gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Neoplasie infantili in aumento a causa dell'inquinamento

Articolo shock quello pubblicato all’interno dell’ultimo numero de L’Espresso, secondo cui ogni anno, in Italia, le neoplasie infantili crescono del 2%, soprattutto nelle vicinanze di aree industriali o inquinate

ospedali-e-bambini-1Articolo shock quello pubblicato all’interno dell’ultimo numero de L’Espresso, secondo cui ogni anno, in Italia, le neoplasie infantili crescono del 2%, soprattutto nelle vicinanze di aree industriali o inquinate.

Vengono riportati i dati dello studio Airtum 2008 e si tratta di cifre agghiaccianti. Il trend in Italia, secondo quanto riportato nell’articolo, è anomalo rispetto a tutti gli altri paesi industrializzati; basti pensare che è di ben cinque volte più alto rispetto ai tassi americani.
Non solo! Vorremmo capire come mai, mentre nel vecchio continente, i linfomi infantili aumentano dello 0,9% annuo, in Italia la percentuale arriva addirittura al 4,6%. Ancora: i tumori del sistema nervoso centrale crescono del 2%, mentre negli USA si assiste ad una riduzione dello 0,1%.

In Italia ogni anno si ammalano circa 1500 bambini ed 800 adolescenti dai 15 ai 19 anni. Le terribili parole, quelle che mai vorremmo sentire nominare sono leucemia, linfomi, neuroblastomi, sarcomi dei tessuti molli, tumori ossei e renali.
Tuttavia, si evince un dato (che possiamo definire confortante): grazie all’efficacia delle cure, i tassi di mortalità sembrano diminuire. Ma l’incidenza sembra destinata a crescere.
Se i dati resteranno così, entro il 2015 si ammalerà il 18% in più di un under 14. Roma come Milano, Torino come Catania: nessuna città è al riparo. L’unica regione, che almeno per il momento, sembra essere più “tranquilla” è il Friuli Venezia Giulia.

Secondo Benedetto Terracini, uno dei luminari dell’epidemiologia dei tumori afferma che: “Non si può affermare con certezza che l’aumento sia dovuto all’inquinamento, ma è plausibile che influiscano fattori esterni a quelli genetic: sono decenni che le frequentazioni tumorali sono correlate all’ambiente”.

Inquinamento, rifiuti tossici, cibo avvelenato: bisogna difendere i bambini da tutto questo.
Cerchiamo un ambiente che sia il più possibile vivibile, correggiamo il nostro stile di vita; proteggiamo noi ed il nostro futuro.
Speriamo che il prossimo rapporto contenga dati più confortanti e rassicuranti

Martina Braganti
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0