gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Obesità: nuove regole negli asili di New York

/pictures/20150330/obesita-nuove-regole-negli-asili-di-new-york-1643992348[2772]x[1155]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

A New York nuove regole per contrastare l'obesità infantile: limiti all'uso della tv e al consumo di succhi di frutta

Obesità nei bambini

Il sindaco di New York Bill De Blasio e gli esperti del Board of Health cittadino hanno deciso di intraprendere un’agguerrita battaglia contro l’obesità infantile, partendo dalla prima infanzia.

Una decisione che si inserisce nell'ambito delle campagne federali avviate da anni contro l'obesità che ha visto scendere in campo la first lady Michelle Obama e anche l'ex sindaco di New York Michael Bloomberg.

Protagonisti delle nuove direttive, infatti, sono i bambini delle scuole primarie che trascorrono gran parte delle loro giornate negli asili.

Ed ecco che le cose cambiano proprio sui banchi delle scuole.

Nel dettaglio ecco le nuove direttive:

  • attualmente il limite di tempo da trascorrere impegnati in attività sedentarie è di 60 minuti, ma da oggi si scende a 30 minuti. Insomma, far stare i bambini seduti nei banchi scolastici per troppo tempo favorisce l’obesità, quindi il tempo va ridotto. Il tempo della sedentarietà non comprende quello impiegato per fare il sonnellino, dipingere, leggere o fare puzzle.
  • i succhi di frutta non possono essere somministrati a bambini con meno di due anni (fino ad oggi il limite era di otto mesi) e comunque non si può superare la quantità di 110 grammi di succo di frutta. I succhi devono essere frutta al 100%.
  • Limiti anche per il tempo speso davanti alla televisione: non più un’ora come era fino ad oggi, ma mezz’ora. E in questo limite massimo di tempo va compreso anche il tempo speso davanti a qualsiasi altro tipo di schermo, come tablet o computer

Quali sono state le reazioni dei genitori a queste restrizioni imposte dal sindaco?

Non tutti sono d’accordo.

Come tenere occupati i bambini senza televisione

Come riferisce il New York Daily, alcuni ritengono che questi divieti siano esagerati per bambini così piccoli.

La televisione può essere anche educativa e non tutti i succhi di frutta fanno male

spiega Victoria, mamma di due bimbi.

Ma molti altri invece si dicono concordi con questi provvedimenti.

Non vorrei mai che i miei figli guardassero la televisione mente è all’asilo nido

dichiara Elizabet, tris-mamma.

Le abitudini alimentari e lo stile di vita si sviluppano nei primissimi anni dell’infanzia e possono persistere negli anni, quindi scelte giuste sin da piccoli hanno un profondo impatto sulla salute futura delle persone

scrive il Board of Health.

 

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0