gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

No ai compiti per le vacanze, meglio il tablet

Il pediatra dice no ai compiti per le vacanze e promuove lo smartphone per tenere la mente allenata. Ecco i motivi

Il pediatra boccia i compiti per le vacanze (LEGGI) e dice sì all'uso di tablet e smartphone per tenere la mente allenata durante l'estate.


LEGGI ANCHE: 10 trucchi per godersi le vacanze anche con i figli


Molti bambini sono già alle prese con il classico libro dei compiti delle vacanze?

Secondo il pediatra milanese Italo Farnetani, è sbagliato costringere i bambini a fare i compiti durante le vacanze perchè proprio queste prossime settimane sono importantissime per permettere al cervello e anche la fisico duramente provato dalla costrizione invernale, di riposarsi, lavorare di fantasia, giocare all'aperto con gli amichetti.
Insomma, spiega l'esperto, l'estate  un periodi di defaticamento prezioso anche per i bambini e non solo per i genitori, per abbandonare ogni stress, ogni abitudine e routine quotidiana e anche ogni impegno fisso. E per riscoprire il piacere della libertà e della fantasia.


LEGGI ANCHE: Compiti per le vacanze, come convincere i bambini?


"Il periodo che va da giugno a settembre dovrebbe essere assolutamente di riposo per i ragazzi, per poi fargli riaprire i libri prima dell’inizio della scuola, per aiutare così anche l’insegnante a non dover fare il ripasso dell’anno precedente e ad avere una classe in forma per l’anno seguente”, spiega Farnetani, che quindi sconsiglia ai genitori di costringere i bambini e i ragazzi a fare i compiti immediatamente subito la fine della scuola, ma piuttosto di distribuire il lavoro nel corso dell'estate e darci dentro a ridosso dell'inizio dell'anno scolastico (LEGGI).

compiti-vacanze_2

Non solo, spiega il pediatra, i compiti sarebbero un'inutile costrizione per i bambini ma sarebbero anche superati dal  momento che oggi con il tablet e gli smartphone (LEGGI) i bambini possono comunque tenere la mente allenata.

I ragazzi delle scuole superiori possono avere tutte le informazioni a portata di click, grazie a questi strumenti, e i genitori dorvebbero incoraggiarli in tal senso a fare ricerche sul web sui personaggi famosi o sulla storia del luogo che si sta visitando.


gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0