gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Aprono gli agronidi: gli asili da sogno!

Aprono gli agronidi o agroasili in tutta Italia: aree destinate bimbi negli agriturismo. La Coldiretti: un sogno per 3 genitori su 4

fattoria2_1Latte, ciambella pane con marmellata o miele secondo le ricette della nonna per colazione mentre per la merenda naturale frutta o pane con olio, formaggio o pomodoro con l'utilizzo di ingredienti del territorio sono le ricette sane e gustose offerte ai bambini ospiti negli agriasilo per combattere l'obesità dilagante.

E' questa una delle caratteristiche peculiari delle tante aziende agricole che si sono trasformate in strutture per l'ospitalità infantile, i cosiddetti agriasilo, che aiutano anche a combattere l'obesità tra i bambini. A causa di sovrappeso e obesità un bambino su quattro avrà aspettative di vita inferiori a quelle dei suoi genitori.
E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati emersi al convegno "Alimentazione, stili di vita e salute dei bambini" promosso da Barilla center for food nutrition durante il quale Claudio Maffeis pediatra dell'universita' di Verona ha affermato che per la prima volta i bambini con eccesso ponderale hanno prospettiva di vita inferiore ai genitori.

La possibilità unica di imparare a conoscere i sapori e i profumi dei prodotti della campagna appena raccolti abitua - sottolinea la Coldiretti - le giovani generazioni al consumo di cibi piu' sani ed aiuta a stare lontano dal cibo spazzatura e ad evitare i rischio di "assuefazione".
Ma accanto all'opportunità unica di consumare prodotti freschi, di stagione e a chilometri zero del territorio, l'agriasilo garantisce anche una maggiore attività sportiva grazie agli spazi all'aria aperta dove svolgere attività didattiche a contatto con la natura: dalla preparazione dell'orto al gioco con gli animali.

Il progetto "Educazione alla Campagna Amica" della Coldiretti promuove gli agriasili, ma nel corso dell'anno scolastico ha coinvolto anche più di centomila alunni delle scuole elementari e medie che partecipano alle oltre tremila lezioni nelle fattorie didattiche e agli oltre cinquemila laboratori del gusto che saranno organizzati nelle aziende agricole e in classe.
Solo poco più di un bimbo su dieci (12 per cento) ha oggi la possibilità di accedere a un asilo nido, con la percentuale che varia dal 17 per cento del nord Italia al 4 per cento del sud. E' quanto è emerso da una analisi della Coldiretti divulgata in occasione di “Far crescere il futuro”, l'iniziativa organizzata da Donne Impresa della Coldiretti per presentare appunto gli agriasilo.

In Italia - rileva la Coldiretti - sono attivi poco più di tremila asili nido comunali, che riescono a coprire solo il 17 per cento delle città, con circa 130mila posti disponibili e l'agriasilo punta a colmare il vuoto con una rivoluzionaria innovazione nei processi formativi e di crescita del talento introdotta in Italia che permette ai bambini di crescere e imparare in un ambiente semplice, familiare e naturale dove giocare all'aria aperta con piante e animali e gustare merende e colazioni genuine.
Una risposta ad una domanda delle famiglie che esprimono infatti in un caso su due un basso livello di soddisfazione (il 51 per cento) per l'offerta attuale di scuole materne e nidi, secondo quanto emerge da un'indagine Coldiretti – Swg. Ma l'agriasilo - sottolinea la Coldiretti - rappresenta anche un contributo al contenimento della spesa pubblica, poiché è in grado di offrire i servizi richiesti a prezzi competitivi e con modalità particolarmente apprezzate dalle famiglie. Secondo l'indagine – conclude la Coldiretti - per gli italiani è molto importante stare all'aria aperta (80 per cento), a contatto diretto con la natura (76 per cento), mangiare cibi del territorio e di stagione (67 per cento) e avere contatti con gli animali (51 per cento).

In collaborazione con Donne Impresa della Coldiretti, stanno aprendo in tutta Italia piccoli asili in grandi spazi agricoli, meglio se negli agriturismo. "Sono una decina per ora - dice Adriana Bucco, presidente di Donne Impresa -, ma le richieste per aprirne di nuovi sono almeno un centinaio". Piemonte, Veneto, Friuli e Trentino sono i primi ad essersi cimentati nell'impresa.

Gli «agriasili» sono per bimbi da zero a 6 anni: pochi in ogni classe, al massimo 10 piccoli

www.coldiretti.it
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0