gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Nido o scuola materna: come facilitare il momento del distacco

Il difficile e delicato momento del distacco tra madre e bambino al momento dell'inserimento a nido e scuola materna

A cura della pedagogista dott.ssa Mariaelena La Banca

Stamane, all'asilo di Matteo, ho assistito alla classica scena di inserimento (LEGGI):
bimba che non vuole entrare, mamma che tenta di convincerla, maestre che tentano di convincerla e mamma che prende in braccio la bimba e la stringe forte a sé.


LEGGI ANCHE:
La mamma rientra a lavoro, a chi affidare il bebè?


Non facevo inserimenti da settembre e, come insegnante, mi sono venuti i brividi...il momento del distacco, che sia esso mattutino o per inserimento è così delicato che merita davvero tutta l'attenzione possibile.
E' ovvio che il trauma non è per il bambino ma per la mamma e solo in seguito al disagio della mamma, il bambino si chiede: "perché mamma è nervosa e agitata? c'è qualcosa che non va, mi preoccupo anche io" e si entra in quel circolo vizioso in cui il bambino non vuole andare a scuola e la mamma si sente terribilmente in colpa, e più la mamma si sente in colpa e più il bambino non vuole andare a scuola (LEGGI)....
Per una educatrice il momento del distacco è sempre vissuto con riguardo e rispetto, spesso teniamo dei biscottini a portata di mano, o dei giochi particolari che i bimbi possono prendere solo al momento dell'ingresso in classe proprio perché il distacco non è sempre vissuto in maniera serena da tutti.


LEGGI ANCHE: Il commiato all'asilo e il ricongiungimento, parla la pedagogista



Il lunedì è sempre una giornataccia: i bimbi sono più irrequieti e fanno presto a disabituarsi alla routine...se poi rientrano da una malattia o da un week end lungo, sono più agitati. Per questo, di solito, le maestre chiedono ai genitori continuità nella presenza (LEGGI). Non pensiamo che tanto i bambini sono al nido o alla materna e possono saltare la scuola: è sbagliatissimo.

Dunque ecco cosa non fare mai:
1.    entrare a scuola col bimbo in braccio: per lui il passaggio dalle braccia della mamma a quelle dell'educatrice è più difficoltoso...quale bambino ha voglia di lasciare le braccia della mamma?
2.    Non dire bugie al bambino tipo: torno presto, vado a parcheggiare e vengo o cose del genere (potrei scrivere un libro in materia!!!) ma raccontargli sempre la verità
3.    Non soffermarsi troppo nell'atrio ma salutare il bambino con un grande sorriso e andare via, in questo modo si trasmetterà sicurezza al piccolo.
4.    Se il bambino ha difficoltà ad entrare in classe cerchiamo di capire qual è il motivo del suo disagio: il 99% delle volte il disagio è dentro di noi, se noi ci mostriamo serene, decise e coerenti il nostro piccolo si sentirà rassicurato dal nostro atteggiamento

ho già scritto un articolo su Pianetamamma qualche tempo fa (LEGGI)

firmapollon
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0