gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Tutto sull'influenza 2017-2018: prevenzione, vaccino e sintomi

/pictures/2017/10/06/tutto-sull-influenza-2017-2018-prevenzione-vaccino-e-sintomi-990530778[963]x[401]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-bambino

Una guida all'influenza 2017-2018: sintomi, come prevenirla, come curarla e quando fare il vaccino

Influenza 2017-2018

Ci avviamo vero la stagione dell'influenza 2017-2018: la campagna di vaccinazione è alle porte e, anche se molte mamme sono già alle prese con febbricole e raffreddori, è bene sapere che non si tratta di vera e propria influenza ma di virus parainfluenzali. Come distinguere i sintomi della vera influenza e come curarla? Il Ministero della Salute ricorda che nella stagione 2016-2017, il picco epidemico è stato raggiunto nell’ultima settimana del 2016 in anticipo di circa quattro settimane rispetto alle stagioni precedenti e che il periodo epidemico è durato 12 settimane.

Come sarà l'influenza 2017 2018?

Secondo Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università degli studi di Milano,
quella che ci aspetta dovrebbe essere una stagione influenzale di media intensità, con non meno di 5 milioni di casi.

Numeri in linea con quelli registrati l'anno scorso, considerando che, secondo i dati resi noti dall'istituto Superiore di Sanità, nella stagione 2016-2017 l'influenza ha messo a letto 5,5 milioni circa di persone, con un'incidenza di 93 casi per 1000 abitanti.

Sintomi dell'influenza 2017-2018

L'influenza è causata da alcuni virus circolanti nell'aria che possono essere trasmessi da persona a persona attraverso goccioline di saliva, starnuti o semplicemente respirano. I sintomi dell'influenza sono:

  • mal di testa;
  • raffreddore e naso che cola;
  • tosse;
  • dolenza alle orecchie;
  • mal di gola;
  • spossatezza e dolori articolari;
  • febbre molto alta.

E' il caso di ricordare che una leggera febbricola non è causata dall'influenza vera  e propria ma da virus parainfluenzali che nella maggior parte dei casi provocano tutti i classici sintomi influenzali – e spesso disturbi gastrointestinali e sindromi respiratorie - tranne la febbre.

Influenza: prevenire e curare con i metodi naturali

Come curare l'influenza 2017 2018?

Il consiglio resta lo stesso di sempre: l'influenza dura dai 3 ai 5 giorni e in pratica passa da sola, senza bisogno di farmaci. Possiamo somministrare paracetamolo per alleviare i sintomi che possono causare malessere nel bambino o per far scendere la febbre, ma in realtà il riposo è l'unica cura efficace.

E' importante:

  • far riposare il bambino il più possibile;
  • farlo bere (acqua, succo d'arancia, latte);
  • preparagli pasti leggeri e non forzarlo a mangiare se non ne ha voglia;
  • somministrare paracetamolo quando la febbre è più alta di 38°;
  • areare regolarmente gli ambienti domestici.

Quando chiamare il pediatra?

In linea di massima la febbre sparisce d asola nel giro di qualche giorno e, come detto, nel frattempo possiamo solo avere pazienza, far riposare il piccolo e somministrate eventualmente il paracetamolo nelle dosi corrette (che variano in funzione del peso del bambino).

Chiamare il pediatra quando:

  • la febbre è molto alta e il bambino ha meno di un anno di vita;
  • se la febbre è alta e dura da più di 5 giorni (potrebbe essersi instaurata un'infezione batterica che richiede l'uso di antibiotici);
  • se il bambino è molto spossato.

 Il vaccino per l'influenza 2017 2018

Partirà a metà ottobre la campagna vaccinale per l'influenza stagionale. Il vaccino ogni anno viene formulato sulla base dei virus circolanti. Quest'anno la composizione del vaccino è simile  a quella della stagione 2016 2017 ma è stato inserito il nuovo virus H1N1 A/Michigan.

Il Ministero della Salute raccomanda il vaccino antinfluenzale a tutte le categorie a rischio (bambini con malattie croniche, immunodepressi, anziani), mentre per quanto riguarda i bimbi in buona salute con più di sei mesi è consigliabile chiedere il parere al pediatra che potrà consigliare o meno il vaccino.

C'è tempo per fare il vaccino dalla metà di ottobre fino alla fine del mese di dicembre.

Il bambino ha la febbre, che fare?

Come prevenire l'influenza 2017 2018

Chiaramente i bambini sono tra i soggetti più colpiti dall'influenza, e anche dai virus parainfluenzali, perché la permanenza all'interno di ambienti chiusi ed affollati, come quelli scolastici, aumenta il rischio di trasmissione virale. Prevenire l'influenza è certamente difficile ma possiamo comunque provare a proteggere i nostri bimbi e stimolare le loro difese immunitarie. In che modo?

  • Insegniamo loro a lavarsi bene e più volte al giorno le mani;
  • ricordiamo loro di usare sempre e solo le stoviglie personali e non quelle dei compagni;
  • liberiamo sempre il naso da muchi e catarro;
  • garantiamo al loro organismo la giusta idratazione facendogli bere ogni giorno almeno un litro d'acqua;
  • areiamo regolamentate e più volte al giorno le stanze della casa;
  • garantire il giusto apporto di vitamine e minerali che stimolano il sistema immunitario.
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0