gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Giornata mondiale dell'Autismo 2013

Quattrocentomila bambini italiani convivono con una forma di autismo. Il 2 aprile è dedicato a loro

In Italia 400mila bambini convivono con una qualche forma di sindrome autistica (LEGGI).
Il 2 aprile di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale dell'Autismo, per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'autismo e sui suoi effetti e anche per fare il punto sulle nuove terapie e sulla qualità della vita delle persone autistiche.


LEGGI ANCHE: LA SINDROME DELL'AUTISMO, COME SI MANIFESTA


Istituita nel 2007 per iniziativa dell'ONU, la Giornata Mondiale dedicata all'Autismo ha anche lo scopo di far conoscere l'autismo e sfatare luoghi comuni, combattere i pregiudizi.
Fino a meno di un decennio fa l'autismo era considerata una forma di pazzia, solo negli ultimi tempi la presa di coscienza, l'informazione, la sensibilizzazione sull'argomento sono state forti.

Oggi sappiamo che esistono tante forme di autismo, qualcuno riesce a convivere con la malattia, per qualcun altro le cose sono più difficili, ma i progressi in termini di terapie convenzionali e alternative (LEGGI) sono davvero tanti.

I pregiudizi resistono e i media spesso parlano di autismo nella maniera sbagliata. basti ricordare l'ultimo caso. Quello della strage nella scuola del Connecticut: il giovane autore dell'eccidio era affetto dalla sindrome di Asperger e la maggior parte dell'opinione pubblica si è fatta l'idea che la causa dell'assurdo gesto sia stata proprio la malattia (LEGGI).

LEGGI ANCHE: Autismo, un altro punto di vista sulle cure



Lo slogan dell'edizione 2013 della Giornata Mondiale dell'Autismo è “Autismo, più frequente di quanto non si pensi". Le diagnosi di sindromi autistiche riguardano in Italia 3 persone ogni mille, mentre negli Stati Uniti sono due casi su 100 bambini.
I motivi di queste macroscopica differenza? Gli esperti sono certi che in Italia ci sia un  ritardo nel riconoscimento dei sintomi e nelle diagnosi (LEGGI).



E proprio per favorire la diagnosi e migliorare i trattamenti per l'autismo (che resta una condizione cronica e non curabile) l'Istituto Superiore di Sanità ha emanato le linee guida per ”Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti”.

Indicazioni preziose per medici, insegnanti e genitori perchè nella giungla dei terapeuti alternativi e delle teorie complottistiche riuscire a districarsi è molto difficile. Ed ecco perchè l’associazione nazionale dei genitori di soggetti autistici (Angsa) ha redatto una serie di consigli per indicare quali sono i trattamenti non raccomandati, perchè non è confermato che siano davvero efficaci e, anzi, in certi casi possono essere controproducenti.



gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0