che noi abbiamo potuto vedere in anteprima) debutterà nel nostro Paese venerdì 11 marzo alle ore 20:00 in simulcast su Disney Junior e Disney Channel, e darà il via alla serie tv che proseguirà dal 6 aprile ogni mercoledì alle ore 17,00 su Disney Junior con episodi da 20 minuti circa.

gpt native-middle-foglia-bambino

Piccoli leoncini crescono

Amicizia, spirito di squadra, rispetto del famoso cerchio della vita e dell’equilibrio della natura sono tutti temi di cui la serie si fa portavoce, puntando su personaggi buffi e simpatici in cui i nostri bimbi non faticheranno a identificarsi. Insieme al protagonista Kion troveremo, infatti, lo spassoso tasso del miele Banga, la velocissima ghepardina Fuli, il forzuto ippopotamo Beshte e l’intellettuale airone Ono, dalla vista molto acuta. Un manipolo di valorosi combattenti arruolati dallo stesso Kion per proteggere le terre del branco. Un compito di responsabilità per il leoncino, ritenuto dal padre Simba ormai sufficientemente grande per diventare un leader. Uno spunto perfetto, questo, per raccontare il difficile passaggio dall’infanzia all’età adulta, con tutte le sue complessità e incertezze. Kion per la prima volta si trova, infatti, a prendere delle decisioni da solo e a doverne rendere conto al padre. Ecco allora che per comporre la squadra della Guardia del Leone, invece di scegliere - come tradizione vorrebbe - i leoni più valorosi del branco, il leoncino decide di reclutare i più meritevoli tra le altre specie delle sue terre, dimostrando a suo padre, inizialmente scettico, di avere grande intuito e determinazione. Tematiche cruciali che Disney riesce a trattare ancora una volta con grande delicatezza, parlando direttamente al cuore dei suoi giovani spettatori.

Dopo Hakuna Matata arriva Zuka Zama! 

A dare grande forza alla storia, come accennato, è anche stavolta la colonna sonora, che prende spunto anche stavolta dai suoni dell’Africa e inserisce testi e ritornelli in Swahili. Chi non ricorda il mitico Hakuna Matata canticchiato ne Il Re Leone da Pumba e Timon? La loro filosofia di prendere la vita “senza pensieri”, questa volta è rimpiazzata dal più esuberante “Zuka Zama!” canticchiato dal tasso Banga, desideroso di “lanciarsi a capofitto in una vita avventurosa”. Un ritornello che si prepara a entrarci in testa (forse) quanto il suo predecessore.

Dalla savana al bioparco: parla lo zoologo 

Dal momento che alla Disney tutto “iniziò con un topo”, non stupisce che la Casa di Mickey Mouse prosegua sulla sua strada, dando sempre largo spazio al mondo animale, tanto caro ai bambini. “Se fosse per loro la natura sarebbe molto più rispettata”, ha commentato Daniel Sanchez, responsabile zoologico del bioparco Zoom di Torino, ospite della conferenza stampa, che ha sottolineato l’importanza di serie tv come questa che “arriva a bambini di tutto il mondo e li avvicina al mondo animale, creando amici della natura che diventeranno in futuro adulti in grado di proteggerla”. A lui abbiamo chiesto anche come reagiscano i bambini quando, dopo aver visto solo in tv animali esotici come leoni, giraffe o ippopotami, se li trovano in carne e ossa al bioparco.

Quando i bambini si avvicinano a questi animali, per loro si apre un mondo di sensazioni e si innesca un meccanismo interno di apprendimento emozionale molto forte. È bellissimo vedere la faccia che fanno quando scoprono che le cose viste in tv sono vere! A volte i genitori ci scrivono ringraziandoci, perché i loro bambini tornano a casa con ricordi e sensazioni indimenticabili

Quale occasione migliore di questa, allora, per guardare in tv le avventure di Kion e dei suoi amici nella savana Disney e poi andare a conoscerli “davvero” in uno dei bioparchi più vicini a casa nostra? I nostri bambini ne saranno di sicuro entusiasti. E, a dire il vero, anche noi…

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0