gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Andare a letto presto. I benefici per il bambino e per la coppia

/pictures/20160823/andare-a-letto-presto-i-benefici-per-i-bambini-e-per-la-coppia-2046648253[3767]x[1573]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Perché i bambini devono andare a letto presto? Ritardare l'orario della nanna potrebbe avere ripercussioni negative sui piccoli. Ecco perché mandarli a letto presto è un'abitudine preziosa sia per i bambini che per la coppia

Perché i bambini devono andare a letto presto

Nella gran parte delle famiglie in cui sono presenti dei bambini piccoli il momento di andare a nanna può essere molto problematico. I bambini particolarmente vivaci, a prescindere dall'età, spesso rifiutano di andare a letto presto e questo, oltre a causare non poche fatiche serali ai genitori, può determinare problemi di attenzione o di irritabilità nel
bambino che ha riposato poco o male.

I bambini dovrebbero dormire almeno otto ore per notte, ma secondo una recente ricerca sono sempre più numerosi quelli che cominciano troppo presto a fare le ore piccole, magari sulla scia delle abitudini dei genitori. É una realtà allarmante che i pediatri sottolineano sempre più spesso, denunciando che nelle famiglie italiane si tende troppo spesso a ritardare l'orario della nanna dei piccoli.
Un’abitudine che, come già accennato, può avere ripercussioni negative sulla capacità di attenzione e in generale sullo sviluppo cognitivo del bambino, soprattutto quando il piccolo comincia ad andare a scuola. Gli esperti spiegano che quando i piccoli vanno a letto tardi e stanno troppo tempo davanti alla tv o al computer dormono male a causa di  una ipereccitabilità e di eccessivo lavoro mentale, fattori che ostacolano il sonno. A questo possono aggiungersi altri problemi legati al sonno.

Non dimentichiamo, ad esempio, che nei primi due anni di vita l'insonnia riguarda il 20/30 % dei bambini mente una percentuale variabile tra il 3 e il 27 % dei bambini russa o soffre di apnee notturne. Questi ed altri problemi legati al sonno sono spesso causati dall'eccitabilità dei neuroni o da disturbi respiratori che, se trascurati, possono provocare irritabilità e difficoltà di attenzione ma anche problemi cardiovascolari e neurologici in età adulta.

Consigli per organizzare la giornata con i bambini senza traumi

Per stabilire una giusta routine che permetta al bambino di andare a letto presto e dormire bene per tutta la notte occorre molta fermezza ma anche la giusta dose di pazienza. É molto importante riuscire a stabilire delle regole e fare in modo che vengano rispettate da tutti i membri della famiglia.
Tra le abitudini che garantiscono un buon sonno ai bambini c'è di sicuro quella di cenare sempre allo stesso orario, evitando cibi pesanti e bevande eccitanti che potrebbero interferire con il riposo. Per favorire il rilassamento può aiutare anche un bagnetto caldo prima della nanna, sempre che sia un'attività che il bambino fa volentieri, e cercare di creare in casa un'atmosfera rilassata e tranquilla.

Se è possibile è bene evitare di accendere la tv o il computer che possono stimolare eccessivamente il sistema nervoso del bimbo ostacolando il rilassamento necessario al sonno. Anziché guardare la tv una valida alternativa può essere quella di invitare il piccolo a fare dei giochi insieme o, a seconda dell'età, guardare o leggere dei libri. Spesso i bambini che arrivano a sera molto stanchi o nervosi sono quelli che si oppongono di più all'idea di andare a letto oppure fanno fatica ad addormentarsi. Per superare questo problema può essere utile abituarli ad un breve riposino pomeridiano che possa attenuare la stanchezza e quindi diminuire l'irritabilità serale.

A questo proposito é importante ricordare che gli esperti raccomandano il sonnellino pomeridiano per i bambini fino a tre anni.
Secondo un recente studio condotto dall'istituto statunitense Sri international è molto importante che i bambini vadano a letto presto e possibilmente sempre alla stessa ora; ciò sembra avere un effetto molto positivo sulle loro prestazioni cognitive.

Dai risultati di questo studio, condotto su 8000 bambini dai nove mesi ai quattro anni, è emerso che andare a letto presto migliora la qualità del riposo notturno e ciò a sua volta favorisce l'apprendimento, le capacità di linguaggio e le abilità matematiche. La regola sarebbe quella di mandare i bimbi a nanna entro le 21 e cercare di farli dormire almeno 11 ore per notte. 
Insomma non c’è dubbio che andare a letto presto sia un'abitudine davvero salutare per i nostri figli che così possono godere di maggiori energie fisiche e mentali durante la giornata. Ma riuscire a mandare i bambini a letto ad un orario opportuno può avere effetti benefici anche per i genitori che possono godere così di qualche ora di tranquillità.

Nella gran parte delle famiglie uno o entrambi i genitori lavorano tutto il giorno perciò, una volta che i bambini sono “sistemati” a letto, mamma e papà possono guardare un film, dedicarsi ai loro hobby, occuparsi con tranquillità di qualche faccenda di casa, passare qualche ora con gli amici o avere qualche momento di intimità necessaria per cementificare e rinsaldare il rapporto di coppia.
 

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0