gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Maturità 2013: incinta all'esame

L'esame di maturità 2013 è sempre più vicino, e tra i tanti maturandi anche in questa occasione forse ci saranno ragazze che affronteranno l'esame con un'emozione in più, quella della loro gravidanza o dell'allattamento in corso

L' Esame di Maturità 2013 è sempre più vicino e aumenta l'ansia dei milioni di studenti che anche quest'anno si troveranno ad affrontare una delle prime prove importanti della loro vita.



LEGGI ANCHE: Maturità 2013, tutte le risorse per l'esame



E tra i tanti maturandi anche in questa occasione forse ci saranno ragazze che affronteranno l'esame con un'emozione in in più, quello della loro gravidanza o dell'allattamento in corso. Nel 2010 forse ricorderete il caso di Alice, dell'istituto tecnico per geometri di Rovigo, che a 19 anni, incinta di 9 mesi, ha partorito il giorno stesso della prima prova scritta. La ragazza aveva da poco iniziato a scrivere il suo elaborato quando ha avvertito le prime doglie. La data del parto era prevista tre giorni prima, ma Alice aveva voluto sostenere lo stesso l'esame, fino a quando non ha accusato i primi dolori. La ragazza era stata portata in ospedale dove aveva dato alla luce la piccola Eleonora.




LEGGI ANCHE: Le guide utili sulla maturità 2013




Ma questo non è l'unico caso, anche nel 2012 Valentina Mantegazza ha affrontato l'esame di maturità tra una poppata e l'altra. La sua gravidanza l'ha vissuta tra i banchi di scuola dell'istituto di via Varalli a Bollate.

maturita-2013-affrontare-esame-incinta

E in attesa del fischio d'inizio per la Maturità 2013, Pianetamamma vi consiglia Studenti.it un sito dove trovare tutte le informazioni necessarie, il materiale, le prove, la lista dei commissari esterni  per affrontare l'esame
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0