gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Ospedali: il dolore dei bambini viene ignorato

/pictures/20150218/ospedali-il-dolore-dei-bambini-viene-ignorato-3939214143[3762]x[1569]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Un'indagine di Cittadinanzattiva mostra che nonostante esista un legge sulla terapia del dolore i diritti, soprattutto dei bambini, vengono spesso ignorati

Terapia del dolore nei bambini

In Italia nel 2010 venne varata una legge che stabiliva il diritto di ogni paziente, adulto o bambino, ad essere trattato per il dolore. Una legge che ha reso il nostro un paese all’avanguardia nel campo della terapia contro il dolore ma che spesso negli anni non ha trovato giusta applicazione in ambito ospedaliero.

Lo denuncia Cittadinanzattiva che attraverso la rete del Tribunale per i diritti del malato è da anni impegnata nella lotta contro il dolore inutile.

Un recente progetto di studio portato avanti da Cittadinanzattiva intitolato IN-Dolore ha coinvolto 46 ospedali di 15 regioni italiane per complessivi 214 reparti e 711 pazienti ricoverati. L’obiettivo dell’indagine era quello di fotografare la situazione e individuare eventuali azioni per promuovere le terapie contro il dolore.

Questi i risultati principali emersi dall’indagine:

  • esiste una dilagante disinformazione sulla legge 38/2010 e sui diritti dei malati in tal senso. Il personale sanitario spesso è disinformato e di conseguenza non informa i pazienti
  • c’è scarsa attenzione al dolore dei bambini. Solo nel 64,4% dei casi vengano utilizzate tecniche per ridurre l’ansia o il disagio da dolore (per esempio massaggio, clown therapy etc…)
  • le procedure invasive minori vengono sottovalutate largamente: ad esempio il prelievo di sangue, le iniezioni o la medicazione di piccole ferite. Solo nel 50% dei casi vengono utilizzati farmaci a uso locale come le pomate a base di lidocaina che hanno effetto anestetico.
  • non c’è attenzione né per i bambini né per i genitori. In caso di intervento chirurgico il 69% delle strutture permette sulla carta che i genitori possano stare con il bambino nella pre-anestesia e al risveglio, ma nella realtà quotidiana meno del 63% dei genitori può stare con il bambino fino all’ingresso in sala operatoria e meno del 60% al momento del risveglio.
La presenza della mamma allevia il dolore del neonato

Sabrina Nardi, vice coordinatrice nazionale del Tribunale per i diritti del malato, spiega:

si presta poca attenzione ai bambini. In questo modo il bambino associa il camice bianco non solo al dolore ma anche all’assenza dei genitori, con conseguenti stati d’ansia e paura che non agevolano di certo la terapia medica. Inoltre, andrebbe evitata anche la sofferenza dei genitori, che si trovano ad aggiungere alla preoccupazione per l’intervento anche il dolore di non poter stare accanto al bambino, mentre mamma e papà dovrebbero essere considerati alleati dei medici perché possono fare molto per tranquillizzare e rasserenare il piccolo, oltre ad aiutare nell’interpretazione dei segnali di sofferenza


A questo link è possibile trovare le strutture coinvolte e l’attuale livello di attenzione al trattamento del dolore, registrato nei singoli ospedali e reparti, mentre cliccando su questo link è scaricabile la guida “per non soffrire inutilmente”.

Vogliamo che si diffonda la conoscenza dei diritti del malato che derivano dalla legge 38/2010: sono gli stessi genitori che dovrebbero chiedere all’arrivo in ospedale informazioni sui protocolli in atto e sulle procedure utilizzate per tenere sotto controllo il dolore e come possono collaborare con medici e infermieri, perché evitare la sofferenza si può e si deve

Spiega Sabrina Nardi, che auspica anche una maggior sensibilizzazione dei professionisti della salute.

 

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0