gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Svezzamento vegetariano: i consigli delle mamme

Sempre più mamme scelgono per i loro bambini uno svezzamento vegetariano o addirittura vegano. Ecco qualche consiglio utile che arriva direttamente dalle mamme blogger

Lo svezzamento è spesso scandito da tappe fisse che si susseguono, una dietro l’altra, dietro indicazione del pediatra o di qualche schema predefinito. Brodino con carota e patata, verdure, omogeneizzati di carne e poi via via tutti gli altri alimenti, fino a quelli potenzialmente allergizzanti, come l’uovo o il pomodoro.

Ma esiste anche un’altra strada per uno svezzamento diverso che non prevedeva l’impiego della carne e, in generale, delle proteine di origine animale. Stiamo parlando dello svezzamento vegetariano, che spesso trova le sue radici in una scelta etica dei genitori del bambino, ma che, se eseguito correttamente e senza lasciare nulla al caso, non pregiudica in alcun modo la salute del bambino né il suo sviluppo.

Ecco qualche consiglio generale per procedere con uno svezzamento vegetariano:
  • allattare al seno in maniera esclusiva almeno fino ai sei mesi di vita e poi iniziare con il proporre della frutta frullata di coltivazione biologica (per a mela, le più indicate per cominciare);
  • aggiungere gradualmente della farina di riso per dare più consistenza alla merenda (la frutta non sostituisce una poppata ma si aggiunge ai pasti a base di latte);
  • introdurre gradualmente, insieme al brodo vegetale preparato con carota, patata e zucchina di coltivazione biologica, vari tipi di cereali: mais, tapioca, riso, grano saraceno e poi l’orzo, l’avena e il farro;
  • al posto delle proteine di origine animale inserire gradualmente le proteine di origine vegetale: iniziare con le lenticchie rosse decorticate e i piselli secchi (il consiglio è di cucinarli insieme e poi fare un passato cremoso che può essere surgelato in pratiche miniporzioni);
  • introdurre via via  seguendo un calendario di introduzione degli alimenti, tutti i legumi e preparare piatti unici a base di cereali e legumi;


  • inserire nel brodo le alghe, come le Iziki o le Dulse, ricchissime di calcio e ferro e utilizzare, a partire dai sette mesi, alcuni alimenti che garantiscono un particolare apporto di alcune preziose sostanze. Un esempio, il miso d’orzo, straordinariamente ricco di ferro e proteine);
  • usare il latte di soia e la soia in generale, una delle più ricche fonti di proteine di origine vegetale presenti in natura.

Svezzamento vegetariano o vegano?
La differenza è sostanziale. Una dieta vegetariana elimina la carne ma ammette latte e derivati, uova (e  in qualche caso anche il pesce), la dieta vegana invece non ammette alcun tipo di proteina di origine animale.

Generalmente una buona dieta vegetariana non compromette in alcun modo lo sviluppo e la crescita del bambino perché i prodotti derivati dall’animale apportano la giusta quantità di sostanze nutritive, invece un regime dietetico di tipo vegano necessita del controllo e dei consigli del pediatra e in alcuni casi può provocare una carenza di vitamina B12 che andrebbe integrata con appositi complessi vitaminici.
Ai bambini vegani è importante somministrare quotidianamente olio extravergine di oliva misto a olio di lino che è l’unico prodotto di origine vegetale che fornisce i preziosi acidi grassi omega-3

Fatte queste premesse sulla dieta vegetariana vorrei riportare l'esperienza di qualche blogger che ha deciso di fare a meno della carne.

Ad esempio Mammafelice scrive che, a un certo punto, ridurre l'acquisto di carne è venuto spontaneo nella sua famiglia: da un lato non erano grandi appassionati di carne, dall'altro hanno deciso di fare una scelta di sostenibilità. Lei ha deciso di continuare a cucinare un po' di carne per la sua bambina per non imporle una scelta fatta da altri.
Nel suo blog, Mammafelice offre spesso dei consigli culinari per preparare gustose ricette vegetariane.

In questo blog dal titolo evocativo, Piccole Magie Vegan, invece trovate qualche suggerimento per preparare gustose ricette vegane. Se si abbraccia la filosofia vegana, infatti, si corre il rischio di non avere sempre la fantasia (e la voglia) di inventarsi ricette e piatti; per questo alcuni blog possono correre in aiuto. Ad esempio questa lasagna vegana fa venire l'acquolina in bocca anche a chi non ha scelto di mangiare vegano.

Infine un occhio a questo blog, nel quale Elena da tantissimi consigli su come preparare pappe e piatti per bambini (dallo svezzamento in poi) e ci sono anche tante idee per chi decide di cucinare senza carne. Un esempio? Le polpettine  vegetariane. Un modo divertente per portare in tavola uno dei piatti più amati dai bambini senza dover usare la carne macinata ma solo zucchine, melenzane e fantasia!



gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0