gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Tonsillectomia: perchè asportare le tonsille

/pictures/20160121/tonsillectomia-perche-asportare-le-tonsille-1011301031[1525]x[636]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

La tonsillectomia è in linee generali un intervento semplice e quasi di routine. Quando bisogna togliere le tonsille nei bambini

Tonsille bambini

Spesso le tonsille nei bambini si gonfiano e di arrossano: rappresentano la prima barriera di difesa nei confronti di microbi come virus e batteri ma possono facilmente infettarsi e allora, in caso di infezioni ricorrenti, ci si comincia a chiedere se non sia il caso di togliere le tonsille.

Ma in cosa consiste l'intervento di tonsillectomia? La tonsillectomia è in linee generali un intervento semplice e quasi di routine, che nel passato è stato praticato anche troppo frequentemente, ma oggi viene eseguito soltanto se davvero necessario.

gpt native-middle-foglia-bambino

Generalmente si cerca di evitare questo tipo di intervento in bambini al di sotto dei tre anni di età e viene eseguito qualora il piccolo risulti soggetto a più di tre episodi di tonsillite acuta durante il corso dell'anno, o se sia affetto da tonsillite cronica.

L'intervento consiste nell'asportazione chirurgica delle tonsille palatine situate in fondo al palato e rivestite dalla mucosa faringea . Le tonsille sono costituite da linfociti e dunque sono molto importanti come organo di difesa dai batteri, per cui è consigliabile lasciare che il bimbo possa beneficiare di queste sedi dei processi immunitari e asportarle soltanto nel momento in cui esse stesse divengano un punto di sviluppo di un focolaio di germi.

Non eseguire l'operazione chirurgica in presenza del focus infettivo, potrebbe provocare un'infezione estesa e il conseguente danneggiamento anche grave di altri organi distanti. La tonsillite è causata da un batterio in grado di produrre delle tossine, lo streptococco, che a seguito di un'infiammazione (anche un semplice raffreddore), dà inizio al focolaio. Nella fase iniziale dell'infezione il medico somministrerà degli antibiotici che in genere sono sufficienti per eliminare il focus infettivo.

Se il disturbo permane e gli eventi di tonsillite si manifestano con frequenza, si farà ricorso all'intervento di tonsillectomia che si esegue con anestesia generale e prevede il ricovero ospedaliero di sole 24 ore.

Togliere le tonsille e le adenoidi

La sintomatologia della tonsillite acuta si compone di un marcato mal di gola, tonsille arrossate e gonfie, presenza sulle stesse di placche bianche, febbre alta. La tonsillite cronica al contrario, presenta sintomi di lieve entità a volte quasi non avvertiti, ricordiamo comunque che la tonsillite cronica è la conseguenza di infiammazioni acute frequenti.

Al contrario di quanto si crede popolarmente, l'asportazione delle tonsille non rende immuni da raffreddori o bronchiti. E' inutile somministrare gli antibiotici in infezioni date da virus. Se però l'infezione virale è complicata da un'infezione batterica sarà necessaria l'assunzione dell'antibiotico

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0