gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Come tenere occupati i bambini senza la televisione

/pictures/20160824/come-tenere-occupati-i-bambini-senza-la-televisione-3621974604[1654]x[691]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Come intrattenere i bambini senza televisione. Quali sono le alternative? Ecco una lista di idee suddivise per età

Come intrattenere i bambini senza televisione

Lasciare che i bambini guardino a lungo la televisione da soli è una questione che suscita molti dubbi: potrebbero capitare su programmi non adatti alla loro età, ma soprattutto trascorrerebbero in modo passivo del tempo che potrebbe invece diventare valvola di sfogo, occasione per imparare o anche solo per divertirsi. Quali sono le alternative alla televisione? Ecco una lista di idee suddivise per età.

Giochi per affrontare le paure

Ai piccolissimi piacciono molto tutti i giochi di manipolazione. Possiamo proporre i travasi, allestendo un vassoio sul tavolo della cucina con alcuni contenitori di plastica, un cucchiaio e un imbuto in cui far passare farina gialla o riso a seconda dell’età. Preparando della pasta di sale, o procurandoci della pasta modellabile, potranno invece creare personaggi e giochi ispirandosi alla loro fantasia. Il cesto dei tesori è una soluzione molto usata negli asili nido e consiste in un cestino che raccoglie oggetti di materiale differente che il bambino può esplorare a reinventare a piacere.

  • Dai 2 anni inizia la passione per il colore che ispirerà ai piccoli artisti una produzione quasi ossessiva di disegni. Il colore diventa scoperta se viene lasciato come strumento da usare liberamente: spazio ai colori liquidi da stendere con le dita, oppure utilizzando spugne, patate sagomate a forma di stampo o cuori di insalata come faceva Munari.
  • Ai bambini di 3 e più, piace giocare copiando le attività che vedono fare ai grandi: allestire un negozio, cucinare per finta o anche con ingredienti veri, trasformarsi in un medico dei pupazzi o imitare la maestra d’asilo.
  • Ai piccoli di 4 anni piace costruire, perché non assecondare questo interesse? Per incuriosirli possiamo scegliere materiali comuni che vanno lasciati a loro disposizione perché ne facciano uso ispirandosi solo alla fantasia. Possiamo scegliere le zollette di zucchero, i bastoncini per pulire la pipa o semplici avanzi di legno, purché siano ben levigati.
  • Verso i 5 anni la manualità inizia a diventare più precisa: è il momento per proporre oggetti da decorare, magari recuperandoli tra i contenitori che non servono più, quindi possiamo far dipingere o ricoprire scatole di ogni forma, contenitori dello yogurt per farne vasetti in cui seminare o vassoi tipo pasticceria per farne cornice dove appendere i piccoli capolavori.
  • I bambini di 6 anni sono piccoli artisti pieni di ingegno: saprebbero inventare un gioco con qualunque oggetto. A volte manca l’idea con cui partire e basta far vedere come trasformare una bottiglia di plastica in razzo spaziale per aiutarli a liberare la fantasia e ritrovarsi la casa piena di bottiglie trasformate in zattere, automobili, castelli, case per folletti.
  • Dai 7 anni i nostri figli sono in grado di partecipare a un gioco di società rispettandone tempi e regole. Come facevano i nostri nonni una volta, spegniamo la televisione per concederci anche noi una tranquilla serata di chiacchiere giocando a carte, a dama o a scacchi

 

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0