gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Come eliminare il catarro nei bambini, consigli e rimedi

/pictures/20160915/come-eliminare-il-catarro-nei-bambini-459538452[1662]x[693]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Come eliminare il catarro nei bambini? Consigli e accorgimenti per aiutare il bambino ad espellere il catarro e respirare meglio

Come eliminare il catarro nei bambini

L'accumulo di catarro nelle vie respiratorie è un disturbo frequente tra i bambini, ed è sintomo di infezioni, allergie o altre malattie acute o croniche in corso: ricordatevi è sempre meglio chiedere un consulto al vostro medico di fiducia e seguire le sue indicazioni.

Ma come espellere il catarro e permettere al piccolo di dormire e respirare meglio, decongestionando polmoni o gola infiammati?

Il catarro è muco solidificato che può accumularsi a livello della gola o dei polmoni, una secrezione viscida prodotta dalle mucose. E' spesso accompagnato dalla tosse che ha l'importante funzione di mantenere in buona salute, perché si tratta di un meccanismo dell'organismo per espellere sostanze estranee.

La tosse può essere secca o grassa. La prima è dovuta all'espulsione rumorosa di aria senza il bisogno di espellere muco ed interessa soprattutto faringe, laringe e trachea . Mentre la tosse grassa è caratterizzata dalla risalita del catarro verso la gola. Serve all'organismo per eliminare dalle vie respiratorie le secrezioni di muco accumulate. Se la tosse dura meno di 3 settimane si può definire acuta, mentre se dura da più di 3 settimane allora si parla di tosse cronica. Se avete dubbi ricordatevi di consultare sempre un medico.

Tosse nel bambino: come curarla con i rimedi casalinghi

Catarro nei bambini, le cause

Bronchiti, raffreddori, allergie, sinusiti, bronchioliti e altre malattie respiratorie sono le possibili cause dell'accumulo di catarro nei bambini. Ecco una lista di possibili cause della formazione del fastidioso muco:

  • reazioni allergiche causate da corpi estranei o sostanze irritanti 
  • infezioni virali e batteriche come raffreddore, influenza e sinusite
  • bronchite acuta e cronica. I sintomi della bronchite acuta sono febbre, dolore al petto e tosse secca con catarro chiaro o giallo
  • bronchiolite: un'infiammazione dei bronchioli, ovvero le ultime e più piccole ramificazioni dei bronchi.

Colore del catarro nella gola dei bambini

Il colore del catarro in gola è un segnale importante per individuare il tipo di infezione, in quanto può essere sintomo di diverse patologie:

  • Il catarro di colore chiaro appare nelle fasi iniziali del disturbo.
  • Può diventare giallo in caso di infezione batterica del tratto respiratorio inferiore: sinusite, raffreddore o influenza.  Anche la bronchite cronica, il gocciolamento retronasale e il reflusso gastroesofageo possono provare l'espulsione di muco giallo.
  • Il catarro verde può essere sintomo di un'infezione batterica come la tubercolosi o di gocciolamento retronasale.
  • Se ci sono tracce di sangue può essere segno di una tubercolosi o di un tumore al polmone. La tosse con catarro e sangue può anche indicare una lesione alle cavità nasali o una bronchite.

E' sempre opportuno rivolgersi al medico quando il catarro muta di colore e quando non accenna a diminuire. Inoltre prima di iniziare qualsiasi terapia per espellere il catarro è fondamentale consultare il pediatra. In questo modo sarà possibile individuare l'infezione o la malattia in corso e dunque scegliere una cura adeguata.

Rimedi per il catarro nel neonato

Spesso il muco può diventare abbondante e difficile da eliminare per i neonati che non riescono a soffiare bene il naso o ad espettorarlo con la tosse. Ecco alcuni consigli da seguire su come eliminare il catarro accumulato nei bambini piccoli.

  • Far bere molta acqua o altri liquidi al neonato per rendere il muco più fluido e quindi più semplice da espellere.
  • Dopo l'anno di età si può sciogliere un po' di miele (senza esagerare) nel latte o nella camomilla che aiuta a fluidificare il catarro, allievare il bruciore alla gola e calmare la tosse.
  • Umidificare l'ambiente per inumidire le vie respiratorie è un rimedio utile, ma anche un consiglio per prevenire eventuali disturbi.
  • Se il catarro è accompagnato anche dal nasino chiuso, è consigliabile effettuare un lavaggio delle narici con una soluzione fisiologica come viene consigliato dalla pediatra in questo video.

Come pulire il nasino ed eliminare il catarro nei bambini piccoli, Video 

La pediatra Letizia Raimondi ci spiega come pulire al meglio il naso del bimbo: tutti i modi per rimuovere il muco. E' molto importante liberare il naso dei bambini, in quanto un naso non pulito provoca un ristagno di secrezioni nei seni paranasali e queste secrezioni possono scendere nelle basse vie aeree per aspirazione causando bronchiti asmatiche, bronchiti catarrali e polmoniti. Liberando il naso, si libera anche l'orecchio e i seni paranasali evitando la comparsa dell'otite media acuta.                     

Catarro nei bambini come scioglierlo

  • Se i bambini sono più grandicelli possiamo invitarli ad inalare del vapore: far scaldare l'acqua, versarla in un recipiente e far respirare il vapore. Fare attenzione a non avvicinarli troppo all'acqua calda per evitare eventuali scottature. L'aggiunta di sostanze balsamiche potrebbe essere dannosa per il bambino perché alcune possono aumentare l'irritazione delle vie aeree e causare il peggioramento dei sintomi: chiedete al vostro medico.
  • Aerosol con soluzioni fisiologiche per facilitare la fluidificazione delle secrezioni. Sarà il pediatra a indicarvi i farmaci da acquistare.
  • Gargarismi con una soluzione di mirra (1/4 di cucchiaino di mirra all'acqua calda) e bere. La mirra aiuta a espellere il muco e riduce l'infezione. E' consigliabile effettuare i gargarismi 3 o 4 volte al giorno. Ricordatevi anche per le sostanze considerate "naturali" è meglio chiedere un parere medico.
  • Gargarismi con acqua e sale

Se la bronchiolite è la causa del catarro, ecco alcuni consigli da seguire:

  • eventuale somministrazione di farmaci broncodilatatori con l'aerosol ( sempre e solo dietro indicazione del pediatra)
  • mantenere umidificato l'ambiente in cui dorme il bambino
  • far dormire il bambino con la testa leggermente sollevata far bere molta acqua al piccolo  

Sciroppo per il catarro dei neonati

Il pediatra potrebbe prescrivere uno sciroppo alla tosse che agisce come espettorante del catarro o uno sciroppo per placare la tosse. Mai acquistare un farmaco senza consultare prima il vostro medico curante. Bisogna prendere sempre il prodotto giusto perché alcuni sono adatti ai bambini mentre altri sono per gli adulti.

Catarro nei bambini, i rimedi omeopatici 

Per aiutare i bambini e i neonati ad eliminare il catarro si può ricorrere anche ai rimedi naturali e in particolare all'omeopatia. Ecco alcuni dei rimedi più noti, chiedete una valutazione al vostro pediatra

  • Ferrum Phosphoricum (ideale contro raffreddori, sinusiti e bronchiti acute in fase iniziale)
  • Natrum muriaticum (serve per ripristinare il giusto grado di idratazione dei tessuti nasali che tendono a seccarsi a causa dell'infiammazione).

Sciogliere il catarro nei bambini rimedi naturali

I bambini hanno spesso la tosse e hanno difficoltà a liberarsi dal catarro. Goccine per sedare la tosse, sciroppi e medicine a volte sono inutili e questo fa nascere una sensazione di impotenza nelle mamme. Ecco alcuni rimedi naturali per aiutare il bambino a sciogliere il catarro:

  • Sollevare la testa con un cuscino mentre dorme, in modo che possa respirare più facilmente
  • Usare gli umidificatori in stanza : un ambiente troppo secco ostacola infatti la respirazione. Un umidificatore o delle vaschette con acqua posizionate sui caloriferi possono rendere l'aria più umida e il muco più fluido e quindi più semplice da espettorare.
  • Pulire e liberare il nasino: qualche goccia di acqua termale può liberare il naso dalle impurità. Se usata tutti i giorni per il lavaggio del nasino, libera da batteri e allergeni, responsabili di raffreddori e altri disturbi.
  • Garantire igiene nella cameretta: lo spazio dove il bambino dorme e passa la maggior parte del suo tempo deve essere pulito e tenuto in ordine. Attenzione ai peluche, tappeti e oggetti vari dove possono nascondersi e accumularsi acari, muffe e altre sostanze che causano asma e allergia.
  • Farlo stare all'aria aperta: una giornata al mare o all'aperto, in natura o in un altro luogo incontaminato fa più di mille medicine.

In tutti i casi è assolutamente necessario chiedere il consulto di un pediatra o uno specialista.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0