gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Raffreddore: consigli utili su come curarlo

/pictures/20141111/raffreddore-consigli-utili-su-come-curarlo-4178502191[833]x[347]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Cos'è il raffreddore e qual è il modo migliore per curarlo nei bambini?

Come curare il raffreddore

Il raffreddore è un'infezione virale che colpisce naso, bocca e gola e può essere provocato da più di cento virus. I tipi di virus che più comunemente sono responsabili del raffreddore sono coronavirus e rinovirus.

I sintomi sono naso che cola o naso chiuso, occhi rossi, tosse, mal di gola, stanchezza, ingrossamento delle ghiandole del collo.
Solitamente il raffreddore passa nel giro di 10 giorni.

Consigli per curare il raffreddore nei bambini 

Dipende dall'età. Se il bambino ha meno di 3 mesi non è consigliabile il paracetamolo e se un bambino così piccolo si ammala è bene chiamare il pediatra per evitare che un banale raffreddore degeneri in un'insufficienza respiratoria.
In genere, inoltre, fino ai sei anni alcuni farmaci non sono raccomandati.
Il pediatra saprà indicarvi quali sono i prodotti che si possono utilizzare.

Ecco qualche consiglio generale

Per pulire le narici e liberarle dal muco usate più volte al giorno l’acqua termale sulfurea salsobromoiodica che è molto efficace per liberare il nasino dal muco e catarro e per dare immediato sollievo.

L’acqua termale contiene una gran quantità di zolfo, sodio, bromo e iodio e molti oligoelementi. Tutte queste sostanze, insieme, attivano reazioni chimiche specifiche che possono rivelarsi efficaci per il trattamento di numerosi disturbi, come appunto il raffreddore.

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie l’acqua termale, instillata delicatamente nel nasino del bimbo e del neonato, libera rapidamente il naso e svolge un’azione stimolante e normalizzante per il funzionamento delle mucose nasali.

In tal senso è bene ricordare che l’acqua termale può essere usata quotidianamente per la detersione delle fosse nasali anche quando il bambino non ha il raffreddore: in questo modo si rimuoveranno dalle narici allergeni, batteri, ristagno di muco, si favorirà la respirazione e si garantirà un’azione immunostimolante.

Sinusite nei bambini, sintomi e rimedi

E ancora,

  • Dare da bere al bambino, soprattutto se ha la febbre per evitare la disidratazione. Offrirgli il seno regolarmente.
  • Per liberare le vie aeree, farlo dormire con la testa leggermente rialzata.
  • Se necessario, utilizzare un umidificatore per evitare che l'aria della stanza non sia troppo secca.
  • Non somministrare antibiotici senza il consenso del medico. Il raffreddore è una malattia virale quindi gli antibiotici sono inutili.

Come prevenire il raffreddore

Ecco qualche utile indicazione

  • Tenere il bambino lontano da persone raffreddate perchè il raffreddore è una malattia altamente contagiosa.
  • Lavarsi sempre accuratamente le mani prima di prendere il bambino in braccio e soprattutto dopo aver tossito o starnutito.
  • Evitare di condividere cucchiai e posate durante la pappa.
  • Ricordare che l'allattamento al seno aiuta a rafforzare il sistema immunitario del bambino. Il latte materno trasmette infatti anticorpi preziosi per combattere le più comuni infezioni.
  • Effettuare quotidianamente il lavaggio del nasino dei più piccoli. Tra i prodotti consigliati c'è l'acqua termale, che libera dalle impurità e dalle sostante nocive (allergeni, batteri, etc.) e aiuta a prevenire raffreddori e congestione.
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0