gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Sì alla culla sin dai primi giorni di vita e no al lettone

Se da una parte è vero che dormire nel lettone è un po’ il desiderio di tanti bambini che in questo modo restano vicini a mamma e papà e che gli stessi neo genitori in questo modo si sentono più sicuri, bisogna ricordare che non sempre è un fatto positivo, anzi

di Martina Braganti

Se da una parte è vero che dormire nel lettone è un po’ il desiderio, il sogno di tanti bambini che in questo modo restano vicini a mamma e papà e che gli stessi neo genitori in questo modo si sentono più sicuri, bisogna ricordare che non sempre è un fatto positivo, anzi.

LEGGI ANCHE: La nanna ideale, i problemini dei primi mesi


Alcuni medici inglesi prendendo in esame alcuni casi di morte improvvisa dei neonati (LEGGI) sarebbero arrivati alla conclusione che esista una stretta correlazione tra alcuni decessi ed il dormire nel lettone. Non solo. Il rischio di morte per i piccoli aumenta in presenza di genitori che fumano o che assumono alcolici o sonniferi oppure se gli stessi bambini sono nati prematuri.
Altri studi hanno dimostrato come più della metà dei bambini che dormono nel lettone abbiano difficoltà a relazionarsi con gli altri, non riescono a prendere sonno con facilità e inoltre non rispettano gli orari per la poppata (con un conseguente mancato riposo per i genitori).


LEGGI ANCHE: Le cattive abitudini che rovinano il sonno dei bambini


Inoltre ricordiamoci che se i neonati vengono abituati a dormire nel lettone difficilmente poi si adatteranno a qualcosa di diverso ecco perché sarebbe il caso (per una maggiore autonomia) di farli dormire (LEGGI) sì nella stanza matrimoniale (quando sono piccoli) ma sempre in una culla che è molto più sicura del lettone.
Quindi se anche il piccolo dovesse piangere dovete essere forti e non cedere.
Quando sarà abbastanza grande da avere una stanza tutta sua per aiutarlo le prime notti potete lasciare una luce accesa: in questo modo continuerà a percepire calore …e voi starete più tranquilli (riuscendo così anche a riconquistare qualche ora di sonno in più).


LEGGI ANCHE: Andare a nanna presto, quali i vantaggi



Quando abituarlo a farlo dormire in una stanza diversa dalla vostra? Già da quando vedrete che ha difficoltà ad entrare nella culla, quindi verso 8/9 mesi.

E’ un argomento controverso (LEGGI) e mi rendo conto che sono molti i genitori (soprattutto se si tratta del primo figlio) che non se la sentono di lasciare da solo il piccolo nato da poco.. Provate però a pensare che si tratta di scelte per il loro bene
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0