gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

L'Aifa segnala il ritiro cautelativo del vaccino contro la meningite

L'Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) avrebbe comunicato il ritiro cautelativo del vaccino "Meningitec" della ditta Nuron Biotech BV a causa della presenza di micro residui metallici, di colore rossastro, in alcuni lotti

L'Agenzia Italiana del Farmaco avrebbe comunicato il ritiro cautelativo del vaccino "Meningitec", della ditta Nuron Biotech BV, a causa della presenza di micro residui metallici, di colore rossastro, in alcune siringhe. L'Aifa avrebbe pubblicato la notizia sul sito istituzionale il 13 ottobre, elencando i lotti incriminati. Da allora tra i genitori e in rete è scoppiato il panico e si ritorna a discutere di vaccini.

Tantissime famiglie allarmate si sono rivolte alle Asl dopo aver scoperto che il codice sui talloncini applicati sopra ai certificati di vaccinazione corrispondeva a quello dei lotti contaminati. Le Asl dopo il provvedimento, avrebbero rispedito tutto alla ditta, ma non sarebbe arrivata nessuna comunicazione agli utenti su rischi ed effetti del vaccino somministrato contro la meningite. Prima della notizia del ritiro l'unica certezza, per i genitori dei bambini ai quali era stato iniettato il vaccino (tra i quali anche casi di neonati di 6 mesi nella Capitale,) era che il richiamo per la seconda dose risultava non disponibile, senza ulteriori spiegazioni.

"La meningite va fermata!", l'appello di Amelia Vitiello

L'Agenzia Italiana del Farmaco si legge in una nota, avrebbe subito effettuato una valutazione sulla documentazione di sicurezza disponibile, relativa ai potenziali effetti che potrebbero derivare dall'impiego di questi lotti incriminati. Inoltre avrebbe sottoposto ad esame le segnalazioni delle reazioni sospette ricevute da parte delle famiglie. Dall'analisi sembrano non emergere reazioni avverse ricollegabili al difetto di qualità dei lotti ritirati in Italia. Tale valutazione sarà sottoposta all'esame della Commissione Tecnico Scientifica nella seduta del 21-23 ottobre 2014  e l'esito del confronto sarà reso pubblico.

gpt native-middle-foglia-bambino

L'Aifa avrebbe fatto sapere inoltre che in caso di iniezione di dose contaminata, dovrebbero verificarsi subito irritazioni e arrossamenti locali, ma nessuno conoscerebbe i rischi a lungo periodo. Ad oggi non risulterebbero segnalazioni da parte degli operatori sanitari della presenza di colore rossastro nelle fiale del vaccino, il che farebbe pensare che le confezioni utilizzate in Italia, anche se appartenenti ai lotti ritirati, non sarebbero coinvolte

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0