gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Crescere in una bolla: ipoacusia e sordità infantile

/pictures/20150730/crescere-in-una-bolla-ipoacusia-e-sordita-infantile-2543679973[4831]x[2010]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Il Dr. Fabio Tomassetti, Direttore Scientifico di PiùUDITO, ci spiega come la diagnosi tempestiva e le terapie precoci siano fondamentali nella cura della sordità infantile e dell' ipoacusia

Sordità infantile: diagnosi e terapia

La sordità è una tra le più comuni disabilità congenite infantili,  colpisce 1-3 neonati su mille e 4-5% dei neonati ricoverati in terapia intensiva neonatale. La sordità è, quindi, ritenuta una patologia frequente con conseguenze importanti sulla vita di relazione dei bambini legate alla compromessa possibilità di riuscire a sviluppare una normale comunicazione verbale. Il Dr. Fabio Tomassetti, Direttore Scientifico di PiùUDITO, ci spiega nel dettaglio perchè è importante intervenire tempestivamente.

Le linee guida internazionali della Joint Committee on Infant Hearing, USA  2007 indicano la necessità di avvio alla terapia protesico-riabilitativa in tutti i soggetti neonati affetti da ipoacusia entro i primi 6 mesi di vita e di diagnosi precoce entro i 3 mesi di vita. La protesizzazione su indicazione del medico Otorino o Audiologo, risulterà fondamentale per attivare tutte le aree preposte alla ricezione, trasmissione e analisi degli stimoli uditivi percepiti.

Lo scopo principale dell'adattamento audioprotesico nel bambino neonato, è quello di riuscire ad ottenere una compensazione della perdita uditiva quanto più completa possibile, per permettere al bambino di raggiungere l'udibilità delle voci, dei suoni e dei rumori intorno a lui.

Questo è fondamentale per lo sviluppo del linguaggio e per la corretta maturazione dell'area uditiva primaria preposta alla corretta analisi uditiva. Risulta abbastanza complessa la procedura di corretto adattamento audioprotesico e per questa ragione, è necessario che le figure coinvolote nella terapia collaborino tra loro: il medico Otorino o Audiologo, l'Audiometrista, l'Audioprotesista, la Logopedista e non ultimi i genitori del piccolo paziente.

Per prevenire danni irreversibili nello sviluppo cognitivo è fondamentale agire tempestivamente. Ipoacusie, anche di lieve o media entità, se protratte nel tempo, possono determinare difficoltà nell'ascolto in presenza di rumore - ad esempio in una classe scolastica - e nella localizzazione delle sorgenti sonore - basti pensare a quanto questa capacità sia importante anche soltanto per attraversare la strada in sicurezza.

Ipoacusia infantile, come capire se il bambino ha problemi di udito

E' utile anche considerare che un bambino con difficoltà uditive importanti, non riuscirà a riprodurre i suoni delle parole che sente, non potrà essere calmato e rassicurato dalla voce della mamma e inoltre non potrà recepire correttamente buona parte di tutte le esperienze sensoriali che compiono i suoi coetanei. Ed è anche questa mancanza di stimolazione che arresta o altera il normale sviluppo uditivo ed è bene ricordare che la durata della sordità prima della diagnosi e dell'intervento protesico-riabilitativo, è negativamente correlata con la capacità che avrà in futuro il bambino di esprimersi e comunicare.

Il dottor Fabio Tomassetti conclude spiegando nel dettaglio la terapia:

Generalmente l'età consigliata per l'adattamento audioprotesico, è entro i primi 6 mesi di vita. Oggi per tutti i bambini in età collaborativa, oltre i 5 anni di vita, la PiùUDITO, attraverso uno studio durato oltre venti anni, è riuscita a sviluppare il Nuovo Protocollo Audioprotesico, basato su una procedura metodologica innovativa, usata durante la pratica di regolazione delle audioprotesi, che consente di ottenere risultati ottimali per il recupero della migliore percezione uditiva possibile nelle ipoacusie, attraverso il riequilibrio ottimale ancora praticabile in ogni singolo orecchio ipoacusico trattato. Questo riequilibrio ottimale rende la percezione dei suoni, più equilibrati e definiti su tutte le frequenze ancora compensabili. Ad oggi, il Nuovo Protocollo Audioprotesico, è praticabile solo nei soggetti collaborativi, ma uno dei nostri obiettivi futuri sarà anche quello di renderlo applicabile in assenza di partecipazione da parte del paziente. Questo, un domani, permetterà al bambino di guadagnare tempo nel recupero o nella abilitazione della sua migliore capacità uditiva possibile, limitando al massimo le inevitabili conseguenze legate a tutte le sordità non compensate attraverso la terapia protesico-riabilitativa

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0