gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Chetosi: cos'è e come curarla

Il vostro bambino è troppo pallido? Ha spesso la nausea? Non preoccupatevi! Sono soltanto i sintomi della chetosi. Scoprite assieme a noi di cosa si tratta e come curarla

A cura di Silvia Casini

Il vostro bambino è troppo pallido? Ha spesso la nausea? Non preoccupatevi! Sono soltanto i sintomi della chetosi. Scoprite assieme a noi di cosa si tratta e come curarla.


Come curare vomito e acetone nei bambini


L’acetonemia o chetosi, denominata comunemente “acetone”, non è una vera e propria malattia, ma piuttosto un disturbo tipico dell’infanzia. È caratterizzata da una disfunzione temporanea del metabolismo e si verifica quando l’organismo, una volta terminati gli zuccheri nel sangue, inizia a bruciare i grassi. Di fatto, è una patologia innocua e molto frequente nei bambini, perché la combustione dei grassi genera il cosiddetto acetone, ovvero una sostanza tossica che si deposita e si accumula nel flusso ematico provocando una sensazione di malessere generale. Di norma, l’insorgere di questo problema arriva soprattutto nei mesi invernali, quando si cominciano a mangiare cibi più grassi, oppure quando arrivano le prime febbri. In pratica, non è altro che la conseguenza di uno squilibrio alimentare. Quindi, non bisogna allarmarsi quando compare, anche perché curare i sintomi è molto semplice: occorre seguire una corretta dieta alimentare. Entriamo nei dettagli per capire come affrontarla…

I sintomi

La comparsa di un forte odore nell’alito (come di frutta matura) è il primo sintomo rilevabile. Inoltre, l’accumulo progressivo di chetoni nel sangue genera un senso di malessere generale provocando nausea, dolori addominali, cefalea, occhi cerchiati, volto affilato, sonnolenza, irritabilità, lingua color bianco-giallognola, mucose disidratate, respiro profondo e frequente, fino a giungere, in rari casi, alla comparsa di alterazioni della coscienza.


Rigurgito, vomito e diarrea nei primi mesi


Le cause

La chetosi, di fatto, comporta l’esaurimento delle scorte di zucchero necessarie a produrre energia. Può essere causata da un digiuno prolungato, da vomito o da diarrea, che impediscono di introdurre o di trattenere cibo nell’organismo. Così, quando il corpo brucia tutti gli zuccheri di cui ha bisogno e dopo un po’ se ne trova privato, li attinge da una fonte alternativa: dai grassi. Il metabolismo dei grassi causa la produzione di scorie (i corpi chetonici) che confluiscono nel sangue e svolgono un’azione tossica, responsabile appunto dell’acetone. In sostanza, come accennato precedentemente, la chetosi è provocata da disfunzioni alimentari. Ad esempio, una dieta troppo ricca di grassi, può far insorgere il disturbo, oppure i digiuni prolungati o gli sforzi intensi. Inoltre, la chetosi può manifestarsi anche conseguentemente a “stress” infettivi febbrili, che possono provocare l’aumento della secrezione di ormoni che metabolizzano i grassi (catecolamine, cortisolo, ormone della crescita e glucagone). E in episodi più gravi, può essere dovuta alla carenza di insulina (diabete).


Gastroenterite, sintomi e prevenzione


Le cure

Non trattandosi di una malattia, non sono necessari farmaci per curare l’acetone. È necessario soprattutto prendere determinati provvedimenti per eliminare le tracce di acetone in eccesso nel sangue. Ad esempio, occorre evitare i cibi ricchi di grassi (latticini, dolci, gelati, uova, burro, cioccolata, yogurt, insaccati, ecc.) e incrementare la qualità di zuccheri (spremute, miele, biscotti, thè, ecc.). Spesso si somministrano direttamente cucchiaini di zucchero ai bambini affetti da questo disturbo. Di norma, seguendo questi semplici suggerimenti, l’acetone scompare dopo 24/48 ore. Quindi, ricordatevi di somministrare al piccolo alimenti ricchi di carboidrati, come pasta, pane, patate, riso, perché la loro digestione libera lentamente, e per ore, glucosio nel lume intestinale.


chetosi-come-curarla


In questo modo si reintegrano le scorte di energia e l’organismo riprende a utilizzare normalmente gli zuccheri come combustibile. Inoltre, la ripetuta somministrazione di bibite zuccherate e senza grassi (thè, camomilla, ecc.) consente di ridurre la produzione di chetoni. A volte, però, il vomito può ostacolare questa terapia riabilitativa. Il nostro consiglio? Fate bere a vostro figlio, più volte nell’arco della giornata, delle bevande zuccherate a piccole dosi. Così, riuscirete a farlo sentire meglio in poche ore!
 

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0