gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Le infezioni da piscina: sintomi e prevenzione

Durante l'estate le piscine sono tra le mete preferite per le famiglie. Nonostante i benefici dell'attività sportiva e il divertimento per i bambini, frequentare una piscina comporta il rischio di contrarre infezioni

RISCHI IN PISCINA - Nella stagione estiva le piscine sono la meta preferita per le famiglie con bambini, per i campus e i centri estivi. Per evadere dal caldo del  pomeriggio o per prepararsi alla vacanza al mare, si portano i bambini in piscina sicuri che il divertimento sarà assicurato. Nonostante i benefici del nuoto e dell’attività sportiva, frequentare le piscine comporta il rischio di venire a contatto con batteri, funghi e virus.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Mare o in piscina? Ecco come vestire i bambini

E’ stata stabilita una disciplina che regola i requisiti igienici delle piscine, ma i microrganismi responsabili delle infezioni arrivano con i frequentatori, si diffondo nelle zone calde e umide delle piscina, resistendo in alcuni casi all’azione del cloro. Alcuni infezioni che si possono contrarre in piscina richiedono l’assunzione di antibiotici o trattamenti mirati, con la raccomandazione di non sottovalutare i primi segnali. Quali sintomi controllare nei bambini dopo una giornata in piscina?

SINTOMI INFEZIONI IN PISCINA


- Vomito, nausea e diarrea dopo essere stati in piscina sono sintomi che potrebbero essere riferiti a un virus contratto nella struttura. Sono sintomi comuni a molti altri disturbi e per riuscire a isolare la causa è bene segnalare al medico curante che il bambino è stato in piscina.
- Problemi alla pelle: si deve controllare la presenza di eventuali bollicine, piaghe, ispessimenti simili a palline, irritazioni attorno a piccole escoriazioni, papule o piccole pustole.
- Condizioni delle unghie: le alterazioni da ricercare e segnalare al medico sono  ingiallimenti, macchie, o parti che diventano più spesse.
- Condizioni generali del piede: soprattutto verruche, controllare la pianta del piede e tra le dita.
- Disturbi all’orecchio: ronzii, effetto ovattato o dolore locale.
- Irritazione degli occhi con eccesso di lacrimazione e secrezioni.

LEGGI ANCHE: Come proteggere la pelle dei bambini dalle scottature

Come prevenire infezioni da piscina? Il rischio di venire a contatto con questi microrganismi è una eventualità  e può sicuramente essere limitata se si seguono alcune precauzioni. Quali accorgimenti generali possiamo insegnare ai bambini per evitare il contagio in piscina?

COME PREVENIRE INFEZIONI IN PISCINA

- Utilizzare solo il proprio asciugamano e le proprie ciabatte
- Non soggiornare a lungo nelle parti bagnate a bordo piscina
- Indossare occhialini impermeabili per proteggere gli occhi
- Eseguire lunghe docce dopo il soggiorno nella struttura
- Utilizzare le ciabatte negli spostamenti
- Cercare di tenere i piedi asciutti quando non si è in acqua
- Eliminare l’acqua residua dalle orecchie
- Coprire eventuali ferite o piccole escoriazioni.
- Asciugarsi bene dopo la doccia, soprattutto nelle parti del corpo in cu si trovano pieghe della pelle che potrebbero fare da ristagno per i batteri: inguine, ascelle, tra le dita dei piedi.

a cura di Daniela Poggi

IN PISCINA CON I BAMBINI, ECCO COSA ASPETTARTI



gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0