Pianetamamma logo pianetamamma.it

1 5

Le posizioni migliori per far dormire il bambino

Nel lettino, nella culla e nella carrozzina: come è meglio far dormire il bambino nei primi mesi?

Quando il bebè arriva a casa dopo l'ospedale una delle prime domande che vengono in mente ai neogenitori è: dove lo faremo dormire? E come è meglio sistemarlo?

Ecco qualche consiglio utile.

Se si opta per il cosleeping è importante limitare i rischi di soffocamento e schiacciamento. L'ideale sarebbe sistemare il lettone contro una parete, proteggere il muro con dei tessuti morbidi in modo che il bambino non ci sbatta contro durante il sonno e far dormire il bebè tra la mamma e il muro.


LEGGI ANCHE: Cosleeping, bambini che dormono nel lettone


Se si sceglie di utilizzare la culla nei primi tempi può essere una buona idea. Il bambino appena nato ha bisogno di sentirsi "contenuto" proprio come se stesse ancora nel grembo materno. Quindi se la scelta cade sul lettino è meglio usare un riduttore, mentre la culletta ha le dimensioni giuste. Il neonato deve essere in grado di sentire con i piedi, le mani e la testa i confini del suo spazio e non deve sentirsi troppo sperduto in uno spazio gigantesco.

posizioni-migliori-far-dormire-bambino



Se si sceglie di mettere il bambino nel lettino senza riduttore, allora è bene sistemarlo in fondo: i piedini che toccano lungo il paracolpi e assolutamente senza coperta. Meglio un pigiamino più pesante o il sacco nanna.
E' importante eliminare dal letto qualsiasi oggetto esterno: peluche, copertine, cuscini. E a proposito del cuscino, nei primi mesi il bambino non ha bisogno del cuscino che, anzi, può essere addirittura dannoso per lo sviluppo scheletrico.


LEGGI ANCHE: Il sonno dei bambini, ritmi e abitudini



Ma qual è la posizione migliore nella quale far dormire il neonato?
Per ridurre il rischio di Sids (Sindrome della morte in culla) gli esperti consigliano vivamente di non far dormire il bambino pancia sotto, ma esclusivamente pancia sopra.
Se ha appena mangiato è importante fargli fare il ruttino e poi sistemarlo su un fianco, in modo che se dovesse rigurgitare non rischia il soffocamento causato dal suo stesso latte.