gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Pannolini lavabili: tutti i vantaggi

Sono sempre più numerose le mamme che scelgono di utilizzare i pannolini lavabili al posto dei moderni usa e getta

di Beatrice Spinelli

Sono sempre più numerose le mamme che scelgono di utilizzare i pannolini lavabili al posto dei moderni usa e getta. Sembrerebbe un ritorno al passato, una pratica che nella società dei consumi può risultare antiquata e inusuale; in realtà si tratta di una scelta “controcorrente” ma determinata da alcuni importanti fattori per i quali un numero sempre maggiore di genitori sfida gli atteggiamenti e i comportamenti conformisti che caratterizzano la realtà moderna.

 

GUARDA IL VIDEO: Pannolino molto pieno

 

Il primo di questi fattori sicuramente riguarda la salute e il benessere del bambino: i pannolini lavabili sono realizzati in cotone e lasciano traspirare la pelle del bambino; sono completamente privi di sostanze chimiche che possono causare irritazioni e arrossamenti, soprattutto nel caso di pelli molto sensibili. Gli svantaggi dei pannolini usa e getta da questo punto di vista sono evidenti: alcune studi statistici recenti hanno evidenziato un aumento delle irritazioni nei neonati (LEGGI) nell’area del pannolino dovuti probabilmente alla cattiva abitudine di non cambiare il pannolino troppo spesso.
Questa pratica scorretta è incoraggiata dalle “prestazioni” dei pannolini usa e getta che nella maggior parte dei casi contengono gel o altre sostanze chimiche super- assorbenti che, se da un lato mantengono il bambino asciutto, dall’altro possono provocare delle fastidiose irritazioni, soprattutto se il bimbo rimane per troppo tempo con lo stesso pannolino. Sarebbe anche da imputare all’azione dei gel assorbenti che garantiscono l’”asciutto” il sempre maggiore ritardo nel passaggio dal pannolino alla mutandina, perché essendo molto limitata la sensazione di bagnato il bambino può non rendersi conto di “farsi la pipì addosso”. 

Perciò l’utilizzo dei pannolini in cotone favorirebbe un più precoce passaggio alla mutandina. Infine alcuni recenti studi medico scientifici hanno dimostrato che la temperatura scrotale dei bambini che indossano pannolini usa e getta è significativamente più alta rispetto a quella dei bambini che indossano pannolini di cotone. L’aumento di tale temperatura secondo questi studi potrebbe essere tra le cause del calo della fertilità maschile (LEGGI).

Oltre a queste questioni, che riguardano direttamente la salute del bambino, hanno una grande rilevanza le esigenze di rispetto e salvaguardia dell’ambiente. La maggior parte dei pannolini tradizionali non è riciclabile e per avere un’idea di quale sia il loro potenziale inquinante basta pensare che nei primi 2 anni di vita un bimbo ne “consuma” circa una tonnellata! Dal 1993 Greenpeace ha cominciato a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento: per la produzione dei pannolini usa e getta vengano distrutti ettari ed ettari di boschi oltre al fatto che occorrono materiali altamente inquinanti come la plastica e le sostanze chimiche necessarie ad assicurare un buon grado di assorbenza.
Un altro dato significativo è il fatto che i pannolini usa e getta  non sono riciclabili e costituiscono circa il 5% dei rifiuti urbani, anche per questo sono sempre più numerosi i Comuni che promuovono campagne di sensibilizzazione sull’uso dei pannolini lavabili che costituiscono una grande risorsa anche dal punto di vista del risparmio energetico: ad esempio per produrre un pannolino usa e getta occorrono ben 4 litri d’acqua, molta di più di quella che serve per lavare i pannolini in cotone!

 

LEGGI ANCHE: Intervista i Pannolini lavabili e il blog

 

Oltre al risparmio energetico, c’è da considerare anche il fattore del risparmio economico che spesso risulta determinante ai fini della scelta di utilizzare i pannolini lavabili. Si tratta di vantaggi che ad una prima analisi possono non risultare così evidenti perché il costo di un kit di pannolini lavabili si aggira sulle 400-500 euro e indubbiamente si tratta di una spesa che, aggiunta alle altre, può risultare proibitiva per una famiglia che si prepara ad accogliere un bebè.  In realtà l’entità del risparmio economico balza subito agli occhi attraverso il confronto con il costo dei pannolini usa e getta che si può quantificare in circa 1200-1500 euro in due anni e mezzo. In definitiva i pannolini lavabili costano meno della metà dei pannolini usa e getta e una famiglia può arrivare a risparmiare nel lungo periodo anche 800-1000 euro.

Esistono diversi tipi di pannolini di cotone lavabili e riutilizzabili (LEGGI). I principali che si trovano in commercio nei negozi specializzati e su internet sono:
- pannolini tutti in uno
- pannolini sagomati con chiusura a velcro e mutandina impermeabile separata
- pannolini sagomati con mutandina impermeabile separata.

 

 

pannolini-lavabili

Le marche più famose di questo tipo di pannolini sono la Imse Vimse e la Kushies che propongono on line diverse soluzioni. La Imse Vimse propone tre tipi di pannolini per neonati tra i 3 e i 7 kg di pesa: in flanella o in spugna, formati da due parti (pannolino sagomato in cotone e mutandina impermeabile separata) oppure un solo pezzo utilizzabile con degli inserti assorbenti monouso. La Kushies propone pannolini formati da tre parti (pannolino in taffetà , mutandina impermeabile e inserti monouso) disponibili in pacchi prova da 5 pezzi. Su internet è possibile tra l’altro trovare dei siti specializzati che offrono moltissime soluzioni che coniugano il benessere del proprio bimbo con il rispetto per l’ambiente

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0