gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Influenza: prevenire e curare con i metodi naturali

/pictures/20160224/influenza-prevenire-e-curare-con-i-metodi-naturali-1807391570[1676]x[697]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Febbre, tosse e raffreddore: siamo entrati nel pieno nella stagione dell'influenza. Ecco quali sono i rimedi naturali per l'influenza nei bambini

Rimedi naturali per influenza bambini

In inverno i bambini, soprattutto quelli che vanno a scuola, sono particolarmente esposti al rischio di ammalarsi di raffreddore, tosse ed influenza. Come possiamo curarli? Oltre ai farmaci molte mamme scelgono l'omeopatia e i rimedi naturali per curare l'influenza dei bambini. E ci sono anche molti prodotti che servono a rafforzare il sistema immunitario e a prevenire i malanni di stagione.

Vediamo qualche accorgimento per proteggere i bambini

Rimedi naturali per prevenire l'influenza

  • Alimentazione

Al primo posto dovremmo mettere innanzitutto una sana alimentazione e l’uso di rimedi naturali adeguati: medicinali omeopatici, erbe e oli essenziali mantengono solide le difese del bambino, proteggendolo da tutti i virus influenzali.

Dunque durante i mesi invernali sarà bene evitare di sovraccaricare l’organismo del bambino con scorie nocive che rallentano i processi metabolici e abbassano le difese, limitando il più possibile l'uso di carni rosse e salumi, merendine confezionate e patatine.

Prendiamo i bambini per il naso
  • Vitamine

Vitamine e antiossidanti saranno nostri preziosi alleati quindi  via libera a spremute di agrumi, frutta (soprattutto la melagrana), zenzero grattugiato e verdura (consumata cruda o cotta al vapore), zuppe o brodi vegetali con cereali integrali che mantengono attivi intestino e anticorpi.

  • Igiene

Laviamoci le mani con acqua calda e sapone più frequentemente del solito, senza diventare ossessivi con i gel antibatterici che alla lunga alterano l’equilibrio della nostra pelle.

  • Ambiente

L’aria fredda è deleteria per le mucose della gola, altera il loro equilibrio rendendole così più deboli e attaccabili da virus e batteri. E’ un buon consiglio quindi, soprattutto per i bambini, tenere la sciarpa alta a coprire la bocca quando si sta all’aperto nelle ore più fredde. Utilizziamo berretti, guanti e calze calde per evitare di perdere calore dalle estremità.

Anche l’aria troppo calda e secca altera l’equilibrio delle mucose, per cui è consigliabile bere molto e ripristinare la giusta umidità ambientale con un umidificatore oppure, più semplicemente, con una bacinella d’acqua sopra al termosifone, che non deve essere mai regolato su una temperatura troppo elevata (18-20 gradi sono ideali).

La prevenzione naturale poteva cominciare già a fine agosto, ma anche adesso che siamo alle porte di novembre possiamo iniziare con tintura madre di propoli (10 gocce al giorno di preparato analcolico in un bicchiere di succo di frutta o nel latte) ed echinacea (mezza capsula di estratto secco al giorno, sempre diluito in acqua o succo) per circa un mese. Il trattamento va ripetuto ciclicamente dopo una pausa di 15-30 giorni.

Per quel che riguarda la salubrità dell'ambiente domestico ma anche lavorativo o dell'auto, si potrà utilizzare una miscela di oli essenziali dotati di azione antisettica, antivirale e che potenziano le difese immunitarie come l’eucalipto, basilico, rosmarino, ginepro. Si possono diffondere nell’ambiente con un bruciaromi oppure versando 2 gocce di ciascun olio in una pentola di acqua bollente e si fanno respirare i vapori al bambino. Questi oli balsamici hanno inoltre la capacità di richiamare il sangue dai tessuti più interni e di fluidificare le secrezioni, donando un immediato sollievo.

Si può spruzzare con uno spray balsamico un fazzoletto da tenere con sé e annusare frequentemente. Anche le federe dei cuscini su cui si dorme possono essere spruzzate con spray balsamico, in modo da poter inalare di notte le essenze alleviando la respirazione difficoltosa. Esistono inoltre diffusori di essenze per l’automobile da collegare alla presa dell’accendisigaro.

gpt native-middle-foglia-bambino

Rimedi naturali e omeopatici per influenza, raffreddore e mal di gola

Se il bambino ha l'influenza è buona norma fargli bere molta acqua e proporre spremute di agrumi ricchi di vitamina C per mantenerlo idratato, fargli molta pipì e curare il benessere intestinale.

  • Rimedi naturali per il mal di gola

Uno dei migliori rimedi naturali è sicuramente la propoli, che ha una spiccata capacità antibiotica. Non a caso le api la producono per disinfettare l’alveare.

  • Rimedi naturali per la febbre

La febbre è una risposta di difesa dell’organismo e va rispettata. Ecco cosa suggerisce l'omeopatia in merito:

  • Belladonna 5CH (belladonna, pianta della famiglia delle solanacee) e Ferrum Phosphoricum (fosfato di ferro): 5 granuli ogni ora alternando i due rimedi e in caso di febbre da infezione virale: rinite, influenza, faringite, otite…
  • *Anas Barbariae 200k (in commercio anche come Oscillococcinum della Boiron) : 1 monodose da ripetere ogni 6 ore per tre volte (l’anas barbariae è un autolisato filtrato ottenuto da fegato e cuore di anatra)

Rimedi naturali per l'influenza nei bambini

Come prevenzione: *Anas Barbariae (Oscillococcinum della Boiron) 200K - 1 monodose alla settimana, da ottobre a marzo

Per il trattamento dei sintomi influenzali: 

  • Anas Barbariae 200k 1 monodose ogni 6 ore, per 3 volte, iniziando subito ai primi sintomi
  • Aconitum 9CH (aconito, pianta della famiglia delle ranuncolacee) 5 granuli ogni ora (se brividi violenti seguiti da febbre elevata, sete intensa, senza sudorazione)
  • Belladonna 9CH: 5 granuli ogni ora (febbre elevata con sudorazione, pelle calda, viso rossoo)
  • Bryonia 7CH (brionia, pianta della famiglia delle cucurbitacee): 5 granuli ogni 2 ore (se c’è tosse secca e dolorosa, sete intensa, aggravamento col minimo movimento)
Tosse, come curarla con i rimedi casalinghi

Rimedi naturali per la tosse nei bambini

  • Tuikind (ditta Loacker remedia) calma l’irritazione delle mucose delle prime vie respiratorie, esercita un effetto sedativo sulla tosse ed esplica un’attività mucolitica e facilita l’espettorazione: 1 compressa ogni ora. Quando si noti un miglioramento e fino alla remissione dei sintomi, 1 compressa ogni 2-3 ore
  • Sciroppo Stodal (ditta Boiron) 1 cucchiaio tre volte al giorno (lo Stodal e il Tuikind hanno più o meno gli stessi componenti, uno è in forma di pastigliette l’altro è uno sciroppo) consigliato per tosse secca, dolorosa, aggravata dal minimo movimento
  • Bryonia 9CH 5 granuli anche ogni due ore (tosse secca aggravata inspirando aria fredda, migliora coprendo naso e bocca)
  • Rumex crispus 5 CH 5 granuli ogni 2 ore (tosse secca di notte e produttiva di giorno. Espettorazione di catarro giallastro)
  • Pulsatilla 9 CH

Rimedi naturali per la laringite catarrale nei bambini

Questo disturbo è caratterizzato da tosse secca, sibilante, con senso di soffocamento. Migliora con le bevande calde

  • Spongia Tosta 5CH 5 granuli anche ogni 10 minuti (risvegli notturni con dispnea intensa e respirazione rumorosa. Mucosità dense, difficili da espellere. Migliora stando seduto e con cataplasmi tiepidi sulla laringe)
  • Sambucus nigra 5CH 5 granuli anche ogni 10 minuti

Per la laringite recidivante

età inferiore ai due anni:

  • manganese-Rame 1 dose, 3 volte la settimana
  • Zolfo 1 dose, 3 volte la settimanan, 5 minuti dopo il Manganese-Rame

età superiore ai 2 anni:

  • Ribes nigrum MG 1 DH30/40 gocce al mattino
  • Betulla pubescens MG 1 DH 30/40 gocce nel pomeriggio
  • Rosa canina MG 1 DH 30/40 gocce alla sera

Cicli di 3 mesi e 1 di pausa

Rimedi naturali per il raffreddore nei bambini

  • *Anas Barbariae 200K 1 monodose ogni 6 ore per 3 volte iniziando dopo un contatto con soggetto infetto, dopo raffreddamento o ai primi sintomi
  • Manganese-Rame 1 dose al dì per una settimana
  • Rame 2-4 dosi al dì, iniziando ai primi sintomi. Ridurre la posologia nei giorni seguenti in base al miglioramento

Per la rinite recidivante (il raffreddore che continua a presentarsi)

  • Anas Barbariae 200 K  Una monodose alla settimana da ottobre a marzo

Oppure:

  • Manganese-Rame 1 dose, 3 volte alla settimana, soprattutto nella stagione autunno-invernale
  • Zolfo 1 dose, 3 volte la settimana (la somministrazione può avvenire 5 minuti dopo il Manganese-Rame)
  • Rame-Oro-Argento 1 dose, 1,2 volte la settimana (se c’è tendenza a otite, tonsillite, laringite, bronchite). Sospendere se compaiono nervosismo e insonnia.

Se in famiglia siete definitivamente K.O. con l’influenza, oltre a utilizzare tutto ciò di cui si è detto per lenire i sintomi e sentirsi meglio, è sicuramente l’occasione buona per rimanere a casa e riposare. E’ il nostro corpo che lo chiede, ma non solo: è anche una raccomandazione delle autorità sanitarie per evitare di diffondere il contagio

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0