gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Metodo Waldorf, come educare i bambini alla natura

Il metodo pedagogico ideato dal filosofo austriaco Rudolf Steiner si basa sull'idea che i bambini devono essere liberi di sviluppare la propria creatività a contatto con la natura

"Il nostro obiettivo: elaborare una pedagogia che insegni ad apprendere, ad apprendere per tutta la vita dalla vita stessa", con queste parole Rudolf Steiner spiegava il suo metodo pedagogico, che oggi è conosciuto con il nome di Educazione Waldorf. Si tratta di un particolare approccio alla pedagogia ideato dal filosofo austriaco nel 1919 e basato sullo sviluppo della creatività (LEGGI) dei bambini.

Il metodo
Waldorf è basato sull'idea che si deve permettere al bambino di sviluppare liberamente la propria individualità, cercando di "
riconoscere, coltivare e portare a manifestazione le potenzialità di ciascun bambino, rispettando i tempi della sua evoluzione fisica e interiore". Ogni bambino infatti è considerato "un essere in divenire". Steiner sosteneva che lo sviluppo di ogni individuo attraversa fasi precise. Nella fase dell'infanzia, che va dalla nascita ai 7 anni, i bambini imparano il maggior numero di cose attraverso il gioco, l'esplorazione e l'imitazione.



LEGGI ANCHE: Educazione dei figli, la pedagogia secondo Rousseau



Il metodo Waldorf sottolinea quindi l'importanza di far mantenere ad ogni bambino i "naturali ritmi quotidiani e stagionali". Nelle scuole che seguono questo metodo, i bambini possono dedicarsi ad attività quotidiane normali, dal cucinare all'innaffiare le piante, dal dipingere al
giocare all'aria aperta. Le aule e le strutture ludiche sono molto semplici e realizzate con materiali naturali come il legno, la seta e la lana. Mentre vengono rifiutati tutti i prodotti di plastica ed i prodotti elettronici (no, quindi, a tv o computer!).



gpt native-middle-foglia-bambino




Il metodo di Steiner, quindi, vuole cercare di avvicinare ogni bambino al mondo naturale, senza farli rimanere intrappolati nella tecnologia che ci circonda ogni giorni, ma aiutandoli a riscoprire la natura.
Anche i cibi che vengono serviti nelle mense delle scuole che seguono il metodo Waldorf sono tutti semplici (frutta fresca, verdura e cereali) e non si utilizzano cibi precotti o trasformati.

bambina_fioriI bambini imparano a fare il pane,
macinare i cereali o tagliare le verdure. Inoltre imparano ad apparecchiare la tavola e a lavare i piatti dopo aver mangiato. Dopo pranzo vengono portati in giardino per stare a contatto con la natura e giocare. E nel pomeriggio si dedicano a progetti artistici e mestieri, come la pittura o la maglieria. La giornata a scuola, infine, si chiude con uno spettacolo di storia o di marionette o con una canzone. In queste scuole non viene insegnato ai bambini a leggere e scrivere prima dei 7 anni in quanto si ritiene che prima di quella età i bambini debbano essere lasciati liberi di sviluppare la propria creatività ed avranno modo di apprendere la scrittura e la lettura in seguito.



LEGGI ANCHE: Scuola Montessori, una élite creativa



Per un sano sviluppo del bambino bisogna trovare il giusto equilibrio tra due correnti:
- educare le capacità di accogliere e comprendere il mondo esterno attraverso l'affinamento dei sensi e la conquista di un pensiero riflessivo;
- curare nel bambino tutto ciò che lo rende attivo: attività motoria, fantasia, espressività, creatività ed iniziativa personale.

Fonte Credits | Inhabitots
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0