NAVIGA IL SITO

Microchip sottocutanei per ottenere gli sconti nei negozi

Negli Stati Uniti molti negozi hanno chiesto ai propri clienti di farsi impiantare dei microchip per monitorare le loro spese ed assegnare gli sconti: voi lo fareste?

Corredino neonato: cosa occorre

Tutte le foto < 1 >

Vedi foto di: Corredino neonato: cosa occorre

    cuscino allattamento relax
    Barbara Leone 11 settembre 2012
    Abitualmente fate compere di più nei negozi per bambini (LEGGI) o nei negozi di abbigliamento per il vostro guardaroba? Facendovi impiantare un microchip sottocutaneo, potreste usufruire di vari sconti in base alle vostre abitudini di acquisto. E' quello che accade negli Stati Uniti, dove alcuni punti vendita hanno chiesto ai propri clienti abituali di farsi impiantare un microchip per poter assegnare gli sconti in base al genere di acquisti che ogni cliente fa di più durante l'anno.



    LEGGI ANCHE: 10 acquisti indispensabili per le neomamme



    In questo modo le spese di ogni singolo cliente vengono continuamente monitorate. E la privacy? Molti clienti hanno accettato volentieri di rinunciare ad un po' di privacy, pur di ottenere qualche sconto in più sugli acquisti. I dati personali degli acquirenti vengono così catalogati e, spesso, comunicati ad altre società, che inviano offerte speciali.



    LEGGI ANCHE: Neonato, guida agli acquisti veramente indispensabili



    Un modo come un altro per fare pubblicità con il consenso del cliente. E' un po' quello che accade in Italia, quando, ad esempio, si fanno le carte fedeltà nei supermercati o nei negozi dove si va più spesso. Nel modulo che si compila c'è sempre l'informativa alla privacy ed il cliente può dare (o non dare) il consenso ad essere contattato per ricevere la possibilità di aderire ad offerte speciali o per partecipare a sondaggi sulle abitudini quando si fanno acquisti.

    Voi sareste disposti a farvi impiantare un chip sottocutaneo per usufruire di sconti sui pannolini o sui giocattoli ed i vestiti per i vostri figli?


    Caricamento in corso: attendere qualche istante...

    6
    Commenti

    Pagina 1 di 2:
    1 2 > »
    Gianni Comoretto lunedì, 8 ottobre 2012

    É una bufala

    È esistito un solo chip impiantabile negli USA, il VeriChip, in vendita dal 2002 al 2010. Non so quanti ne siano stati venduti, ma non mi sembra molti. Oggi non è più in produzione, e quindi semplicemente non è possibile farsi impiantare un chip di identificazione negli USA in modo legale. Certo, puoi fartene impiantare uno approvato per cani, ma non credo che una catena di negozi lo chieda ai propri clienti.

    n° 6
    parrinels mercoledì, 10 ottobre 2012

    R: É una bufala

    Che sia una bufala è da dimostrare... la verichip ha cambiato nome (non a caso) ma esiste ancora e impianta ancora microchip per l'esattezza Biochip!

    Irene mercoledì, 3 ottobre 2012

    Neanche morta

    Ne ai miei figli nè a me. Neppure morta... sono pericolosissimi sotto ogni profilo, sotto tutti i profili.

    n° 5
    barbara giovedì, 4 ottobre 2012

    R: Neanche morta

    > Ne ai miei figli nè a me. Neppure morta... sono pericolosissimi sotto ogni profilo, sotto tutti i profili.


    Sottoscrivo in pieno. Farsi "schedare" per risparmiare mi sembra una follia...

    Biomamma lunedì, 1 ottobre 2012

    Ma non bastavano dei braccialetti?

    Questa storia dei microchip è assurda! Non bastavano dei bei braccialetti?

    n° 4
    emmme martedì, 2 ottobre 2012

    R: Ma non bastavano dei braccialetti?

    Quelli puoi sempre toglierteli. Commercialmente è assai più proficuo un qualcosa che non puoi mai toglierti e che ti informa su tutto quello che fa tal persona. E poi un braccialetto ha una brutta associazione mentale, ti ricorda in ogni momento a che cosa serve, e dopo poco comincia ad essere respinto dal portatore, perché a nessuno piace essere controllato 24/24h, a meno che non abbia una menomazione mentale. Sottopelle ha anche un effetto di "occhio non vede, cuore non duole", quindi puoi vivere nella finta credenza di non avere niente.

    essse lunedì, 1 ottobre 2012

    Che odore di bufala...

    Buongiorno,

    quali sarebbero questi negozi? E da quando proporrebbero l'impianto del chip?
    Perche' detta cosi' sa tanto, ma taaanto di una bufala colossale.
    Se poi aggiungiamo che di come funziona un RFID pare che non abbiate capito niente, l'odore di bufala diventa ancora piu' forte.

    n° 3
    Nuccio venerdì, 5 ottobre 2012

    R: Che odore di bufala...

    Non è per niente una bufala è l'inizio della fine dei tempi. Leggete in Apocalisse (Sulla Bibbia) cosa Gesù aveva rivelato a Giovanni sulla fine di tempi -IL MARCHIO DELLA BESTIA. Certo si può non credere ma i segni dei tempi sono oramai molto chiari.

    Attivissimo lunedì, 1 ottobre 2012

    R: Che odore di bufala...

    C'è odore di bufala, ma forse solo l'odore: http://www.wired.com/news/privacy/0,1848,55999,00.html

    James Farrell mercoledì, 3 ottobre 2012

    R: R: Che odore di bufala...

    WIRED non è propriamente il New York Times, in ogni caso, in tutto l'articolo della rivista americana, non si citano gli sconti di cui invece si parla in questo. Dimostra solo la presenza di ditte produttrici di chip sottocutanei a 125KHz, e promuove le dichiarazioni di queste ditte produttrici come reali potenzialità del chip (mai sentito parlare di marketing?). Prendiamo la localizzazione di una persona scomparsa: stiamo parlando di TAG RFID, mica di moduli GPS. Similmente a come succede per cani e gatti, la lettura non potrà avvenire che a breve distanza (o alimenti il chip per induzione e lo tieni entro il campo magnetico del reader, o alimenti il chip con una batteria che dovrai periodicamente sostituire).

    eSSSe lunedì, 1 ottobre 2012

    R: R: Che odore di bufala...

    c'e' anche chi e' arrivato a dire che questi tag possono essere usati come trasmettitori e localizzatori in caso di rapimenti...

    emmme martedì, 2 ottobre 2012

    R: R: R: Che odore di bufala...

    Disinformatori di mestiere eh? Se un microchip è tale da inviare informazioni, un segnale lo inviano, e qualche antenna lo prende, da lì puoi risalire alla posizione, siccome di antenne non ce ne sono una ogni 120km. Attivissimi a raccontare palle eh. Sempre voi ci siete in queste cose, sembrate proprio ai troll della rete, non so perché ma la differenza non è percepibile, stipendio a parte.

    AstroTime lunedì, 1 ottobre 2012

    Un piano datato, per il controllo totale

    Pensare ai microchip in termini di sconti è una vera follia.
    Possono soggiogare chiunque con un tocco di tastiera.

    Questa non vorrei certo destinarla alle mamme ed ai loro bambini!
    ma gli "iniziatori" lo sanno ed abusano del fronte più indifeso... per cominciare.
    Eppure le mamme hanno almeno una responsabilità in più; perciò chi ha stomaco forte, è bene che cominci a rendersene conto, prima che sia tardi:
    http://bit.ly/swfqw

    n° 2
    Chiudi
    Aggiungi un commento a Microchip sottocutanei per ottenere gli sconti nei negozi...
    • * Nome:
    • Indirizzo E-Mail:
    • Notifica automatica:
    • Sito personale:
    • * Titolo:
    • * Avatar:
    • * Commento:
    • * Trascrivi questo codice:
    * campi obbligatori
    Pagina 1 di 2:
    1 2 > »