gpt
gpt
gpt
1 5

Ritorno a scuola 2016, i costi da affrontare

/pictures/20160822/ritorno-a-scuola-2016-i-costi-da-affrontare-4267115203[1850]x[769]780x325.jpeg

Ritorno a scuola 2016 quanto costa il materiale scolastico? Le previsioni del Codacons sulla spesa da affrontare per l'acquisto di libri, zaino, e tutto il corredo necessario per la scuola

Ritorno a scuola 2016 quanto costa il materiale scolastico

Arriva puntuale con l'avvicinarsi dell'inizio della scuola la previsione di Codacons su quanto costerà per le famiglie italiane l'acquisto di libri e materiale scolastico. Si preannuncia una bella stangata per i budget familiari: Codacons ha stimato ben 1.100 euro a studente per la dote scuola. Si tratta di una cifra che potrebbe creare molte difficoltà per tante famiglie.

E' lo stesso Codacons a divulgare 5 regole per risparmiare su libri e materiale scolastico. Quanto costa il corredo scolastico? L'inizio della scuola segna per molte famiglie un impegno economico non indifferente che aumenta man mano che si sale di grado scolastico. L'allarme di Codacons si riferisce al corredo scolastico 2016/2017 per l'acquisto di penne, diari, quaderni, astucci e zaini. Le famiglie italiane spenderanno mediamente durante l'anno quasi 500 euro (per l'esattezza 498,5 euro a studente).

Come risparmiare sull'occorrente per la scuola dell'infanzia ed elementare

Quanto costano i libri per le scuole medie e superiori? Secondo le stime di Codacons, le famiglie italiane spenderanno circa 600 euro, che sommati all'acquisto del materiale scolastico alzano la cifra a 1.100 euro a studente. Pur restando stabile rispetto al 2015, il costo dei libri è una quota predominante della spesa per la scuola. A frenare la possibilità di usare libri usati è il cambio di edizione, la presenza di cd e materiali digitali che spingono le famiglie a comprare i testi nuovi.

5 Regole per risparmiare su libri e corredo scolastico

Codacons ha diffuso tramite il suo sito alcuni importanti consigli per guidare le famiglie italiane nella spesa per la scuola. Se spendere 1.100 euro a studente incide troppo sul budget familiare, si possono seguire questi consigli:

  • Evitare le mode

escludendo articoli di tendenza, con personaggi dei cartoni animati o di giochi famosi si può risparmiare il 40% secondo l'osservatorio di Codacons che per primo suggerisce di tenere lontani bambini e ragazzi dalla pubblicità finché passa l'ondata del back to school;

  • Comprate i prodotti 'civetta' del supermercato

E' così che Codacons definisce gli articoli che i supermercati inseriscono in volantino con lo sconto maggiore, sperando che il cliente attirato da quella pubblicità poi acquisti anche il resto del materiale scolastico nello stesso punto vendita. Il consiglio di Codacons è invece quello di comprare solo i prodotti civetta e poi cambiare supermercato, componendo il proprio corredo scolastico sfruttando tutte le offerte della zona.

  • Diluire gli acquisti nei mesi

Verrebbe d'impulso comprare grandi quantità di quaderni, pastelli e gomme. E' vero che i bambini ne fanno un utilizzo massiccio, ma non serviranno subito tutti. Se il nostro obiettivo è quello di risparmiare, possiamo seguire il consiglio di Codacons e diluire gli acquisti nei mesi, aspettando che si crei la necessità di nuovo materiale per la scuola.

  • Aspettare il benestare dei professori

Soprattutto per l'acquisto di materiale tecnico e dizionari, il professore potrebbe segnalare preferenze sulla marca da fare acquistare. Per evitare acquisti sbagliati è quindi meglio attendere l'inizio della scuola per avere maggiori indicazioni.

  • Cercare i kit a prezzo fisso e le promozioni speciali

Codacons segnala l'opportunità di acquistare il materiale scolastico sfruttando promozioni speciali che possono nascere da accordi con le associazioni di consumatori. Attenzione a confrontare sempre le offerte promozionali confrontando diversi punti vendita o siti di cancelleria online.

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt