gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Alimentazione dei bambini: gli errori da non fare

Una rassegna degli errori più comuni nella nutrizione dei bambini, ponendo l'attenzione su questioni chiave come sana colazione e mettendo da parte inutili paranoie

Una rassegna degli errori più comuni nella nutrizione dei bambini, ponendo l'attenzione su questioni chiave come sana colazione e mettendo da parte inutili paranoie. Ecco gli errori più comuni in merito all'alimentazione infantile

1- Tralasciare la prima colazione
Più spesso di quanto si pensi si presume che la colazione è un pasto ricco di scuola e non è data l'importanza necessaria. La colazione è un pasto fondamentale, il primo della giornata, che ci dà la carica per affrontare tutta la giornata. Se i più piccoli fannouna buona colazione, gli darete un ottimo buon giorno e li vedrete crescere più sani, perché, tra l'altro, è dimostrato che i bambini che saltano la prima colazione o che fanno non la fanno correttamente soffrono più di carie e hanno un rendimento scolastico più basso

- Abusare di cereali zuccherati e / o di cioccolato per la prima colazione
Negli ultimi anni si sono moltiplicate le preparazioni di cereali presentati come cereali da colazione. Sono composte da fiocchi di cereali diversi (grano, riso, mais), e di solito sono prese con il latte.
Ma spesso, per renderli più appetibili, sono ricoperti di zucchero, miele o cioccolato, che non sono sani come ci si può aspettare. Ciò aumenta notevolmente la quantità di calorie senza fornire sostanze nutritive.
Alcuni studi evidenziano l'eccesso di zuccheri e di grassi saturi nella maggior parte dei cereali commercializzati. Ciò che è salutare invece è il consumo di cereali senza 'aggiunte'. A colazione, il modo più tradizionale di fare ciò è mangiare del pane sbriciolato o pane tostato, molto sano e completo con un po' di olio d'oliva, prosciutto etc

bambino-mangia-verdura- Non fornire abbastanza verdure
Le verdure sono importanti quanto la frutta per l'alimentazione dei bambini, ma spesso ce le dimentichiamo o ci scocciamo di fronte ai rifiuti dei bambini. Sono un'ottima fonte di nutrienti per tutta la famiglia con una ricca varietà di vitamine, minerali e fibre. Le verdure devono comparire almeno in due dei pasti della giornata.
Preferibilmente verdura fresca, in insalata, o cotta come contorno

- Pensare che se una cosa non piace subito, si deve  "rinunciare"
I bambini hanno difficoltà ad accettare i nuovi sapori. Logicamente, per mesi prendendo il latte e improvvisamente iniziano a scoprire altri alimenti. La transizione deve essere graduale e armoniosa, e soprattutto, non dobbiamo disperare.
Spesso frettolosamente si conclude che ai bambini non piace mangiare", ma quello che succede è che non hanno avuto il tempo di accettare nuovi cibi. Bisogna tentare e ritentare molte volte a intervalli regolari di tempo, magari alla decima si sarà più fortunati, cominciare a godere di nuovi alimenti è una questione di pazienza.

- Costringerli a finire il piatto
In generale, va permesso di decidere al piccolo quanto mangiare. Non essendo mai costretti a terminare un piatto, imparano presto a conoscere i propri limiti. Il loro stomaco è piccolo e devono essere incoraggiati a riconoscere la sensazione di pienezza in modo da non mangiare più del necessario

Fonte: http://www.bebesymas.com/
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0