gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Niente scuola ai bambini non vaccinati?

/pictures/20151014/niente-scuola-ai-bambini-non-vaccinati-306460149[2099]x[875]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Su Change.org è stata lanciata una petizione diretta al Ministro della Salute per rendere obbligatori i vaccini per accedere a scuola

Vaccini scuola

Il tema dei vaccini è sempre d'attualità ed occupa un posto importante per un genitore che deve prendersi cura della salute di suo figlio. E' giusto informarsi, riflettere, ponderare i pro e i contro, consultarsi ed esporre tutti i propri dubbi ad esperti e medici, ma soprattutto è doveroso fare attenzione alla "cattiva informazione". A tale proposito su Change.org è stata lanciata una petizione diretta al Ministro della Salute Beatrice Lorenzini per evitare la diffusione di informazioni tendenziose sui presunti pericoli dei vaccini.

I danni provocati dalla diffusione di informazioni tendenziose da parte delle associazioni antivax stanno trasformando la nostra comunità: sono riapparse malattie che si credevano debellate, sono morti neonati e immunodepressi che non potevano usufruire della copertura vaccinale e si sono diffusi atteggiamenti irresponsabili nei confronti dei nostri figli.

Secondo Alice Pignatti, che ha lanciato la petizionele associazioni antivax avrebbero diffuso informazioni smentite dall'OMS e da diverse ricerche scientifiche, e starebbbero defraudando i genitori instillando la paura del complotto. A causa di queste notizie false sono riapparse malattie che si credevano debellate, sono morti neonati e immunodepressi che non potevano usufruire della copertura vaccinale e si sono diffusi atteggiamenti irresponsabili nei confronti dei bambini- dice Alice Pignatti.

gpt native-middle-foglia-bambino

La petizione chiede dunque che i vaccini diventino obbligatori per accedere alle strutture scolastiche come avviene in altri paesi. 

Per sostenere la petizione alcuni genitori, consapevoli dei danni causati dai bambini che non vengono fatti vaccinare, hanno lanciato una campagna social su Facebook e Twitter: #iovaccino no alla #disinformazione. Alcune mamme hanno pubblicato selfie con i propri figli mostrando un messaggio "#iovaccino No alla #disinformazione".

In questo modo i genitori di chi vaccina vorrebbe lanciare un messaggio chiaro : i bambini vaccinati "sono normali e sani" e non in pericolo come vorrebbe far credere il complotto anti-vaccino in corso in questo periodo.

Vaccini obbligatori e non

Parlando di normativa, al momento in materia di vaccinazioni esiste l'obbligo solo di alcuni vaccini (ad eccezione del Veneto) per lasciare la libertà ai genitori di scegliere in modo consapevole per la salute dei propri figli, e per quella degli altri (non dimentichiamo questo aspetto). Sul sito del Ministero della Salute si legge quanto segue:

In Italia, le vaccinazioni per l’infanzia obbligatorie per legge sono la vaccinazione antidifterica (Legge 6 giugno 1939, n° 891), la vaccinazione antipoliomielitica (Legge 4 febbraio 1966, n° 51), la vaccinazione antitetanica (Legge 5 marzo 1968, n° 292), la vaccinazione antiepatite virale B (Legge 27 maggio 1991, n° 165). Le vaccinazioni contro pertosse, morbillo, parotite, rosolia e infezioni da Haemophilus Influenza b (Hib), sono fortemente raccomandate, ma non sono state imposte per legge: Questa distinzione non esprime una valutazione di efficacia o sicurezza in quanto sono ugualmente efficaci e sicure sia le vaccinazioni obbligatorie che quelle raccomandate.Infatti, le stesse vaccinazioni non sono ugualmente obbligatorie o raccomandate in tutte le nazioni: ad esempio, la vaccinazione anti epatite B non è obbligatoria in Francia, dove invece è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare che in Italia è indicata solo in alcune categorie di persone.

La risposta del ministro alla petizione e alla campagna è stata che occorre valutare l'ipotesi di non far iscrivere a scuola i bambini non vaccinati (come avveniva prima). Una riflessione che potrebbe aprire le porte a cambiamenti radicali in tema di vaccini e arrestare il pesante calo che si sta registrando in Italia e che ha portato tra il 2012 e il 2014 a numeri preoccupanti: sotto la soglia del 95% di vaccinazioni obbligatorie, che è il minimo necessario per avere una copertura efficace della popolazione.

Vaccini obbligatori  per gli asili nido in Emilia Romagna

L'Emilia Romagna potrebbe essere la prima regione a chiedere di essere in regola con le vaccinazioni obbligatorie per poter frequentare l'asilo nido. Il Consiglio regionale avrebbe presentato un progetto di legge il 4 luglio 2016, che probabilmente sarà approvato a settembre. Come ha sottolineato il governatore Stefano Bonaccini è importante che tutti i bambini siano vaccinati per tutelare quelli più fragili e deboli di salute, quelli sprovvisti di difese immunitarie e quindi più esposti a malattie. Ad esempio i bambini malati di tumore o altre patologie croniche. A partire dall'anno scolastico 2017/2018 verranno richieste alle famiglie le vaccinazioni obbligatorie per i bambini che vorranno accedere all'asilo. I genitori avranno un anno per aggiornare i certificati dei bambini.  

Infografica sui Vaccini

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0