gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

I colleghi possono regalare le ferie a chi ha un figlio malato

In Francia via libera ad un provvedimento che consente di regalare parte delle proprie ferie ad un collega che ha il figlio malato

ASSENZA PER MALATTIA DEL BAMBINO, I COLLEGHI REGALANO LE FERIE - In Francia hanno approvato in via definitiva una legge che consente di regalare una parte delle proprie ferie ad un collega che ha il figlio malato e che ha esaurito le ore di permesso e i giorni di congedo a sua disposizione.

LEGGI ANCHE In arrivo il congedo parentale frazionato

La legge si chiama Legge Mathys, in omaggio al picoclo Mathys, morto a 10 anni per un tumore al fegato. Figlio di Christophe Germain, impiegato presso lo stabilimento Badoit di Saint-Galmier, il piccolo Mathy era andato incontro, nel 2009, ad una ricaduta del suo cancro e il papà non aveva più a disposizione giorni di permesso per potergli stare accanto. Quando Antony, suo collega e amico di vecchia data, gli domandò se avesse bisogno di denaro o di aiuto, Christophe rispose che in realtà aveva bisogno soltanto di una cosa: tempo.

E fu così che Antony organizzò una vera  e propria colletta di giorni di ferie tra tutti i colleghi: alla fine Christophe si ritrovò con un totale di 170 giorni di ferie che avrebbe potuto passare con suo figlio. Il suo bambino è morto il 31 dicembre del 2009 e proprio grazie alla solidarietà dei suoi colleghi, questo papà ha potuto stare accanto al suo bambino per tutto il tempo che gli era rimasto.

LEGGI ANCHE Bambini a lavoro con mamma e papà

E allora ecco che oggi in Francia questa catena di solidarietà in soccorso di un collega che ha figli malati non è più solo una notizia che fa clamore, ma una  realtà che diventa prassi. La legge, spiega Christophe, è la miglior ricompensa per i colleghi che gli sono stati accanto e che hanno donato i loro giorni di ferie.

Dalla morte del suo bambino, Christophe ha dato vita ad un'associazione che si è battuta in tutti questi anni affinchè la possibilità di donare parte delle proprie ferie in caso di circostanze eccezionali come questa diventasse una vera e propria legge e venisse istituzionalizzata.

E oggi il Senato francese ha dato il via libera definitivo. La legge prevede che un dipendente - sia pubblico che privato - possa, in forma anonima e senza ricevere nulla in cambio, rinunciare a tutti o a una parte dei propri giorni di riposo arretrati in favore di un collega che abbia un figlio di età inferiore ai 20 anni colpito da "una malattia, un handicap o è vittima di un incidente di particolare gravità".

Il genitore dovrà presentare il certificato medico e gli verrà corrisposto il 100% dello stipendio.

LEGGI ANCHE Lavoro e gravidanza, tutto quello che c'è da sapere

CONGEDO PER MALATTIA DEL FIGLIO IN ITALIA - Ma come viene regolato il congedo per assistere il figlio malato in Italia?
L'INPS spiega che il padre o la madre hanno diritto
- nei primi 3 anni di vita del bambino, a congedi per malattia dello stesso, senza limiti di tempo, anche se la malattia non è in fase acuta;
- dai 4 agli 8 anni di età del bambino, a 5 giorni lavorativi all'anno , per ciascun genitore, per un totale massimo di 10 giorni non fruibili contemporaneamente.
In entrambi i casi:
- non sono previste visite di controllo; i  congedi non sono retribuiti; è possibile chiedere l'anticipo del trattamento di fine rapporto (TFR).

BAMBINI IN OSPEDALE


gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0