gpt
gpt
gpt
1 5

Il nostro primo giorno di scuola

/pictures/20150915/il-nostro-primo-giorno-di-scuola-1878239418[1659]x[691]780x325.jpeg

Una mamma racconta il primo giorno di scuola per lei e il suo bambino

Il primo giorno di scuola

Mio figlio ha sette anni e ieri è stato il suo primo giorno di scuola. In realtà poteva sembrare nulla di eccezionale (se non per me che cinicamente comincio ad assaporare qualche momento di libertà) ma per lui è stato inaspettatamente emozionante. Va in seconda elementare, la scuola è sempre la stessa e la classe anche. Ma rivedere i suoi compagni, le maestre e affrontare l’inizio di un nuovo anno scolastico lo ha caricato di entusiasmo.

Per tre mesi ha goduto della libertà e dell’indipendenza nella nostra casa al mare. Ma salutare i suoi amici dell’estate non gli è dispiaciuto più di tanto. Il desiderio di tornare alle sue abitudini, alla scuola, ai suoi compagni e, in fondo, alla sua routine era molto forte.
Nessuno zaino nuovo e nemmeno l’astuccio. Gli oggetti dell’anno scorso erano ben tenuti e quindi ci siamo divertiti solo a comprare tutto l’occorrente nel reparto cancelleria per riempire l’astuccio di colori, penne e altre cose utili. Domenica ha impiegato un sacco di tempo a preparare il suo astuccio, provare i pennarelli e i pastelli.

Ieri mattina, dopo tre mesi, la sveglia ha suonato alle sette e sono andata a svegliarlo con una carezza mentre la casa si riempiva di odore di caffè. Una ruotine che anche io ho apprezzato nel suo calore e nella sua semplicità.

Mentre aprivo poco poco la serranda, giusto per far filtrare la luce,  ha fatto i soliti capricci perché voleva dormire ancora cinque minuti e io l’ho lasciato fare, mentre preparavo la colazione. E poi ancora, coccole e uno spiraglio di finestra aperto un po’ di più.

“Forza che i tuoi amici sono già in piedi a prepararsi”
“Mamma voglio mettermi il gel nei capelli perché così sono più fashion”
“Va bene”
“Secondo me così sembro più grande”

Un abbraccio forte come solo lui sa fare e finalmente si alza.
Sul rito della colazione non si transige. Ci alziamo un po’ prima proprio per avere il tempo di sederci a tavola e fare colazione insieme. La maggior parte delle volte ci rilassiamo troppo: ancora un po’ di pane e marmellata, un altro biscotto, e in men che non si dica l’orologio ci dice che quasi quasi siamo in ritardo.

Gli ultimi dieci minuti prima di uscire sono frenetici. Lava i denti, la faccia, metti la t-shirt e i calzini. Forza andiamo. “Mamma, e il gel?”
Si chiude in bagno e quando ne esce ha un ciuffo finto spettinato che gli dà un’aria da furbetto.

Lo adoro e glielo dico.

Ma adesso andiamo, che facciamo tardi. Zaino in spalla si esce.

Le paure dei bambini il primo giorno di scuola

Fuori la scuola decine e decine di genitori e bambini affollano il cortile. Lui incontra qualche amichetto, ma in fondo freme perché la bambina che vuole incontrare non è ancora arrivata. Poi si illumina. Lei è lì che con un’aria da “donna già vissuta” lo tempesta di domande

“Dove sei andato quest’estate?” ; “Hai letto i libri della maestra?”; “Cos’hai portato nello zaino?”

Abituati amore mio, così è. L'interesse dura poco, arriva il suo amichetto del cuore e in un batter d'occhio si finisce a parlare di calcio e qualche bricchoneria combinata in estate.

Quest’anno i bambini entrano a scuola da soli. Ormai sono in seconda  e non c’è bisogno di accompagnarli fino in classe.
“Ciao mamma, ci vediamo dopo!”, mi saluta con la mano mentre scompare tra la folla che entra nell’edificio.
Saluto anche io e mi avvio un po’ malinconica verso la strada. La malinconia dura tre secondi, poi mi affretto che ho da fare, ma prima mi fermo al bar e mi gusto un caffè.

Le ore scorrono veloci, all’una torna  a casa. Entra felice dalla porta e proclama

Mamma è andato tutto bene, abbiamo fatto un sacco di giochi. Siamo fortunati, la maestra ha detto che per qualche mese giochiamo solo, sai, per abituarci ma poi dobbiamo lavorare sodo

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt