gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

"Animali Fantastici e dove trovarli" arriva in DVD

/pictures/2017/03/28/animali-fantastici-e-dove-trovarli-arriva-in-dvd-358738890[1944]x[812]780x325.jpeg Ufficio Stampa
gpt native-top-foglia-bambino

"Animali Fantastici e dove trovarli" arriva in arriva Digital Download dal 13 marzo e in DVD, BLU-RAY™, BLU-RAY 3D™ e 4K ULTRA HD™ dal 28 marzo

"Animali Fantastici e dove trovarli" in DVD

Arriva il 13 marzo 2017 in digital Download e poi il 28 marzo in DVD, BLU-RAY™, BLU-RAY 3D™ e 4K ULTRA HD™  il film "Animali fantastici e dove trovarli", ispirato all'omonimo libro di J. K. Rowling, la creatrice di Harry Potter. E in effetti questo film ha molto a che vedere con il famoso maghetto di Howgarts.

La regia è firmata da David Yates, che ha diretto anche gli ultimi quattro film della saga di "Harry Potter" e J.K. Rowling, per la prima volta, partecipa al film firmando la sceneggiatura. Nello scrivere la sceneggiatura del film si è ispirata al testo della scuola di Hogwarts “Animali Fantastici e Dove Trovarli” scritto dal suo personaggio, il “magizoologo” Newt Scamander, che nel film è interpretato dal Premio Oscar Eddie Redmayne (La teoria del tutto, The Danish Girl).

gpt native-middle-foglia-bambino

Sinossi del film

Il magico mondo di New York del 1926 nasconde una serie di pericoli. Qualcosa di misterioso sta seminando caos  e distruzione nelle strade della città, minacciando di esporre la comunità delle creature magiche ai No-Mag (i nostri babbani), inclusi i Secondi Salemiani, una setta di fanatici decisi a distruggere chi possiede la magia. Inoltre il potente e cattivissimo mago Gellert Grindelwald, dopo aver scatenato disordini in Europa, è svanito nel nulla…e nessun sa dove trovarlo.

Incurante della crescente tensione, il “magizoologo” Newt Scamander sbarca in città per una sosta del suo lungo viaggio dedicato alla ricerca e al salvataggio delle creature magiche, alcune delle quali sono custodite in una magica dimensione all’interno della sua valigia di pelle. Ma un potenziale disastro si prospetta all’orizzonte quando un No-Mag di nome Jacob Kowalski inavvertitamente lascia uscire alcune delle creature contenute nella valigia di Newt in una città già allo sbando. L'ex Auror Tina Goldstein approfitta di questa violazione dello Statuto di Segretezza per riprendere il suo posto come investigatore, arrestando Next e conducendolo al Magico Congresso degli Stati Uniti d'America. Tuttavia, le cose prendono una piega inquietante quando Percival Graves, l’enigmatico direttore del MACUSA getta i suoi sospetti su Newt e Tina.

Ora alleati, Newt e Tina, insieme con la sorella di Tina, Queenie, e il loro nuovo amico No-Mag, Jacob, formano un gruppo di improbabili eroi che deve recuperare le bestie mancanti di Newt prima che si facciano del male.

"Animali Fantastici e dove trovarli", Home Video

"Animali Fantastici e Dove Trovarli" sarà disponibile dal 28 marzo 2017 in:

  • DVD a 16,99€
  • Blu-ray a 19,99€
  • Blu-ray 3D a 22,99€
  • 4K Ultra HD a 29.90 €
  • Edizione limitata POP UP Snaso da collezione in Blu-ray a 29.99 €

Dal 13 marzo è disponibile la versione in Digital Download anche in HD, su tutte le piattaforme digitali: iTunes, Google Play, TIMvision, Chili, Wuaki, PlayStation Store, Microsoft Film & TV e dal 28 Marzo a noleggio su tutte le piattaforme digitali e su Infinity, Premium Play e SKY Primafila.

Animali fantastici e dove trovarli | Nuovo teaser trailer

Il successo della saga di Harry Potter

In occasione dell'uscita in Home Video del film "Animali Fantastici e dove trovarli" abbiamo intervistato Loris Vezzali, Professore associato dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, espero di Psicologia sociale ed Educazione e Scienze Umane. 

Vezzali ha condotto uno studio, nel 2014, per indagare sugli effetti della lettura dei romanzi di Harry Potter sui ragazzi. I risultati sono stati che la saga del maghetto e i suoi derivati, insegnano ai bambini l’empatia e il rifiuto dei pregiudizi.

  • Gentile Dr. Vezzali in vista dell’uscita in edizione home video del film Animali Fantastici e dove trovarli, prequel del magico universo potteriano, ci può dire perchè i romanzi di Harry Potter sono considerati ad alto valore educativo?

Vi sono ormai vari studi che dimostrano come le storie di Harry Potter possano avere un alto valore sociale.  Anzitutto, una caratteristica importante è data dal loro fascino. Vi sono poi numerosi aspetti che fanno di questi romanzi uno strumento educativo utile, quali i significati anche filosofici e sociali in essi contenuti, gli importanti valori trasmessi (quali l’importanza dell’amicizia), l’introspezione con i personaggi principali che potenzia le capacità empatiche del bambino, la riduzione del pregiudizio verso i gruppi sociali stigmatizzati e, dunque, l’orientamento verso una società più equa. Degno di nota anche l’effetto prodotto dai libri (e indirettamente dai film, nella misura in cui motivano alla lettura). Mentre talvolta occorre insistere per far leggere un libro a un bambino, con i libri di Harry Potter capita spesso il contrario, vale a dire che dopo aver comprato il libro bisogna tenere a freno il bambino dicendogli di aspettare fino a casa per leggerlo. E’ evidente come libri come questi avvicinino i bambini e gli adolescenti alla lettura, con tutti i benefici che ciò comporta, dall’aumento della motivazione scolastica alle capacità di lettura e comprensione. Tutto ciò è inoltre favorito dall’alta qualità letteraria di questi libri, soprattutto se confrontati con la letteratura di largo consumo generalmente disponibile.

  • In che modo viene percepita la “diversità” oggi fra i giovani?

E’ molto difficile rispondere a questa domanda. Da un lato, i giovani dovrebbero essere più aperti alla diversità rispetto a quanto avveniva anni fa. Oggi infatti è più facile viaggiare, i social media permettono di oltrepassare le barriere spaziali e di mantenere quindi contatti con persone molto distanti (sia fisicamente che culturalmente). In altre parole, il “mondo” è più vicino oggi. Inoltre, i giovani sono cresciuti in una società dove la diversità è sempre più accettata e visibile. Non parlo solo di quella multiculturale, legata all’immigrazione, ma anche di quella relativa ad altri gruppi, come ad esempio i disabili, non più segregati in casa come avveniva molti anni fa. Dall’altro lato, però, l’emergere di movimenti estremisti e populisti sta facendo nascere in una parte di popolazione, giovani inclusi, un rigetto della diversità, facendo addirittura diventare spesso accettabile e desiderabile schierarsi apertamente contro di essa. Ne sia un esempio la crescente polarizzazione di opinioni tra chi pensa che gli immigrati siano una risorsa e chi li ritiene solo “ospiti indesiderati”. Oppure, l’omofobia evidente in tanti episodi di cronaca recente, in larga parte proprio tra i giovani, che fa pensare come forse l’accettazione della diversità tanto sbandierata da parte di alcuni sia solo una facciata e che molto resti ancora da fare per garantire una società realmente equa e plurale.

  • I romanzi della Rowling, come aiutano ad abbattere pregiudizi e barriere culturali, secondo lei?

In alcuni studi si è trovato come leggere questi libri sia associato a una riduzione del pregiudizio nei confronti di categorie sociali altamente stigmatizzate nella società, quali gli immigrati, i rifugiati, gli omosessuali, i disabili. Ciò è reso possibile dal fatto che i lettori in qualche modo tracciano un parallelo tra il mondo reale e quello fantastico di Harry Potter, che come il “nostro” è permeato da stratificazioni sociali e ingiustizie. Identificandosi con i valori di Harry Potter, i lettori comprendono come non sia giusto discriminare, con il risultato di un miglioramento generalizzato dell’atteggiamento verso numerose categorie sociali. Ciò non significa che chi legge questi libri avrà necessariamente meno pregiudizio, bensì che queste storie possono rivelarsi utili strumenti in mano agli insegnanti per promuovere l’idea di una società più equa. Purtroppo, sebbene questi e altri libri promuovano appunto la riduzione del pregiudizio, siamo bombardati ogni giorno (da tv, giornali, amici, familiari) con notizie che al contrario spesso spingono in direzione opposta. A maggior ragione, è fondamentale incoraggiare letture che consentano di sviluppare il desiderio di un mondo più giusto.

  • Quali sono i valori di base che insegna la saga di Harry Potter?

Credo che queste storie trasmettano molti messaggi, valori legati all’amicizia, all’amore, alla lealtà, alla giustizia, al rispetto, dunque valori sociali importanti. Ma il libro offre molte chiavi di lettura, più o meno complesse, da quelle più semplici ed evidenti, comprensibili dai più giovani, a quelle che con più probabilità possono essere fatte proprie dai più grandi. Ad esempio, Harry Potter non è un personaggio interamente positivo, come esplicitato anche nel libro dalla Rowling. Anzitutto, Harry talvolta, come tutti gli adolescenti, ha comportamenti discutibili (prontamente notati a beneficio del lettore da Hermione, l’amica del cuore di Harry), per esempio commette qualche marachella. Soprattutto però, il fatto che Harry abbia dentro di sé una parte di anima di Voldemort (il cattivo) suggerisce che non esiste bianco o nero, tutti abbiamo caratteristiche positive e altre che, talvolta, ci portano a non essere modelli ideali di persona. Quello che è importante, cosa che Harry fa, è combattere e lavorare sui propri lati negativi: la volontà di capire i propri limiti e lati “oscuri” e cercare di migliorare è la chiave per diventare davvero grandi.

  • Per i ragazzi di oggi quanto contano secondo lei parole come amicizia, lealtà, empatia?

La mia impressione è che, a parole, contino sempre molto. Tuttavia, la fluidità delle relazioni sociali resa possibile dai nuovi media, dove amico è chiunque ed è facile rimpiazzare gli amici vecchi con quelli nuovi, e nei quali lasciarsi andare a commenti poco felici (per non dire di più) rimane un fatto indelebile (ciò che entra nella rete difficilmente poi può uscirne del tutto), in qualche modo può “annacquare” questi significati. L’amicizia è sempre eterna, ma questa eternità, oggi più che mai, può durare anche solo qualche giorno. Recuperare la solidità dei legami è probabilmente possibile anche con i social network, che in fondo possono essere strumenti belli e utili: solo, occorre ancora capire come fare.

  • Che ruolo hanno la fantasia e la magia per i bambini  e i ragazzi più giovani ai nostri giorni? È cambiato rispetto a 20 anni fa?

D’impulso direi di sì: i ragazzi oggi crescono prima, la quantità di informazioni, il “mondo” a cui sono esposti, sono molto più estesi oggi, a causa del (o grazie al) proliferare dei media tradizionali e dei nuovi media. I ragazzi in altre parole oggi sono più scafati e, dunque, la magia potrebbe aver perso parte del suo fascino. Però, pensandoci bene, forse proprio le storie di Harry Potter ci fanno capire che le cose non stanno proprio così. Se la magia avesse perso parte del suo fascino, come spiegare persone di tutte le età vestite da streghe e maghi in attesa per ore davanti alle librerie o ai cinema, o l’attesa di anni per lo spettacolo teatrale di Harry Potter in scena a Londra, o addirittura conferenze scientifiche sul maghetto (come la Harry Potter conference di Philadelphia) dove persino gli scienziati giravano con cappelli e bacchette da streghe e maghi? Paradossalmente, potrebbe essere il contrario. In una realtà sempre più cruda, la magia è quanto mai un rifugio, un’àncora, che ci permette di fantasticare e credere che il domani possa essere migliore di oggi.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0