Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-ros
1 5

Nasce Exit, la tecnica salvavita bebé durante il parto

Nasce a Roma il centro Exit ospedale pediatrico Bambino Gesu'-policlinico Gemelli di Roma, il primo in Europa, in cui vengono praticati interventi chirurgici durante il parto per salvare quei bambini che vengono al mondo in condizioni cliniche cosi' complesse da vederne compromessa la stessa vita

adsense-foglia-300
Nasce a Roma il centro Exit ospedale pediatrico Bambino Gesu'-policlinico Gemelli di Roma, il primo in Europa, in cui vengono praticati interventi chirurgici prima del distacco del cordone ombelicale (LEGGI) e dunque durante il parto per salvare quei bambini che vengono al mondo in condizioni cliniche cosi' complesse da vederne compromessa la stessa vita. Un traguardo importante nel campo della chirurgia.



LEGGI ANCHE: Interventi chirurgici ai bambini: come affrontarli senza traumi



La struttura che pratica con protocolli ad hoc questi delicati interventi salvavita e' stata presentata il 31 luglio nella Capitale. Si tratta di un percorso assistenziale che prende il via nei primi mesi della gravidanza e che si conclude al momento della nascita, spiegano gli esperti riuniti oggi al Gemelli. Finora questi interventi sono riusciti a salvare la vita a una bambina e a un bambino, entrambi operati a luglio, prima di essere completamente estratti dall'utero, permettendo cosi' all'equipe chirurgica di rimuovere masse e malformazioni (LEGGI) che avrebbero impedito la sopravvivenza dei piccoli al parto.



LEGGI ANCHE: Chirurgia estetica per 'migliorare' i bimbi down



L'uso di questa innovativa tecnica di chirurgia prenatale, denominata Exit (ex utero intrapartum treatment) e' efficace contro qualsiasi anomalia fetale (LEGGI) che possa compromettere la rianimazione del neonato in sala parto, come lesioni toraciche estese, gravi lesioni polmonari unilaterali, cardiopatie e tumori. Si ha il tempo per eseguire alcune manovre e procedure, dalla broncoscopia alla resezione chirurgica della massa, al posizionamento di cateteri endovenosi per la circolazione e la respirazione extracorporea.





Cio' trasforma una potenziale emergenza neonatale in una situazione clinica sotto controllo che permette di migliorare il risultato e gli esiti a distanza del bambino, sottolineano gli esperti


Fonte Credits| Il Tempo