gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

I motivi per cui lo smartphone può trasformarsi in una bravissima baby sitter

/pictures/20150713/i-motivi-per-cui-lo-smartphone-puo-trasformarsi-in-una-bravissima-baby-sitter-978720452[5554]x[2316]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Ci sono momenti in cui lo smartphone può salvare la giornata di una mamma, come una bravissima baby sitter

Smartphone Baby Sitter

Tutte sappiamo che non bisogna abusare dello smartphone - e dei supporti digitali in genere - nell’intrattenimento dei bambini. Tuttavia, pur centellinandone l’utilizzo, ci sono momenti in cui lo smartphone ci salva letteralmente la giornata come una sorta di magica baby sitter che si materializza ogni volta in cui ne abbiamo bisogno. Ecco quali sono i motivi per cui lo apprezziamo di più in queste vesti.

  • E’ gratis

Cioè, in realtà l’iphone non è gratis, ma è entrato a tal punto nelle nostre vite che quasi nessuno ne fa a meno, anche perché oggi ci sono abbonamenti che hanno costi irrisori. Magari ti farebbe comodo una babysitter per l’ora critico delle sette di sera - quello in cui devi sistemare la spesa, lavare i bambini e te stessa, preparare la cena, rispondere alle mail e chi più ne ha più ne metta - ma, complice la crisi e tutto il resto, ti fai bastare 20 minuti e usi lo smartphone-sitter. E’ sempre disponibile La sera, ogni mamma che ci tiene a rimanere sana di mente carica religiosamente lo smartphone: si perché non sai mai se e quando arriverà il frangente in cui ne hai un disperato bisogno. Potrà essere il momento in cui ricevi sul telefono di casa l’importante chiamata che aspetti da un mese, ma al tempo stesso tuo figlio decide che è assolutamente ora di uscire. Potrà essere il momento in cui devi fare la spesa con i minuti contati mentre lui non ne vuole sapere. O quello in cui rimani imbottigliata nel traffico per un incidente ma non senti la sirena della polizia perché ce n’è una ben più potente accomodata nel sedile posteriore.

  • E’ in grado di sedarli senza condizioni

Quando consegni lo smartphone ai tuoi figli, tu cessi di esistere. E’ una cosa brutta? Non proprio. Si perché anche noi mamme siamo umane e prima o poi arriva Quel Giorno: quel giorno in cui capisci che se non ti siederai a bere un caffè da sola e in silenzio, anche solo per riordinare i pensieri cinque minuti, potresti trasformarti nell’incredibile Hulk.

  • Annulla le loro necessità

Ci sono domande a cui nessun ricercatore ha saputo mai dare risposta. Perché i bambini hanno sete (inappellabilmente sete) esattamente nel momento in cui lasci il campo giochi per tornare a casa? Perché devono fare SUBITO la cacca non appena sali sull’autobus? Perché non hanno fame a merenda e ce l’hanno da morire non appena salgono in auto, l’unico giorno in cui hai dimenticato la banana che porti sempre in borsa (e grazie a cui i tuoi colleghi maschi iniziano a guardarti con sospetto, dato che non ti hanno mai visto mangiarla)? Solo lo smartphone è in grado di fronteggiare certe situazioni.

  • Non è solo per le emergenze

La babysitter è per il lavoro, per le emergenze, per le visite mediche, forse una o due volte all’anno per una cena fuori al ristorante. Lo smartphone invece copre tutte le esigenze che fanno di te un essere umano: depilarti senza uno che cerca di strapparti di mano rasoio tranciandoti di netto una ciocca di capelli. Provare un vestito senza uno che entra e esce dal camerino. Fare un discorso con tua madre senza essere interrotta millemila volte, finché non dai spettacolo con una scenata isterica in piena regola. Ma prendereste mai una babysitter per parlare 10 minuti con vostra madre?

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0