gpt
gpt
gpt
1 5

10 scuole più innovative, di cui tutti parlano

/pictures/20160907/10-scuole-davvero-innovative-1661541203[1761]x[734]780x325.jpeg

Ecco le scuole più innovative in Italia e nel mondo, nelle quali il bambino è al centro del percorso di apprendimento

Le scuole più innovative

Alla vigilia dell'anno scolastico ci troviamo sempre a fare i conti con la realtà del nostro sistema scolastico. Troviamo in molti casi delle falle e delle carenze e i confronti con le scuole degli altri Paesi non mancano. Abbiamo voluto scattare una fotografia degli esempi virtuosi di scuole che hanno introdotto, all'interno della normale programmazione annuale, concetti e discipline innovative, che guardino alle nuove tecnologie, ma anche allo sviluppo della personalità e delle capacità del singolo individuo. Non sorprende che molti di questi esempi si trovino nei Paesi del Nord Europa, ma non manca qualche chicca anche in Italia. Ecco dieci tra le scuole più innovative.

  • La Klassens Tid – Danimarca

In Danimarca sin dall'ottocento esiste l'ora di “empatia”, cioè la capacità di immedesimarsi nell'altro e di comprenderne sentimenti ed emozioni. L'empatia è una qualità importantissima, che spesso noi genitori cerchiamo di sviluppare nei nostri figli e che è alla base di rapporti umani e sociali costruttivi e positivi. Nelle scuole danesi un'ora alla settimana è dedicata proprio all'allenamento dell'empatia. Come funziona? Tutti insieme preparano una torta al cioccolato e poi la si gusta parlando e confrontandosi, ognuno prova ad immedesimarsi nei panni dell'altro spiegando come si sarebbe comportato al suo posto.

  • La scuola nel bosco – Italia

Nella campagna di Ostia antica l'associazione Manes ha aperto l'asilo nel bosco, un luogo dove i bambini possono crescere  a stretto contatto con la natura e dove non è assolutamente vietato sporcarsi, giocare a pallone, bagnarsi sotto la pioggia e saltare nelle pozzanghere. Il concetto, per la verità, non è made in Italy, ma si rifa all'asilo nido nel bosco nato in Danimarca 60 anni fa ed esportato con successo in molti altri Paesi d'Europa.

Il teatro entra a scuola
  • La scuola senza classi – Svezia

A Stoccolma la Telefonplan è una scuola unica per bambini, dai 6 agli 11 anni che non ha pareti e non ha classi divise. Il clima è open sia per quanto riguarda l'architettura che per quanto riguarda l'apprendimento e il clima che si respira. I principi portanti di questo approccio sono creatività, libertà di esprimersi, indipendenza, partecipazione. Gli allievi possono prendersi il proprio spazio individuale per leggere o studiare oppure partecipare a progetti di gruppo. E a ciascuno di loro viene assegnato un computer.

  • Metodo Reggio Emilia – Italia

Proprio questo metodo ideato dal pedagogista Loris Malagozzi e rivolto a bambini di età 0-6 anni è stato esportato con successo in tutto il mondo (il che non è una novità, basti pensare al metodo Montessori che in Italia trova campo di applicazione in ben poche scuole e viene ancora guardato con una certa perplessità e che invece nei Paesi anglosassoni rappresenta uno dei metodi scolastici maggiormente diffusi ed apprezzati). Il metodo Reggio Emilia mette al centro il bambino con i suoi diritti e la sua creatività che può esprimersi attraverso cento linguaggi, dalla musica, alla cucina. Anche nelle scuole Reggio Emilia gli spazi e l'ambiente rivestono grande importanza, il bambino può sperimentare diversi materiali e decidere, in gruppo, con quale confrontarsi.

  • Carpe Diem School – USA

E' una scuola superiore business oriented. In un grande open space ci sono 300 cubicoli proprio come in in ufficio. Ogni studente ha una sua postazione con computer che lo guida nel suo percorso.

  • Green School – Bali

La scuola è costruita interamente in bambù dal canadese John Hardy e da sua moglie, Cynthia Hardy. L'impatto ambientale della scuola è praticamente zero e l'approccio didattico punta molto all'insegnamento di temi legati all'ambiente e all'ecologia.

  • Brightwork School - USA

In questa scuola di San Francisco, aperta nel 2011, i bambini possono fare tutto ciò che i genitori in genere dicono di non fare, ad esempio giocare col fuoco o usare gli elettrodomestici da soli. Questo perché alla base del metodo c'è l'idea che i bambini devono imparare presto e bene come cavarsela da soli, per sviluppare autonomia e sicurezza in se stessi e trasferire queste qualità in tutti gli ambiti della loro vita.

  • Steve Jobs School – Amsterdam

I bambini decidono in modo indipendente quale percorso intraprendere e con quale ritmo. All'inizio viene stabilito un piano di sviluppo individuale che viene monitorato ogni sei settimane dagli insegnanti e dai genitori. Ognuno ha in dotazione un proprio iPad.

  • AltSchool - USA

In materia di nuove tecnologie questa scuola della Silicon Valley non ha rivali. I bambini dai 4 anni fino ai 14 si confrontano con le tecnologie digitali sempre più sofisticate, fino a programmi di modellazione tridimensionale.

  • Egalia Pre-school - Svezia

In questa scuola di Stoccolma non esistono i generi maschile e femminile, ogni bambino viene chiamato col suo nome e tutte le attività mirano a combattere e cancellare differenze e discriminazioni di età, religione, classe sociale, sesso.

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt