gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Tema shock ai bambini di una terza elementare di Ivrea

Succede in una scuola nella provincia di Ivrea: una maestra chiede ai suoi alunni di svolgere questo tema “Chi uccideresti prima, il papà o la mamma?”

TEMA SHOCK A SCUOLA - Accade in una scuola elementare dell'Eporediese, in un paese alle porte di Ivrea: la maestra chiede ai suoi alunni di svolgere questo tema: "chi uccideresti per primo tra tuo padre, tua madre e tuo fratello?".

Sembra una storia inverosimile, ma i bambini di una terza elementare non solo hanno dovuto scrivere un elaborato dal titolo raccapricciante, ma si sarebbero lamentati di "gesti violenti" da parte delle insegnanti. Tutto sarebbe stato ripreso e intercettato da microtelecamere piazzate dai carabinieri, dopo le prime denunce da parte delle mamme dei bambini.

Come comportarsi se un bambino viene maltrattato a scuola

I bambini tornando a casa avrebbero infatti raccontato di aver dovuto massaggiare il collo della maestra a turno, e di essere stati presi per le orecchie, e aver assistito ad altri atteggiamenti discutibili. E come se non bastasse le docenti, per spiegare il sesso agli alunni, avrebbero utilizzato come esempi il "bunga bunga", o la prostituzione, coinvolgendo i genitori dei bambini nei loro discorsi.

gpt native-middle-foglia-bambino

Per la Procura però il caso sarebbe da archiviare. Secondo il pm, Chiara Molinari, non ci sarebbero atti penalmente rilevanti, ma che piuttosto il linguaggio e i metodi degli insegnanti sarebbero inopportuni. Le famiglie non hanno accettato la scelta del pm, e avrebbero presentato istanza contro la richiesta di archiviazione. Ed ora si attende la risposta da parte del giudice del Tribunale di Ivrea, mentre sarà l'ufficio scolastico regionale a scegliere se sospendere o traferire le due docenti.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0