gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Sono 755.000 gli studenti stranieri in Italia

Sono 755.939 gli alunni stranieri nelle scuole italiane. Dopo i casi di problemi di integrazione di alcuni istituti, ecco cosa avrebbe detto il Ministro Carrozza

Ha fatto discutere la notizia della scorsa settimana che riportava la decisione dei genitori di 7 bambini di ritirare i prori figli da una scuola elemantare in provincia di Bergamo perchè in classe c'erano 14 alunni stranieri. Purtroppo non si è trattato di un caso isolato, basti pensare a quello di cronaca della scuola Novarese, dove le famiglie non hanno iscritto i propri figli nella scuola di appartenenza, perchè c'erano troppi bambini rom.


Ritirano i figli perchè ci sono troppi stranieri in classe


Sono infatti 755.939 gli alunni con cittadinanza non italiana inseriti nella popolazione scolastica del nostro Paese: l'8,4%, come vediamo i dati Miur-Ismu sugli alunni stranieri in questa infografica di Centimetri.

gli-alunni-stranieri-in-italia



Ma come ha reagito il Ministro Carrozza a queste notizie? In un intervista al Corriere sembra aver difeso la scuola dall'accusa di razzismo. Ha inoltre sottolineato che ognuno dei casi portati alla ribalta vanno analizzati singolarmente per rispondere in modo corretto.


Sviluppo del linguaggio nei bambini da 3 a 5 anni: l'intercultura


E sulla circolare Gelmini del gennaio 2012 che prevede il tetto del 30% di bambini stranieri in classe il Ministro avrebbe risposto che non ha intenzione di cancellarla, e che si tratta di un'indicazione generale, che in alcuni casi può non essere rispettata date le condizioni socio-territoriali: "---occorre fare una distinzione tra i ragazzi che arrivano in Italia già grandi e magari non conoscono ancora bene la lingua- dice il Ministro- e possono aver bisogno di un supporto maggiore per l'integrazione culturale oltreché linguistica. Non possiamo considerare allo stesso modo degli altri i figli di immigrati che nascono in Italia o che sono arrivati piccolissimi da noi e conoscono la lingua quando cominciano le primarie. E possiamo considerare totalmente stranieri i bambini che vengono dalla patria comune, l'Europa? Questi bambini per me sono uguali a tutti gli altri bambini, non ci sono differenze."

gpt native-middle-foglia-bambino


E nel caso della scuola di Novara il Ministro avrebbe risposto: " "L'integrazione è una delle sfide, non un problema, ma un'opportunità. Dobbiamo rassicurare, i genitori, cercando di comporre classi equilibrate. "

Fonte Credits| Orizzontescuola
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0